Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

BCE ferma in attesa di dicembre, Pepp confermato

Economia28.10.2021 14:00
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Di Alessandro Albano 

Investing.com - La Banca Centrale Europea non si è mossa nell'ultima riunione di politica monetaria, confermando tutti gli strumenti in suo possesso senza alcuna indicazione sulle mosse future a parte confermare un ritmo degli acquisti Pepp "moderatamente inferiore" rispetto ai trimestri precedenti. Tutto rimandato, quindi, a dicembre.

Il governing council, si legge nella nota della banca, "continua a ritenere che possano essere mantenute condizioni di finanziamento favorevoli con un ritmo degli acquisti netti di attività nel quadro del Pepp moderatamente inferiore rispetto al secondo e al terzo trimestre dell’anno".

Francoforte ha confermato, inoltre, i livello dei tassi di interesse di riferimento della BCE, le indicazioni prospettiche (forward guidance) sulla loro probabile evoluzione futura, gli acquisti nell’ambito del Programma di acquisto di attività (PAA), le politiche di reinvestimento e le operazioni di rifinanziamento a più lungo termine.

In dettaglio, i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rimarranno invariati rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al -0,50% finché l’inflazione non raggiungerà il 2% "ben prima della fine del suo orizzonte di proiezione e in maniera durevole per il resto dell’orizzonte di proiezione".

Questo, spiega la BCE, "può comportare un periodo transitorio in cui l’inflazione si colloca su un livello moderatamente al di sopra dell’obiettivo".

Gli acquisti netti nell’ambito del PAA proseguiranno a un ritmo mensile di 20 miliardi di euro fin quando sarà necessario "rafforzare l’impatto di accomodamento dei suoi tassi di riferimento", mentre gli acquisti del programma Pepp da 1.850 miliardi di euro dureranno "almeno sino alla fine di marzo 2022 e, in ogni caso, "finché non riterrà conclusa la fase critica legata al coronavirus".

Inoltre, la banca reinvestirà il capitale rimborsato sui titoli in scadenza del Pepp "almeno sino alla fine del 2023", con la futura riduzione del portafoglio Pepp che "sarà gestita in modo da evitare interferenze con l’adeguato orientamento di politica monetaria".

Alle 14:30 CEST, la presidente Christine Lagarde illustrerà i motivi delle decisioni nella tradizionale conferenza stampa che potrete seguire in diretta qui di Investing.com.

BCE ferma in attesa di dicembre, Pepp confermato
 

Articoli Correlati

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (3)
In gold We trust
In gold We trust 28.10.2021 17:38
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Povera BCE....spesso è meglio una idea st up id a, che nessuna idea.
isacco fantini
isacco fantini 28.10.2021 17:38
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
In Gold We trust.. come ricordi bene il vuoto creato all' interno di quelle zucche è condizione imprescindibile per occupare quegli scranni.. purtroppo.
karl marx
karl marx 28.10.2021 16:51
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
il pepp e la sospensione del Patto di stabilità stanno permettendo la ripresa. l'inflazione è esogena. Quando si tornerà al patto di Maastricht, torneremo alla crisi del 2008-10.
federico schiavo
fredericks 28.10.2021 14:04
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
sostanzialmente la BCE ha fatto intendere, preferiamo alta inflazione piuttosto che alzare i tassi....stiamo qua a parlare ancora di ripresa economica quando tutti stanno guadagnando, l'inflazione galoppa ben oltre il loro target e la disoccupazione scende sempre più...se questi sono i più bravi della classe non oso immaginare gli altri cosa farebbero....ma dai
isacco fantini
isacco fantini 28.10.2021 14:04
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
non sono dei criminali.. ma ci si avvicinano molto. Favorire l' inflazione aiuta solo i grossi gruppi ultraindebitati.. ma affama i popoli.
Federico Boschi
Federico Boschi 28.10.2021 14:04
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
isacco fantini purtoppo è vero
Rino Lupo
Rino Lupo 28.10.2021 14:04
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
il problema è che se non aiuti i grossi gruppi indebitati e questi lasciano a casa migliaia di persone, come li sfami questi e i futuri poveri?!
isacco fantini
isacco fantini 28.10.2021 14:04
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
questo succede quando ci si ostina a tappare buchi con carta straccia. Mi spiace ma ad un certo punto questi lavoratori sono pur sempre meno della totalità della classe media che subisce gli effetti inflattivi.La misura è colma
Cristiano Fantinati
Cristiano Fantinati 28.10.2021 14:04
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
isacco fantini concordo pienamente, le aziende indebitate non vanno salvate, soprattutto in Italia
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email