Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Il mercato del lavoro spinge l’economia USA verso un inizio del 2024 positivo

Pubblicato 28.12.2023, 09:58

Mentre ci avviamo verso la chiusura del 2023, le prospettive per l’economia statunitense si mostrano relativamente positive per il quarto trimestre, in base ad una serie di nowcast preparati da CapitalSpectator.com.

Il dato ufficiale del Bureau of Economic Analysis per il PIL del quarto trimestre previsto per fine gennaio, dovrebbe riportare un’espansione dell’economia dell’1,6% (tasso annuo destagionalizzato), sulla base della mediana mostrata nel grafico sottostante.

La previsione rivista di oggi segna una forte decelerazione rispetto all’aumento del 4,9% del terzo trimestre, ma è abbastanza forte da mantenere l’economia su un percorso a basso rischio di recessione fino alla chiusura del 2023.

US Real GDP Change

La previsione odierna per il 4° trimestre è invariata rispetto alla stima mediana dell’1,6% del 15 dicembre.

A questo punto del trimestre in corso, il nowcast stabile suggerisce un grado di fiducia relativamente alto a favore della cosiddetta prospettiva di atterraggio morbido dell’economia, una crescita più morbida che aiuta a contenere l’inflazione ma evita una recessione definita dall’NBER.

Ad essere onesti, un ritmo dell’1,6% segna un chiaro rallentamento rispetto alla storia recente. L’aumento medio del PIL per i quattro trimestri fino al terzo è del 2,9%, anche se ciò riflette l’anomalia al rialzo dei dati del terzo trimestre.

In ogni caso, è evidente che l’espansione si è ridotta, ma è ancora discutibile se il rallentamento della crescita sia indice di difficoltà o di una moderazione dagli effetti estremi della pandemia a un trend più morbido ma sostenibile.

Gli economisti offrono pareri contrastanti su ciò che si prospetta per il 2024. Secondo un nuovo sondaggio, il 76% degli economisti aziendali prevede che le probabilità di una recessione nel 2024 siano pari o inferiori al 50%, come riporta la National Association for Business Economics.

“Il nostro scenario di base prevede una lieve recessione”, afferma Larry Adam, chief investment officer di Raymond James.

Le aspettative che la Federal Reserve inizierà a ridurre i tassi d’interesse all’inizio del 2024 confermano l’idea che la politica monetaria contribuirà a compensare alcuni dei venti contrari in arrivo.

“Un improbabile ‘atterraggio morbido’ per l’economia statunitense sembra più probabile l’anno prossimo”, scrive John Min, capo economista di Monex USA, in una recente nota di ricerca.

Sebbene sia difficile prevedere cosa possa accadere o meno al di là dei prossimi mesi, è sempre più chiaro che l’economia statunitense uscirà dal 2023 con un modesto vento di coda.

“C’è molto da rallegrarsi per l’economia e l’anno prossimo dovrebbe essere ancora migliore, dato che la Federal Reserve ha tolto i freni all’economia ora che l’inflazione sta andando nella sua direzione”, prevede Christopher Rupkey, capo economista di FWDBONDS a New York.

Una delle ragioni principali è la tenuta del mercato del lavoro. Sebbene le assunzioni siano in calo, il basso livello delle richieste di disoccupazione, un indicatore anticipatore delle buste paga, continua a segnalare una crescita a breve termine.

Nell’ultimo report, le nuove richieste di sussidi di disoccupazione al 15 dicembre sono state 205.000, quasi il numero più basso mai registrato.

Questo dato ci fa presupporre che il livello delle nuove assunzioni resterà forte e offrirà il supporto per tenere l’attività economica positiva fino all’inizio del 2024.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.