🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

Oro: prezzi si ritirano da massimi storici in attesa dell'inflazione

Pubblicato 12.03.2024, 07:08
© Reuters.
GC
-
HG
-
SI
-
PL
-

Investing.com-- I prezzi dell'oro sono scesi martedì negli scambi asiatici, ritirandosi dai massimi storici mentre i trader bloccano i profitti in vista dei dati chiave sull'inflazione negli Stati Uniti, che si prevede influenzeranno il percorso dei tassi di interesse.

Le crescenti scommesse sul taglio dei tassi di interesse già a giugno, insieme all'aumento della domanda di beni rifugio, hanno visto i prezzi del metallo salire a marzo a nuovi massimi storici, con i prezzi spot che hanno sfiorato i 2.200 dollari l'oncia.

Ma il rally si è raffreddato nelle ultime sedute, soprattutto dopo i segnali un po' falsi della Federal Reserve e i dati contrastanti sul mercato del lavoro. Il sito dollar si è stabilizzato rispetto alle recenti perdite, facendo pressione anche sui mercati dei metalli.

Spot gold è sceso dello 0,2% a $2.178,43 l'oncia, mentre gold futures con scadenza ad aprile è sceso dello 0,2% a $2.184,65 l'oncia alle 01:24 ET (05:24 GMT). Entrambi gli strumenti erano scambiati a circa 15 dollari al di sotto dei massimi storici toccati la scorsa settimana.

Dati CPI in attesa di spunti per il taglio dei tassi

L'attenzione è ora rivolta ai dati chiave del indice dei prezzi al consumo (CPI) degli Stati Uniti, attesi per martedì, per avere ulteriori indicazioni sul potenziale percorso dei tassi di interesse.

Si prevede che la lettura mostri che l'inflazione si è mantenuta costante a febbraio, ben al di sopra dell'obiettivo annuale del 2% fissato dalla Fed.

La lettura dell'inflazione sarà oggetto di attenzione anche dopo che una serie di funzionari della Fed - in particolare il presidente della Fed Jerome Powell - ha dichiarato che i tempi e l'entità di eventuali tagli dei tassi quest'anno saranno strettamente legati al percorso dell'inflazione.

Si prevede inoltre che i dati sull'inflazione offrano una maggiore direzione ai mercati dopo i segnali ampiamente contrastanti dei dati buste paga non agricole della scorsa settimana.

L'oro dovrebbe beneficiare di eventuali riduzioni dei tassi d'interesse nel corso dell'anno, un'idea che è stata uno dei principali motori del rally del metallo giallo nelle ultime sedute.

Altri metalli preziosi sono scesi martedì dopo aver registrato forti guadagni nelle ultime sedute. Platinum futures è sceso dello 0,5% a 938,0 dollari l'oncia, mentre silver futures è sceso dello 0,1% a 24,685 dollari l'oncia.

Il rame si ferma su alcuni guadagni tra le speranze della Cina

Tra i metalli industriali, i prezzi del rame sono scesi martedì, ma hanno registrato alcuni guadagni nell'ultima settimana grazie alle speranze di ulteriori misure di stimolo da parte della Cina, il principale importatore.

Copper futures Il prezzo del rame con scadenza a maggio è sceso dello 0,3% a 3,9218 dollari la libbra, dopo essere salito dello 0,8% la scorsa settimana.

I dati positivi sulle importazioni dalla Cina hanno mostrato che la domanda è rimasta stabile nel paese nonostante la debolezza delle condizioni economiche.



Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.