📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Powell segnalerà una svolta interventista alla riunione della Fed?

Pubblicato 20.03.2024, 09:31
US2YT=X
-

Gli analisti si chiedono se la notizia della scorsa settimana di un’inflazione appiccicosa decreterà la fine delle aspettative di un taglio dei tassi di interesse a giugno da parte della Federal Reserve. Una cosa è chiara: la recente raffica di notizie non è incoraggiante per le previsioni di un imminente svolta prudente della politica monetaria.

Giovedì il governo ha riportato che l’indice sui prezzi alla produzione è stato più alto del previsto. Due giorni prima, il Bureau of Labor Statistics aveva riferito che l’indice sui prezzi al consumo è salito più del previsto.

Questi report hanno minato ulteriormente l’idea che la Fed cominci presto a tagliare i tassi di interesse.

Ci sono segnali che la crescita economica statunitense sta rallentando, ma non abbastanza da innescare i timori che la Fed debba tagliare i tassi per contrastare la minaccia di un aumento del rischio di recessione, che resta basso al momento.

Usando i future dei fondi Fed come riferimento del sentiment di mercato notiamo una probabilità di circa il 60% che la banca tagli i tassi alla riunione del 12 giugno. Il dato è in calo dal 70% di due settimane fa.Fed Fund Futures

Guardando alla riunione del FOMC di luglio, la probabilità di un taglio dei tassi sale al 77%, ma un crescente numero di analisti è scettico circa le tempistiche e, in alcuni casi, sulla probabilità di un taglio dei tassi nel 2024.

“La Federal Reserve non dovrebbe aver fretta di tagliare i tassi”, dice Joseph Davis, global chief economist di Vanguard.

Riferisce al New York Times che l’economia è stata più forte del previsto, pertanto tagliare i tassi troppo presto potrebbe consentire all’inflazione di surriscaldarsi più di quanto la Fed non voglia nel 2025. “C’è la crescente possibilità che la banca non tagli affatto i tassi quest’anno”.

Jim Bianco di Bianco Research è d’accordo:

“Sono dell’idea che la Fed non cambierà la politica nell’estate di un anno elettorale”, prevede sulla CNBC.

Se non premerà il grilletto entro giugno, allora lo farà a novembre [o dicembre] al più presto, solo se i dati lo permetteranno. E, al momento, i dati non lo permettono”.

Il mercato dei Treasury USA è propenso a questa idea ultimamente. Il rendimento a 2 anni, sensibile alla politica, ha chiuso al 4,73% il 18 marzo, il massimo da dicembre.

Di conseguenza, questo tasso chiave ha cancellato tutto il calo del 2024, che era stato alimentato da aspettative di un taglio dei tassi che sono andate riducendosi nel corso dell’anno.

UST2Y-Daily Chart

Sebbene si preveda che la Fed lasci i tassi invariati alla riunione del FOMC di oggi, 20 marzo, gli investitori metteranno sotto la lente la dichiarazione di politica monetaria, le nuove proiezioni economiche e la conferenza stampa del presidente Powell per avere nuovi indizi.

“La Fed manterrà la previsione di politica monetaria invariata, sottolineando di aver bisogno di maggiori prove che l’inflazione sia su una traiettoria sostenibile verso l’obiettivo del 2% prima di tagliare i tassi di interesse”, prevede Ryan Sweet, chief U.S. economist di Oxford Economics, in una nota di ricerca di lunedì.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.