Ricevi uno sconto del 40%
🚀 La nostra AI ha scelto 6 titoli che sono balzati del 25% nel 1° trimestre. Quali titoli saliranno nel 2° trimestre?Sblocca l'elenco completo

La grande trasformazione digitale: possiamo aspettarci altro da Nvidia e Bitcoin?

Pubblicato 27.02.2024, 14:59
Aggiornato 09.07.2023, 12:31

NVIDIA (NASDAQ:NVDA) ha comunicato i risultati finanziari per il quarto trimestre e l’intero anno 2023 la scorsa settimana, e sto ancora raccogliendo la mascella dal pavimento. Il chipmaker ha battuto le aspettative di Wall Street, con un aumento degli utili annuali pari a un incredibile 769%, grazie al crescente entusiasmo per l’intelligenza artificiale (AI).

Già quarta società al mondo per capitalizzazione di mercato, davanti ad Amazon (NASDAQ:AMZN), Alphabet (NASDAQ:GOOGL) e Meta (NASDAQ:META), NVIDIA ha stabilito un altro nuovo record giovedì, quando la sua capitalizzazione di mercato è salita a 277 miliardi di dollari, segnando il più grande aumento di un giorno per un singolo nome nella storia, secondo Bloomberg. Ora è valutata poco meno di 2.000 miliardi di dollari, un valore che, come ho appreso con sorpresa, è superiore alla somma dei capitali di mercato di tutti i titoli energetici dell’indice S&P 500.

Innescato nel novembre del 2022 con il lancio di ChatGPT, il boom dell’intelligenza artificiale ha fatto impennare la domanda dei tipi di chip avanzati prodotti da NVIDIA, rendendo l’azienda un’opportunità da cogliere al volo.

È un ruolo a cui l’azienda dovrebbe essere abituata. Per anni, NVIDIA è stata conosciuta soprattutto come titolo del settore gaming, avendo inventato l’unità di elaborazione grafica, o GPU, nel 1999. La GPU ha introdotto una grafica sofisticata e tridimensionale nel mercato dei videogiochi domestici, ma oggi quella stessa tecnologia sta contribuendo a potenziare non solo l’intelligenza artificiale, ma la digitalizzazione nel suo complesso.

Un piano da 7.000 miliardi di dollari per garantire la fornitura di chip

Jensen Huang, cofondatore e CEO di NVIDIA da lungo tempo, ritiene che stiamo assistendo all’inizio di un’industria completamente nuova grazie all’IA, e in particolare all’IA generativa. In effetti, un numero crescente di aziende tecnologiche sta lanciando le proprie piattaforme di IA generativa per rimanere competitivi, con diversi gradi di successo. (La scorsa settimana, Google ha messo in pausa il suo generatore di immagini Gemini AI in risposta alle lamentele sul fatto che fosse troppo “sveglio”).

Con tutti coloro che inciampano nei lacci delle scarpe per prendere il treno dell’IA, la domanda di semiconduttori e chip potrebbe superare di gran lunga l’offerta. La carenza di chip a livello mondiale del 2020-2023, alimentata principalmente da problemi di catena di approvvigionamento legati alle pandemie, è in gran parte svanita, ma è facile immaginare cicli infiniti di carenza di offerta se gli investimenti non terranno il passo con la tecnologia.

Fortunatamente, le previsioni per quest’anno indicano quella che il World Semiconductor Trade Statistics (WSTS) definisce una “vigorosa ripresa”, con un aumento del 13% rispetto al 2023 del valore totale del mercato industriale. Si prevede che tutti i principali mercati si espandano quest’anno, con le Americhe che registrano la crescita maggiore (22%).

Anticipated Rebound in Global Semiconductor Market in 2024

Per completezza di informazione, il WSTS ha formulato questa previsione nel novembre 2023 e da allora ritengo che le condizioni (e l’entusiasmo degli investitori) siano migliorate e continueranno a migliorare, a partire da un contesto monetario più favorevole. Inoltre, all’inizio di questo mese, l’amministrazione Biden ha annunciato un investimento di 5 miliardi di dollari nella ricerca e sviluppo dei semiconduttori nell’ambito della legge CHIPS, firmata nell’agosto 2022.

Se 5 miliardi di dollari sono tanti, cosa ne pensate di 7.000 miliardi di dollari? Questo è l’importo in dollari che Sam Altman sembra aver scelto per aumentare in modo significativo la produzione globale di chip e potenziare l’intelligenza artificiale. Secondo il Wall Street Journal, l’amministratore delegato di ChatGPT è stato impegnato in un tour di raccolta fondi per cercare di ottenere capitali per una “iniziativa tecnologica estremamente ambiziosa”. Sebbene non sia chiaro come l’insondabile somma di 7.000 miliardi di dollari verrebbe impiegata esattamente, gli Emirati Arabi Uniti (UAE) avrebbero aderito all’idea di Altman, annunciando di voler spendere molto per diventare un hub globale e un terreno di sperimentazione per la tecnologia e la regolamentazione dell’IA.

Come sono andati gli ETF di Bitcoin un mese dopo

Una discussione sulla grande trasformazione digitale sarebbe incompleta senza menzionare il Bitcoin (BTC). Un mese dopo che la Securities and Exchange Commission (SEC) ha approvato simultaneamente una serie di ETF Bitcoin spot, l’asset digitale numero uno al mondo è tornato a superare il tetto di mercato di 1.000 miliardi di dollari per la prima volta dal dicembre 2021.

BTC Market Cap

Secondo una fonte, nove ETF Bitcoin hanno accumulato collettivamente oltre 250.000 BTC in meno di un trimestre, l’equivalente di 12,8 miliardi di dollari in base ai prezzi odierni. Senza contare altri importanti investitori istituzionali come Tether e MicroStrategy Incorporated (NASDAQ:MSTR), l’azienda di software aziendale che si è recentemente ribattezzata come la prima società al mondo per lo sviluppo di Bitcoin.

Di seguito è possibile vedere la posizione degli ETF in termini di AUM. Secondo CoinDesk, nel primo mese gli investitori hanno versato ogni giorno circa 125 milioni di dollari in questi prodotti. Grayscale è in testa con oltre 23 miliardi di dollari investiti, ma ha anche registrato i maggiori deflussi da quando, un mese fa, la società ha ottenuto il via libera alla conversione del suo fondo Bitcoin in ETF.

BTC ETFs After SEC Approval

Proprio come l’intelligenza artificiale ha scatenato una domanda insaziabile di chip avanzati, gli ETF sul Bitcoin con sede negli Stati Uniti hanno contribuito a far lievitare gli investimenti nell’asset sottostante.

E come i chip, il BTC potrebbe a un certo punto trovarsi di fronte a una grave carenza. Secondo Michael Saylor, cofondatore e presidente esecutivo di MicroStrategy, la domanda di ETF sul Bitcoin è 10 volte superiore all’offerta. Non so da dove provenga questa cifra, ma non ho motivo di metterla in dubbio.

L’offerta è influenzata anche dall’imminente dimezzamento del Bitcoin. Il prossimo dimezzamento è previsto per aprile, dopo il quale la ricompensa per il mining di Bitcoin scenderà da 6,25 BTC a 3,125 BTC. Attualmente si estraggono circa 900 BTC al giorno, che scenderanno a circa 450. Ciò significa che ci saranno ancora meno BTC sul mercato su cui gli investitori potranno fare offerte.

Pianificate di conseguenza.

***

Disclaimer: Le performance passate non garantiscono i risultati futuri. Tutte le opinioni espresse e i dati forniti sono soggetti a modifiche senza preavviso. Alcune di queste opinioni potrebbero non essere adatte a tutti gli investitori. Facendo clic sui link sopra indicati, si viene indirizzati a siti web di terzi. U.S. Global Investors non approva tutte le informazioni fornite da questi siti web e non è responsabile del loro contenuto.

L’Energy Index di Standard and Poor’s 500 è un indice ponderato per la capitalizzazione. L’indice è stato sviluppato con un livello di base pari a 10 per il periodo di riferimento 1941-43.

Nessuno dei Fondi di U.S. Global Investors deteneva alcuno dei titoli menzionati in questo articolo al 31.12.2023.

Ultimi commenti

BTC si nvidia no... Occhio
Sì, per entrambi. Tra l’altro, basta informarsi sul recente progetto Sora di OpenAI per capire che serviranno sempre più enormi capacità computazionali.
E quindi?
bolla ,pronta a sxoppiare
🙃
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.