Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Pensate che la bolla del Bitcoin stia scoppiando? Ripensateci

Da Investing.com (Tanzeel Akhtar/Investing.com)Criptovalute07.02.2018 15:35
it.investing.com/analysis/pensate-che-la-bolla-del-bitcoin-stia-scoppiando-ripensateci-200219693
Pensate che la bolla del Bitcoin stia scoppiando? Ripensateci
Da Investing.com (Tanzeel Akhtar/Investing.com)   |  07.02.2018 15:35
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Il prezzo del Bitcoin è crollato all’inizio di questo febbraio 2018, scendendo addirittura sotto i 6.000 dollari ad un certo punto questa settimana.

Molti investitori hanno reagito con orrore e si sono chiesti se la bolla delle cripto, in particolare del Bitcoin - che ha visto un 2017 spettacolare, con un’impennata di oltre il 900% nel corso dell’anno, toccando il massimo storico di 19.783 dollari a metà dicembre prima di perdere ben oltre il 60% del suo valore ai prezzi attuali - fosse finalmente finita.

BTCUSD 5-H Chart
BTCUSD 5-H Chart

Ma i massimi da capogiro e i minimi mozzafiato sembrano costituire una parte importante della storia di questa criptovaluta estremamente volatile. Da quando sono stati emessi i primi Bitcoin, nel 2009, la valuta ha subito una serie di correzioni nonché due crash significativi, uno nel 2011, quando ha perso il 94% del suo valore in 5 mesi, ed uno in una discesa più lunga, durata dal novembre 2013 a metà gennaio 2015 quando è crollato violentemente, segnando in totale -85%.

Bisogna ricordare che molti analisti definiscono un crollo superiore al 60% una bolla che sta scoppiando. Secondo questa definizione, il Bitcoin ha superato due gravi scoppi di bolle nella sua breve storia, e ogni volta si è rialzato più forte di prima.

Big Bitcoin Crashes
Big Bitcoin Crashes

Fonte: CoinTelegraph

Il grafico sopra mette in evidenza le cause che hanno scatenato i crash precedenti. Quali sono le cause del crash attuale?

Sembrano essere in gioco una serie di fattori. I governi asiatici stanno richiamando l’attenzione sulla regolamentazione delle ICO e degli scambi di criptovalute da un bel po’.

Le recenti dichiarazioni da parte di banche ed emittenti di carte di credito, che hanno reso noto che non consentiranno più acquisti di criptovalute tramite carte di credito, vanno ad aggiungersi ai timori che stanno spingendo al ribasso le valute alternative.

JPMorgan Chase (NYSE:JPM), Bank of America (NYSE:BAC) e Citigroup (NYSE:C) hanno infatti annunciato che bloccheranno gli acquisti di Bitcoin ed altre criptovalute effettuati tramite le loro carte di credito.

Le ultime a vietare gli acquisti sono state Lloyds Banking Group (NYSE:LYG) e Virgin Money (LON:VM). Man mano che il divieto si diffonde, il prezzo del Bitcoin si riduce.

Vi sentite #REKT?

Ultimamente, tantissimi investitori di Bitcoin hanno twittato #REKT, espressione gergale per “wrecked”, a pezzi, termine che descrive in modo conciso quanto probabilmente si sentono del tutto distrutti o rovinati.

E tuttavia, nonostante i numerosi recenti intoppi della principale valuta digitale per capitalizzazione di mercato, ci sono ancora un sacco di ragioni per cui i trader del Bitcoin restano costanti. Tenerselo stretto, o HODL, è stata una buona strategia nei crash precedenti, soprattutto perché ogni volta il Bitcoin è tornato più forte di prima.

Contesto storico

Per comprendere bene il motivo del successo della strategia HODL sul Bitcoin, è fondamentale avere una prospettiva delle ragioni dei crash precedenti e delle loro cause. È altrettanto importante notare quanto ci ha messo il Bitcoin a riprendersi da ogni evento.

Ci sono stati due crash memorabili del Bitcoin. Uno nel 2011 quando è crollato da 32 a 2 dollari e l’altro dal 2013 all’inizio del 2015, quando è colato a picco dal massimo di 1.166 dollari a 170 dollari prima di vedere una ripresa. Entrambi gli eventi sono stati scatenati, almeno all’inizio, da circostanze riguardanti gli scambi sull’ormai estinta piazza Mt. Gox, la prima volta per via di un attacco hacker alla piazza e la seconda perché il sito della piazza ha subito un crash, bloccando gli scambi.

Tuttavia, ogni volta che il Bitcoin è crollato, il suo ritorno sulla scena ha comportato un aumento del valore per gli investitori. L’analista Charlie Bilello ha twittato il seguente grafico il 5 febbraio:

L’esperto di sicurezza cibernetica diventato esperto di criptovalute John McAfee ha espresso in un tweet la frustrazione che provano tanti investitori storici per il panico dei novellini e/o degli investitori a breve termine ai primi segnali di cali significativi:

Noel Chandler, co-fondatore ed Amministratore Delegato di Clinicoin, una piattaforma di benessere open-source che premia gli utenti con criptovalute per l’impegno in attività salutari, si concentra sulla storia generale di questo asset particolare e sulla sua promessa di crescita di valore futura:

“Ovviamente, il punto non è solo annotare i cali, ma anche descrivere cosa è successo dopo in ciascun caso (la valuta è tornata più forte ogni volta), e di speculare o addirittura prevedere se possibile su quanto in basso potrebbe continuare ad andare e quale - in base alla storia e alle analisi tecniche - potrebbe essere il prossimo passo una volta finita la fase bolla. Se quello a cui stiamo assistendo ora è un altro scoppio della bolla del BTC, allora è molto differente dalle altre, semplicemente per il volume di innovazioni ed idee che si stanno originando da essa. Se seguiamo lo schema boom, bolla, scoppio, rinascita, ritengo che la rinascita sarà veloce e più emozionante rispetto a qualsiasi cosa abbiamo visto in passato nel mondo degli affari”.

Maksim Izmaylov, Amministratore Delegato e co-fondatore di Winding Tree, una piattaforma di distribuzione viaggi open-source, decentralizzata e basata su una blockchain, si concentra meno sull’azione di prezzo e più sulla tecnologia sottostante, che ritiene essere la fonte reale del valore del Bitcoin:

Il mercato delle cripto è alimentato dall’irrazionalità. I recenti aumenti di prezzo sono stati spinti da tonnellate di nuovi utenti che pensano di potersi arricchire con le criptovalute nel giro di una notte. Questo si nota facilmente dai nuovi utenti registrati ogni giorno su Coinbase e Kraken. I cali di prezzo non importano, possono cambiare la percezione delle criptovalute tra il pubblico ma non fermano lo sviluppo della tecnologia soggiacente, che in fondo è l’unica cosa che importa. Il prezzo non è altro che la speculazione del momento”.

Restare rialzisti sulle criptovalute

Nonostante il crollo del prezzo, Ted O’Neill, fondatore di Narrative LTD, una piattaforma di contenuti e social network, è ancora molto rialzista sulle criptovalute in generale, in particolare a lungo termine. Anche se la volatilità potrebbe spaventare gli investitori, facendoli restare alla larga dalla classe di asset, O’Neill spiega che la consapevolezza degli scambi passati della moneta ed una comprensione maggiore di quello che spinge il valore di una alt-coin è di primaria importanza:

Sfortunatamente, gli incredibili aumenti di prezzo associati alla criptovaluta saranno controbilanciati anche da ribassi spaventosi. È meglio pensare a lungo termine se possedete una criptovaluta e ovviamente tenere criptovalute che comprendete e che abbiano valore per voi”.

Per Chris Tse, dirigente e fondatore dello sviluppatore di blockchain Cardstack, con sede a New York, è tutta una questione di tecnologia:

“Se nessuno sta davvero usando la blockchain, allora il suo valore intrinseco è il valore di scambio. Per dirlo in altri termini, se non abbiamo un’attività reale, con sostanza reale (persone che costruiscono comunità sulla blockchain, utilizzando software decentralizzati nella vita di tutti i giorni), se non possiamo andare oltre il solo utilizzo per il trading, allora la volatilità è destinata a persistere perché il prezzo riflette solo il sentimento e non il vero valore soggiacente”.

Il Bitcoin ha visto una volatilità selvaggia fin da quando abbiamo dati di trading attendibili, spiega Rob Viglione, co-fondatore di ZenCash. Per come la vede lui, quello a cui stiamo assistendo ora, il crollo del 65% del prezzo del Bitcoin dal massimo di metà dicembre di poco meno di 20.000 dollari, non è niente di nuovo.

“I peggiori crolli sono stati tra l’80% e il 95%, perciò il crash attuale si colloca all’interno dei range storici. La flessione peggiore è iniziata nel giugno 2011 ed è terminata con un crollo del 93% che si è fermato intorno alla metà di novembre di quell’anno. Ogni crash è stato preceduto da una forte impennata. Nel 2011 abbiamo visto i prezzi schizzare alle stelle di quasi il 10.000% rispetto all’inizio dell’anno, prima di scendere in picchiata”.

Viglione ritiene che sia importante osservare nel dettaglio in particolare il crollo del 2013-2015. È iniziato ad aprile con Mt. Gox ed ha registrato un crollo totale pari all’82% entro l’agosto del 2015, con vari falsi rialzi che hanno finito per smorzarsi. Afferma:

“La crisi del 2013 è iniziata dopo l’impennata del 53.000% dal minimo precedente del novembre 2011. I mercati ribassisti del Bitcoin tendono a durare tra i 6 e i 24 mesi, almeno secondo la scarsa storia sugli scambi che abbiamo finora. Il mercato attuale è certamente molto più maturo rispetto al 2011 e al 2013, quindi ha senso pensare che il ribasso possa essere meno grave”.

Se siete nuovi agli scambi di criptovalute ed in particolare al Bitcoin, siate avvisati: è un investimento volatile ad alto rischio.

BTCUSD Monthly 2012-2016
BTCUSD Monthly 2012-2016

Ma se la storia ci insegna qualcosa, come mostra chiaramente il grafico BTC/USD dal 2012 al 2016, per gli investitori che riescono a mantenere la calma scegliendo la strategia HODL, possono esserci delle alte ricompense.

Pensate che la bolla del Bitcoin stia scoppiando? Ripensateci
 

Articoli Correlati

Renato Decarolis
Nuovo max storico e poi giù?   Da Renato Decarolis - 18.10.2021

Nel video in basso le strategie di trading con le candele Heikin-Ashi sui cambi EUR/USD, GBP/USD, USD/CHF, USD/JPY, AUD/USD, NZD/USD, USD/CAD e sul BITCOIN.   Vi invito anche a...

Pensate che la bolla del Bitcoin stia scoppiando? Ripensateci

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (1)
Fededee Cassaniga
Fededee Cassaniga 07.02.2018 19:18
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Lo sapevano tutti che c'è un supporto bello forte a 5000$
Francesco D Andrea
Francesco D Andrea 07.02.2018 19:18
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Anche il Bitcoin, come tutti i prodotti finanziari altamente liquidi e partecipati in massa, è soggetto alla legge delle strutture frattali. Il drawdown attuale è parte di una correzione la cui 'shape' è ancora in fase embrionale. Tuttavia sembra essere ancora 'shallow' rispetto all'intera struttura impulsiva dei precedenti 8 anni. Aspetterei le prossime 4 settimane prima di cantare vittoria.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email