Ultime Notizie
Ricevi uno sconto del 40% 0
NVDA è da 🟢 comprare o 🔴 da vendere? Trova ora

Tetto al debito Usa: Fed a rischio Soros

Da Trading Room Roma (Guido Gennaccari)Panoramica mercato19.01.2023 12:39
it.investing.com/analysis/tetto-al-debito-usa-fed-a-rischio-soros-200459647
Tetto al debito Usa: Fed a rischio Soros
Da Trading Room Roma (Guido Gennaccari)   |  19.01.2023 12:39
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 


Il libro “Zero Coupon” di Paul Erdman, uscito nel 1993, sembra attuale nel descrivere come le banche centrali abbiano perso potere nel tempo, a causa dell’eccessiva liquidità del sistema, mentre il mercato abbia sempre ragione, anche se la colpa generalmente è attribuita a speculatori quali Soros che hanno l’abilità di indovinare lo scenario che poi si verificherà e sfruttarlo con operazioni sui mercati finanziari. L’attacco speculativo su sterlina e lira del 1992 potrebbe paragonarsi a quello che potrebbe succedere a yen e franco svizzero lato tasso di interesse e bilanci delle banche centrali, con ripercussioni sul cambio. Lo stesso vale per il tetto sul debito americano, in vista dello sgonfiamento degli attivi delle Fed che monetizza il debito pubblico, anche se in misura minore (in termini di pil) delle altre banche centrali.

 “Quando quel Geroge Soros ha guadagnato un miliardo e mezzo in un mese, chi l’ha perso?”   

“La Bank of England. Perché ha annunciato al mondo di voler difendere la sterlina fino alla morte. Stupidi. Ma è quello che hanno fatto. E alla fine, inevitabilmente, dovrei dire, hanno perso.Ora se pensi che le autorità inglesi siano ostinate quando si tratta del valore della sterlina, aspetta di vedere come le autorità tedesche, soprattutto gli ultraconservatori che dirigono la Budesbank, reagiranno quando il simbolo vero e proprio della supremazia tedesca, il loro amato marco, verrà attaccato. Prometteranno di difenderlo anche oltre la morte, per l’eternità. E anche loro finiranno nella mer**.”

“ Perché è inevitabile?” Perché, ancora una volta, i tempi sono cambiati. Prima le banche centrali del mondo, come la Bank of England e la Bundesbank tedesca, avevano a disposizione più denaro di chiunque altro, quindi potevano parare pressoché qualsiasi attacco. Non è più così. Ci sono centinaia e centinaia di miliardi di capitale in mani private che fluttuano in giro per il mondo, in attesa di una opportunità come quella di cui sto parlando. Quando sentono odore di preda, mettono in moto un muro di denaro che si abbatte su una banca centrale come l’onda di una marea. Di questi tempi non ci si trova mai difronte al classico ‘o la va o la spacca’. Oggi si parla semmai di ‘o la spacca adesso o la spacca più tardi’. In altre parole, di fronte a una simile situazione oggi per una banca centrale è sempre meglio arrendersi e svalutare quasi subito, piuttosto che cercare di opporsi e perdere molti miliardi di dollari in quel gioco a somma zero. Come la Bank of England ha scoperto nel 1992 e come la Budensbank scoprirà presto.”
  


Principali tassi di cambio rispetto al dollaro
Principali tassi di cambio rispetto al dollaro

Cosa è accaduto al marco tedesco dal 1993 in poi? La Bis scrive: “Nello stesso periodo (1998) il cambio marco/dollaro ha seguito un andamento molto meno definito. La moneta USA, che tra gennaio e gli inizi di aprile aveva seguito un corso ascendente culminato a quota DM 1,85, il mese successivo ha perso il terreno guadagnato allorché la diffusione di nuovi dati indicativi di un consolidamento della ripresa in Germania orientava le attese verso un inasprimento monetario da parte della Bundesbank. Sul marco ha altresì influito favorevolmente l’ulteriore convergenza dei tassi ufficiali in Europa, che stava a indicare una maggiore fiducia nell’introduzione ordinata dell’euro. La fine delle incertezze – segnata dall’annuncio ufficiale del 3 maggio con cui si precisavano le monete che sarebbero confluite nell’euro, la procedura di determinazione delle relative parità bilaterali e la composizione del Comitato esecutivo della Banca centrale europea – ha concorso a riportare il marco a quota DM 1,76 sul dollaro. In giugno e agli inizi di luglio la valuta tedesca cedeva parte di questo apprezzamento tornando a DM 1,82. Tale regressione potrebbe avere riflesso i ripetuti attacchi portati al rublo russo a partire da fine maggio e la percezione allora prevalente sui mercati dei capitali che i legami finanziari e commerciali della Germania con la Russia rendevano la prima relativamente più vulnerabile.

Quindi? Il trade sarebbe andato bene (dollaro salito su marco dal 1995 al 1997) inoltre gli scenari macro descritti relativamente alle banche centrali e ai forti legami finanziari tra Germania e Russia, sembrano molto attuali. Morale della favola: è sempre la forza della liquidità, se maggiore in bid o ask, a guidare i mercati finanziari, indipendentemente dai fondamentali.

Oggi c’è la scadenza del tetto al debito americano con la Fed che registra attivi ancora alti e che dovrebbe sgonfiare (rientro QE) nei prossimi mesi, anche se rispetto alle altre banche centrali (in termini di pil e debito totale) è ancora su valori contenuti. Già a fine 2022 abbiamo visto le difficoltà della Boe con i fondi pensione, la Boj con il controllo della curva, la Snb con l’ingente perdita di bilancio.

Il 2023 sarà l’anno della Fed? Ovviamente America e Cina guidano le sorti della crescita del pil mondiale (quindi delle Borse), saranno paesi determinanti per capire se ci sarà recessione globale oppure no, se sarà soft o hard, se addirittura potrebbe diventare stagflazione in alcune parti del mondo. 

Tetto al debito Usa: Fed a rischio Soros
 

Articoli Correlati

Antonio Deruda
Panoramica indici USA e Europa   Da Antonio Deruda - 26.02.2024

REPORT DEL 24.02.2024 FTS MIB Tutti gli indici sono in una posizione di forza TF di lungo periodo, ma necessita cautela perché ci troviamo su valori molto importanti sia di prezzo...

Tetto al debito Usa: Fed a rischio Soros

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (4)
Vector Vector
Vector Vector 19.01.2023 18:47
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Quello del QE/QT è un bel dilemma. Sappiamo che coi soldi stampati dalle banche centrali hanno comprato titoli di stato e poi anche obbligazioni societarie, praticamente hanno finanziato gli emittenti a tassi zero o bassissimi. Con quei soldi i governi hanno potuto mantenere o incrementare le loro spese, anche pazze, per non dire di peggio. La domanda è : i governi saranno felici di tagliare i loro bilanci/spese pazze?
Giuseppe Bonanno
Giuseppe Bonanno 19.01.2023 18:37
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Come al solito bravi ad analizzare la storia….meno a predire il futuro
Roberto Ross
Roberto Ross 19.01.2023 18:33
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Ha dimenticato quel mente-catto di Ciampi che difendeva la £ira dalla svalutazione fino alla morte …e infatti morì …peccato che morì la Lira e non lui …
Antonio Baretta
Antonio Baretta 19.01.2023 18:27
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Quindi il dollaro si svalutrà ?
Anto Pink
Anto Pink 19.01.2023 18:27
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Già si sta svalutando
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email