Ricevi uno sconto del 40%
🚀 La nostra AI ha scelto 6 titoli che sono balzati del 25% nel 1° trimestre. Quali titoli saliranno nel 2° trimestre?Sblocca l'elenco completo

Oro ai massimi da sette anni e punta verso 1.700 dollari. Greggio crolla

Pubblicato 24.02.2020, 13:12
Aggiornato 24.02.2020, 13:13
© Reuters.

Di Mauro Speranza

Investing.com – La paura del coronavirus spinge gli operatori sempre più verso i beni rifugio, abbandonando così la propensione al rischio dell’azionario. Non si ferma, infatti, il calo dei principali indici europei, iniziato questa mattina dopo il peggioramento della situazione In Italia e in Francia a causa del propagarsi dell’infezione nel nostro paese.

Il Ftse Mib, infatti, resta il peggiore tra gli indici europei con un calo superiore al 4%, mentre gli altri indici europei restano in scia nonostante il miglioramento del dato relativo all’indice IFO sulla fiducia delle aziende in Germania nel mese di febbraio.

A beneficiare degli acquisti resta l’oro che con un +2% si porta a 1.682 dollari l’oncia, quota vicina ai massimi dal settembre 2012.

Il prezzo dell’oro, però, potrebbe non fermarsi e gli esperti di Citigroup, prevedono il superamento dei 1.700 dollari nel breve periodo, fino addirittura a toccare i 2 mila dollari “nei prossimi 12-24 mesi”.

La crescita dell’oro sarà “superiore con un mercato del rischio al ribasso se i rischi del coronavirus dovessero avere un impatto sulle catene di produzione e distribuzione e, di conseguenza, sullo slancio degli utili USA”, aggiungono gli esperti dell’istituto.

Movimenti evidenziati dagli “indicatori tecnici che indicano che l’oro è ipercomprato da circa tre settimane”, sottolinea Ipek Ozkardeskaya di Swissquote, “ma la propensione al rischio è così fragile che nemmeno i prezzi alle stelle scoraggiano la convergenza di capitali nel metallo prezioso”.

L’allarme per la crescita economica

Se l’oro corre, dunque, le altre materie prime cedono il passo. Il greggio scende a 51,41 dollari, il Brent scambiato a 55,70 dollari, insieme al calo segnato dal gas naturale, il rame, il frumento e il cotone.

A far scattare il ‘fuggi fuggi’ sulle materie prime era stato l’allarme lanciato dal Fondo Monetario Internazionale (FMI), rivedendo al ribasso le stime della crescita globale dello 0,1%, sufficiente agli investitori a rivolgersi verso altri beni.

“Il coronavirus mette in pericolo la ripresa economica mondiale", erano le allarmistiche parole di Kristalina Georgieva, direttrice operativa del FMI. "Nel nostro attuale scenario di base, le politiche annunciate verranno implementate e l'economia cinese torna alla normalità nel secondo trimestre. Di conseguenza, l'impatto sull'economia mondiale sarebbe relativamente minore e di breve durata", spiegava l’economista.

Secondo il FMI, però, potrebbero esserci scenari peggiori, in “cui la diffusione del virus dura più a lungo e più a livello globale con delle conseguenze sulla crescita che sono più protratte”. "Mentre l'impatto dell'epidemia continua a manifestarsi”, proseguiva Georgieva, “la valutazione dell'OMS è che con misure forti e coordinate, la diffusione del virus in Cina e nel mondo può ancora essere contenuta e la tragedia umana arrestata".

Se dalla Cina continuano a segnalare il calo di nuovi decessi e di infezioni, l’Organizzazione Mondiale della Sanità mette in guardia contro previsioni affrettate sull’epidemia, “esprimendo preoccupazioni sul numero di nuove infezioni in altri paesi”, concludeva Georgieva.

Ultimi commenti

altro che oro, tra 2 max 3 giorni c'è da comprare azioni a piene mani
Fantastico leggo solo ora
Dite?
qui qualcuno ci sta facendo una montagna di soldi
Qual'e' l'ISIN per acquistare l'oro?
dipende se vuoi comprare oro fisico JE00B1VS3770 se vuoi un ETF legato ai titoli delle aziende estrattrici di oro IE00B3CNHG25 (io ho scelto questo) oppure se vuoi il future
grazie gentilissimo
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.