Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

Previsto modesto rallentamento per la crescita del PIL nel Q1, ma resta improbabile la recessione

Pubblicato 19.02.2024, 11:59
Aggiornato 09.07.2023, 12:31

La crescita resta destinata a indebolirsi nel primo trimestre, in base alla previsione media sul PIL di una serie di stime compilate da CapitalSpectator.com.

Sebbene il rischio di recessione sia ancora basso, la crescita sembra destinata ad un calo per il secondo trimestre di fila.

La crescita del Q1 attualmente dovrebbe salire del 2,4% (tasso annuale destagionalizzato), secondo la stima media attuale.

La previsione contrasta con la forte crescita del 3,3% del Q4, un netto calo rispetto al +4,9% del Q3, secondo i dati pubblicati dal Bureau of Economic Analysis.

US Real GDP Change

Sebbene la crescita del Q1 sembri ancora avviata verso un indebolimento, la minaccia della contrazione economica resta bassa per l’immediato futuro, in base a numerosi indicatori.

Tanto per cominciare, notiamo che la previsione attuale per il primo trimestre segna un rialzo rispetto alla precedente stima mediana.

Ulteriori motivi per aspettarsi che la crescita persisterà comprendono l’indice ADS della Philly Fed, che mostra che l’attività economica statunitense è cresciuta poco sotto la media fino al 9 febbraio.

Intanto, l’indice economico settimanale della Fed di Dallas fino al 9 febbraio continua a mostrare un incremento dell’attività economica rispetto alla primavera scorsa, quando molti economisti si aspettavano erroneamente una recessione vicina.

In entrambi i casi, gli ultimi dati indicano un basso rischio di recessione.

Il report sulle vendite al dettaglio di gennaio più debole del previsto ha scatenato nuovi avvertimenti da parte di alcuni analisti secondo cui le prospettive per gli USA stanno peggiorando.

Ma, a detta di alcuni, non si può ancora decretare che l’espansione economica abbia fatto il suo corso.

“È un report debole, ma non un cambiamento fondamentale delle spese dei consumatori”, afferma Robert Frick, corporate economist di Navy Federal Credit Union.

“Dicembre è stato alto a causa delle spese per le feste, e gennaio ha visto dei cali in queste categorie, oltre al clima gelido e alla destagionalizzazione sfavorevole.

Le spese dei consumatori probabilmente non saranno straordinarie quest’anno ma, con gli aumenti degli stipendi reali e l’aumento dell’occupazione dovrebbe esserci abbastanza da contribuire all’espansione dell’economia”.

Opinione simile anche da parte di Wells Fargo (NYSE:WFC):

“Anche se ci aspettiamo che le spese si modereranno quest’anno, il rallentamento di gennaio potrebbe sopravvalutare il calo a breve termine dei consumi”, scrivono gli economisti.

“Le famiglie hanno beneficiato da una spinta delle entrate reali nell’ultimo anno, con l’inflazione che sta rallentando più della crescita degli stipendi.

Mentre i fattori unici dell’eccesso di liquidità e del facile accesso al credito a basso costo appartengono al passato nella storia dei consumi, un mercato del lavoro ancora solido dovrebbe portare quest’anno solo a una graduale moderazione, piuttosto che a un crollo della spesa”.

Intanto, la recente stima sul rischio di recessione pubblicata dallo US Business Cycle Risk Report (pubblicazione sorella di CapitalSpectator.com) resta basso, in base ai dati fino al 9 febbraio.

CRPI Daily Probit Model

Quando l’indice composito sulla probabilità di recessione (CRPI), che comprende i segnali di vari riferimenti del ciclo economico, salirà sostanzialmente dai livelli attuali, indicherà un rischio elevato che si sta formando una contrazione per come definita dal NBRE.

Per ora, tuttavia, il potenziale di un grave rallentamento dell’attività economica appare basso.

Ultimi commenti

non sono barzelletta, il mercato del lavoro mantenerlo in una media riduce ovvero tiene bassa l'inflazione.. ha questo ci sarà il mantenimento maggiore dei posti di lavoro da parte degli americani. In più i salari aumenteranno e si fortificheranno allo stesso tempo. intanto che si prevede la fine dei tagli di interesse nella fine del Q1 trimestre 2025
altre barzellette ne hai, questa è anche bruttina
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.