Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Paura di una bolla? Ecco come investire in modo difensivo e guadagnare

Pubblicato 26.03.2024, 11:02
US500
-
JP225
-
MSFT
-
LLY
-
GOOGL
-
AAPL
-
AMZN
-
NVDA
-
MA
-
V
-
UNH
-
TSLA
-
META
-
GOOG
-
  • In questo articolo vedremo perché né il mercato e né i Magnifici 7 sono in una bolla speculativa.
  • Vi sentite storditi da tutti questi potenziali rialzi? Vi presento una strategia di investimento difensiva con alcuni esempi.
  • Aprile è il mese migliore dell’anno per i titoli energetici. Vediamo come approfittare delle occasioni in questo settore.
  • Investite sul mercato azionario e volete ottenere il massimo dal portafoglio? Provate InvestingPro! Iscrivetevi QUI a meno di 9 dollari al mese per cominciare ad avere subito una performance superiore!
  • L’S&P 500 è schizzato del 9,7% nei primi 56 giorni di scambi del 2024. Si tratta del 15esimo migliore inizio d’anno dal 1928.

    Ecco i dettagli di questi anni e i corrispondenti rialzi per i primi 56 giorni:

    • 1930: +13,2%.
    • 1931: +16,6%.
    • 1936: +12%.
    • 1943: +12,4%.
    • 1961: +11,3%.
    • 1967: +12,3%.
    • 1975: +21,6%.
    • 1976: +11,7%.
    • 1986: +10,4%.
    • 1987: +24,4%.
    • 1991: +11%.
    • 1998: +13,9%.
    • 2012: +10,7%.
    • 2019: +11,7%.
    • Anno in corso (2024): +9,7%.

    La cosa interessante è che, in 11 di questi 14 anni, l’S&P 500 ha continuato ad estendere i guadagni dopo l’ottimo inizio.

    Solo nel 1930, 1931 e 1987 c’è stato uno scenario diverso. In tutti gli altri anni, è salito di molto, con rialzi da almeno +2,4% (2012) e +4,3% (1986) a guadagni più sostanziali: +15,4% (2019) e +14,8% (1936).

    Tutto questo ci porta a chiederci se il mercato sia in una bolla, una paura di molti investitori.

    Nello specifico, la paura riguarda i Magnifici 7 (Apple (NASDAQ:AAPL), Microsoft (NASDAQ:MSFT), Meta (NASDAQ:META), Amazon (NASDAQ:AMZN), Alphabet (NASDAQ:GOOGL), Nvidia (NASDAQ:NVDA) e Tesla (NASDAQ:TSLA).

    Prima di parlare di questo, vediamo cos’è una bolla speculativa e quali sono alcuni esempi famosi.

    Una bolla speculativa si forma quando i prezzi del mercato vedono aumenti rapidi e significativi, superando il valore intrinseco del mercato. Ciò non implica che l’aumento dei prezzi non sia giustificato, ma piuttosto si ha un’ascesa eccezionalmente veloce.

    Quando la robusta domanda si riduce improvvisamente, di solito causa lo scoppio della bolla, facendo crollare bruscamente i prezzi (con la stessa intensità del rialzo) e porta spesso alla perdita del valore accumulato.

    Le bolle sono alimentate dall’idea sbagliata di un perpetuo rialzo del prezzo, una credenza irrazionale che spinge gli investitori ad effettuare acquisti sempre più aggressivi, che in circostanze diverse non prenderebbero nemmeno in considerazione.

    Tra le bolle famose ci sono:

    - La bolla dei tulipani nel XVII secolo.

    - La Bolla dei Mari del Sud all’inizio del XVIII secolo, che aveva coinvolto la Compagnia dei Mari del Sud.

    La bolla delle ferrovie degli anni ‘40 dell’Ottocento.

    - La bolla del ‘29, che ha preceduto il più grande crash della storia di Wall Street negli anni ‘20 del Novecento.

    - La bolla delle dot-com tra il 1997 e il 2000, che aveva visto l’impennata dei titoli legati a Internet.

    La crisi dei mutui subprime nel 2008, causata dal fatto che le banche statunitensi avevano concesso prestiti a interesse elevato a persone senza stabilità finanziaria.

    - I prezzi spesso sono crollati di oltre il 90% e raramente si sono ripresi, o hanno impiegato decenni a riprendersi. L’indice nipponico Nikkei ci ha messo 40 anni a tornare a nuovi massimi, mentre molti titoli della bolla del tech non hanno mai più recuperato le perdite.

    - Durante la bolla del tech, le compagnie si limitavano ad aggiungere “dot.com” ai loro nomi e vedevano i prezzi dei loro titoli andare alle stelle senza alcun motivo razionale.

    Al contrario, se consideriamo i Magnifici 7 oggi, notiamo che queste compagnie stanno generando sostanziali profitti.

    Un altro aspetto che caratterizza la realtà attuale è il rapporto prezzo/utili (P/E). Durante la bolla dei titoli tecnologici, numerose compagnie vantavano rapporti P/E di 100 o più.

    Al contrario, ad oggi, il rapporto su 12 mesi per l’S&P 500 è di 26. La media quinquennale è 23 e quella decennale, 21. Ciò indica che, sebbene l’indice sia leggermente più costoso del solito, è ben lontano dall’essere in bolla.

    Spaventati da tanto rialzo? Ecco come investire in modo difensivo

    Si può pensare di investire su compagnie che alzano costantemente i dividendi da cinque anni. Questo indica una performance forte e fondamentali favorevoli. Ecco alcuni esempi:

    • Microsoft
    • Eli Lilly (NYSE:LLY)
    • Visa (NYSE:V)
    • UnitedHealth (NYSE:UNH)
    • Mastercard (NYSE:MA)

    Sentiment degli investitori (AAII)

    - Il sentiment bullish, ossia le aspettative che i prezzi dei titoli azionari saliranno nei prossimi sei mesi, attualmente è pari al 43,2% superando la sua media storica del 37,5%.

    - Al contrario, il sentiment bearish, ossia le aspettative che i prezzi dei titoli azionari scendano nei prossimi sei mesi, è pari al 27,2%, al di sotto della media storica del 31%.

    Aprile è un buon mese per i titoli energetici

    Negli ultimi 33 anni, il mese di aprile ha costantemente mostrato una performance superiore di questo settore, registrando in media quasi +2% in più dell’S&P 500.

    ETF Energy Select Sector SPDR Fund

    Come investire su questo settore? Un’opzione è l’Energy Select Sector SPDR Fund, un ETF che replica il settore energetico dell’indice S&P 500. Con oltre 26 miliardi di dollari in gestione, offre un comodo strumento per avere esposizione al settore energetico.

    ------

    Come e quando entrare o uscire dal mercato azionario? Prova InvestingPro, approfittane SUBITO! Clicca QUI, scegli il piano che preferisci, per 1 o 2 anni e approfitta degli SCONTI. Puoi avere uno sconto dal 10% al 50% applicando il codice INVESTINGPRO1. Non aspettare ancora!

    E avrai anche:

    • ProPicks: Portafogli di titoli gestiti dall’IA con performance comprovata.
    • ProTips: Informazioni assimilabili per sintetizzare un sacco di complessi dati finanziari in poche parole.
    • Filtro titoli avanzato: Cerca i titoli migliori in base alle tue aspettative, prendendo in considerazione centinaia di indicatori finanziari.
    • Dati finanziari storici per migliaia di titoli: In modo che i professionisti dell’analisi fondamentale possano approfondire da soli tutti i dettagli.
    • E molti altri servizi, compresi quelli che lanceremo a breve.

    Fai in fretta e unisciti alla rivoluzione degli investimenti: approfitta dell’OFFERTA!

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.