Ultime Notizie
Ricevi uno sconto del 40% 0
🔎 Vedi NVDA i ProTips per un’istantanea di rischi o ricompense Richiedi lo SCONTO DEL 40%

Il ruolo dell'oro e del suo indice di volatilità nel conflitto Israele-Hamas

Da Matteo FarciPanoramica mercato25.10.2023 08:02
it.investing.com/analysis/il-ruolo-delloro-e-del-suo-indice-di-volatilita-nel-conflitto-israelehamas-200464601
Il ruolo dell'oro e del suo indice di volatilità nel conflitto Israele-Hamas
Da Matteo Farci   |  25.10.2023 08:02
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
 
USD/RUB
+0,22%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
ILS/USD
-0,10%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
IT10Y...
+1,84%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 

Buongiorno. Questa analisi mira a comprendere per quanto tempo gli investitori continueranno a risentire dell’effetto del conflitto tra Israele e Hamas. Per farlo, si possono osservare diversi grafici, tra i quali quelli dell’oro e del suo indice di volatilità: il GVX.
L’analisi affronta i seguenti argomenti:
·        Le ragioni per le quali i conflitti creano sfiducia tra consumatori, aziende e investitori
·        Un’analisi dei mercati azionario, obbligazionario e valutario israeliani
·        Il ruolo dell’oro in questo contesto
·        Come sfruttare l’indice di volatilità dell’oro, il GVX
Se alcuni concetti non sono chiari o se desiderate approfondire gli argomenti trattati, vi suggerisco di guardare il video che trovate alla fine della pagina. Buona lettura!
 
1. I CONFLITTI CREANO SFIDUCIA TRA I CONSUMATORI, IMPRESE E INVESTITORI
Come è ormai noto, il 7 ottobre scorso è stato segnato dal conflitto tra Hamas e Israele. Questo conflitto, come suggerisce il titolo, non produce solo vittime (1400 israeliani e oltre 4000 palestinesi secondo i dati attuali), ma genera anche panico, incertezza e sfiducia tra gli attori chiave dell’economia: consumatori, imprese e investitori. Le tensioni sono alimentate dalla possibilità di un’escalation che coinvolga altri Paesi, tra cui l’Iran.
Perché un conflitto genera queste emozioni negative? Ecco alcuni motivi:

·        Un conflitto crea un’alta incertezza per il futuro tra i consumatori, specialmente in caso di escalation. Di conseguenza, potrebbero essere riluttanti a spendere denaro (chi comprerebbe una nuova auto o una nuova abitazione se il proprio Paese fosse costantemente sotto attacco?)

·        Più ampio è un conflitto, più un Paese ne risente economicamente. Si immagini se le industrie e le infrastrutture fossero devastate: ci sarebbe una forte riduzione della produzione industriale e un aumento significativo della disoccupazione, con conseguente diminuzione della fiducia dei consumatori e delle imprese

·        Se le spese, gli investimenti e i profitti delle imprese fossero bassi, gli investitori si sentirebbero sicuramente sfiduciati. È noto che sono sempre alla ricerca delle migliori opportunità di mercato, cosa che un Paese in conflitto non offre.

È importante ricordare che, come mostrano le grafiche successive, la fiducia delle imprese e dei consumatori sono due indicatori macroeconomici che si influenzano a vicenda e che successivamente impattano sull’intensità economica (PIL).

La correlazione positiva tra fiducia dei consumatori e fiducia delle imprese. Grafico mensile
La correlazione positiva tra fiducia dei consumatori e fiducia delle imprese. Grafico mensile



La correlazione positiva tra fiducia delle imprese e PIL israeliano a/a. Grafico mensile
La correlazione positiva tra fiducia delle imprese e PIL israeliano a/a. Grafico mensile


Al momento, non siamo in grado di quantificare l’impatto del conflitto sul sentiment di imprese e consumatori (aspetteremo i dati del prossimo mese). Tuttavia, possiamo analizzare i mercati finanziari israeliani per comprendere il sentiment degli investitori.
 
2. IL SENTIMENT DEGLI INVESTITORI: MERCATO AZIONARIO, OBBLIGAZIONARIO E VALUTARIO
Un conflitto solitamente agisce come catalizzatore per una fuga di capitali dalle principali classi di asset del Paese (o dei Paesi) coinvolto. Questa dinamica si manifesta con un mercato azionario e obbligazionario fortemente venduti, che porta a un clima ribassista e a un aumento repentino dei rendimenti, e con un forte deprezzamento della valuta locale.
Prendiamo come esempio Israele. Se osserviamo l’ETF iShares MSCI Israel, che replica il movimento di un indice composto da azioni di società israeliane, notiamo che dal 7 ottobre ha registrato un crollo di oltre 14 punti percentuali.

Il crollo dell’ETF iShares MSCI Israel ETF. Grafico giornaliero
Il crollo dell’ETF iShares MSCI Israel ETF. Grafico giornaliero


Questa prestazione negativa è stata accompagnata da un crollo del settore bancario, come evidenziato dalle prestazioni dei titoli Bank Leumi, Bank Hapoalim e Israel Discount Bank.


Il titolo Bank Leumi, dal 7 ottobre, ha registrato un crollo di 20 punti percentuali. Grafico giornaliero
Il titolo Bank Leumi, dal 7 ottobre, ha registrato un crollo di 20 punti percentuali. Grafico giornaliero


Il titolo Bank Hapoalim, dal 7 ottobre, ha registrato un crollo di oltre 16 punti percentuali. Grafico giornaliero
Il titolo Bank Hapoalim, dal 7 ottobre, ha registrato un crollo di oltre 16 punti percentuali. Grafico giornaliero


Il titolo Israel Discount Bank, dal 7 ottobre, ha registrato un crollo di oltre 19 punti percentuali. Grafico giornaliero
Il titolo Israel Discount Bank, dal 7 ottobre, ha registrato un crollo di oltre 19 punti percentuali. Grafico giornaliero



Il crollo dei titoli bancari non sorprende, poiché generalmente sono uno dei settori più colpiti in caso di sell-off causato da un conflitto. Questo perché in un clima di panico si verificano le cosiddette “corse agli sportelli”, con i consumatori che temono la perdita dei loro risparmi nei depositi bancari. Se le banche non avessero sufficiente liquidità per soddisfare le richieste di prelievo, potrebbero dichiarare default. Inoltre, le banche investono denaro in titoli per generare rendimenti: se i mercati finanziari subiscono un sell-off, i titoli si deprezzano fortemente, causando potenziali perdite sui bilanci degli istituiti bancari stessi.
Osservando nella grafica successiva il rendimento del decennale israeliano e il tasso di cambio ILS/USD, notiamo che il rendimento del titolo di stato ha prima registrato una grande candela rialzista, per poi ritracciare nelle sedute successive; le ultime sedute hanno visto un rinnovato aumento del rendimento. Il tasso di cambio ha perso poco più del 5%.

Il rendimento del decennale israeliano (a sinistra) e il tasso di cambio ILS/USD a destra. Grafici giornalieri
Il rendimento del decennale israeliano (a sinistra) e il tasso di cambio ILS/USD a destra. Grafici giornalieri



Dall’osservazione delle tre principali classi di asset, possiamo concludere che sì, c’è stata una fuga di capitali, sebbene di entità limitata. Per parlare di una fuga di capitali su larga scala, mi sarei aspettato un crollo molto più significativo sia del mercato obbligazionario che della valuta locale. Un esempio emblematico è quello della Russia nell’anno precedente: in poche sessioni, l’indice MOEX 10 ha perso oltre il 52% del suo valore, il tasso di cambio USDRUB si è apprezzato di 85 punti percentuali e il rendimento del decennale è balzato dal 9.8% al 19.9%. Questo scenario rappresenta una vera e propria tempesta perfetta per l’economia di un Paese.

Il crollo del MOEX nei primi giorni del conflitto Russia-Ucraina. Grafico giornaliero
Il crollo del MOEX nei primi giorni del conflitto Russia-Ucraina. Grafico giornaliero



Il crollo del rublo contro il dollaro americano nei primi giorni del conflitto Russia-Ucraina. Grafico giornaliero
Il crollo del rublo contro il dollaro americano nei primi giorni del conflitto Russia-Ucraina. Grafico giornaliero


L’aumento repentino del rendimento del decennale russo nei primi giorni del conflitto Russia-Ucraina. Grafico giornaliero
L’aumento repentino del rendimento del decennale russo nei primi giorni del conflitto Russia-Ucraina. Grafico giornaliero



3. IL RUOLO DELL’ORO E LA GRANDE IMPORTANZA DEL SUO INDICE DI VOLATILITA’: IL GVX
Il recente conflitto ha innescato un aumento improvviso del prezzo dell’oro, che ha registrato un incremento del 9% in poche sedute, passando da 1845$ a 2000$.

Le prestazioni dell’oro aggiornate a lunedì 23 ottobre. Grafico giornaliero
Le prestazioni dell’oro aggiornate a lunedì 23 ottobre. Grafico giornaliero



L’aumento del prezzo dell’oro non dovrebbe sorprendere, essendo un bene rifugio che tende ad apprezzarsi durante periodi di instabilità economica e geopolitica.
Da sempre, l’oro ha un rapporto inverso con i rendimenti reali dei titoli decennali americani. Tuttavia, questa correlazione negativa, come mostrato nella figura successiva, è svanita nelle ultime 20 sedute.

La correlazione negativa tra oro e tassi reali decennali. Grafico giornaliero
La correlazione negativa tra oro e tassi reali decennali. Grafico giornaliero


Questo solleva una questione: perché l’oro si è apprezzato così tanto, nonostante non ci sia stata una significativa fuga di capitali da Israele? Una possibile spiegazione potrebbe essere legata al prezzo del petrolio e alla sua potenziale crescita, dato che la regione interessata dal conflitto è tra le più importanti per la produzione di questa materia prima. Ricordiamo che l’aumento del prezzo del petrolio catalizza un aumento dell’inflazione e potenziali rialzi dei tassi di interesse, che a loro volta porterebbero a una probabilità di recessione più alta.
Tuttavia, quello che dovrebbe sorprendere non è tanto il prezzo dell’oro, quanto l’ansia con cui gli investitori lo hanno acquistato. Questo può essere osservato guardando l’indice di volatilità dell’oro, il Gold Volatility Index.

Il gold volatility index. Grafico giornaliero
Il gold volatility index. Grafico giornaliero


Dallo scoppio del conflitto fino alla seduta del 23 ottobre, l’indice di volatilità ha registrato un salto di quasi 32 punti percentuali. Questo evidenzia la forte tensione dei mercati e sembra indicare una corsa all’oro.
Non sempre gli acquisti di oro sono accompagnati da un aumento della tensione degli investitori; infatti, nel 2020, i suoi massimi storici non erano stati accompagnati da un aumento della volatilità!

Non sempre un apprezzamento dell’oro è accompagnato da un aumento della volatilità. Grafico giornaliero
Non sempre un apprezzamento dell’oro è accompagnato da un aumento della volatilità. Grafico giornaliero


Quindi, per quanto tempo i mercati continueranno a scontare questo conflitto? Probabilmente fino a quando l’indice di volatilità GVX rimarrà elevato; potremmo notare un cambiamento di sentiment quando inizierà a scendere.
In una situazione di “risk off”, come un conflitto, la situazione può essere vista metaforicamente così: si verifica un evento avverso e gli investitori cercano rifugio acquistando oro. Ma quanto hanno realmente paura dell’evento? Guardate l’indice di volatilità: più è alto e più gli investitori considerano “grave” l’evento.
A presto!

Il ruolo dell'oro e del suo indice di volatilità nel conflitto Israele-Hamas
 

Articoli Correlati

Fabrizio Barini
Borse in stand-by Da Fabrizio Barini - 21.02.2024 1

“Saggio è chi crea l’armonia tra il mondo in cui vive e il suo” (Lao Tzu) Borse in stand-by. Nonostante la riapertura di Wall Street e delle Borse cinesi, le piazze finanziarie...

Il ruolo dell'oro e del suo indice di volatilità nel conflitto Israele-Hamas

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (3)
Carlo Rossi
Carlo Rossi 25.10.2023 22:12
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Gran bella analisi
Matteo Farci
Matteo Farci 25.10.2023 22:12
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Grazie mille 🤝
Mauro Er
Mauro Er 25.10.2023 20:21
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Bella analisi
Matteo Farci
Matteo Farci 25.10.2023 20:21
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
grazie 🤝
Fefe Roro
Fefe Roro 25.10.2023 20:15
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Interessante, grazie.
Matteo Farci
Matteo Farci 25.10.2023 20:15
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
grazie 🤝
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email