Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

La nuova fatica di Ercole: ridurre le emissioni di CO2

Economia20.07.2021 19:36
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Investing.com

Di Geoffrey Smith 

Investing.com - Gli scambi legati alle emissioni di carbonio stanno diventando globali. Unione Europea e Cina la scorsa settimana hanno adottato forti misure per imporre costi più alti sulle emissioni di gas serra, il singolo principale fattore dei cambiamenti climatici causati dall’uomo.

E, proprio al momento giusto, queste iniziative sono arrivate nella stessa settimana in cui delle devastanti forti inondazioni hanno colpito sia Europa che Cina, quasi come avvertimento della devastazione che le nuove misure puntano ad evitare.

Sul lungo termine, dicono gli analisti, le misure potrebbero realizzare quello che promettono, creando una migliore serie di incentivi per la produzione e i consumi energetici (ed ampliando una classe di asset da scambiare che ha offerto bei ritorni negli ultimi anni).

Ma, sul breve termine, il loro impatto probabilmente sarà minimo, indebolito (se il passato ci insegna qualcosa) da pressioni e conseguenti annacquamenti di queste regolamentazioni. Chi spera di fare soldi facili dai future delle quote di emissione di carbonio avrà bisogno di una esaustiva conoscenza delle clausole delle regolamentazioni locali, man mano che si evolveranno.

La strategia sulle emissioni di carbonio dell’UE “Fit for 55”, pubblicata la scorsa settimana, è sicuramente molto più capillare, ma è quella della Cina la più importante, considerato il ruolo del paese come maggiore inquinatore al mondo attualmente.

“Senza una sufficiente riduzione da parte della Cina, raggiungere l’obiettivo di 1,5 gradi è essenzialmente impossibile”, ha riferito nella giornata di martedì l’inviato USA John Kerry, riferendosi all’obiettivo chiave dell’Accordo sul Clima di Parigi di limitare la crescita della temperatura media in tutto il mondo.

Nonostante abbia promesso di ridurre le emissioni dal 2030 in poi arrivando all’impatto zero entro il 2060, la Cina continua a costruire centrali elettriche alimentate a carbone, incarnazione vivente del fenomeno della “fuga dal carbone”, in base al quale l’inquinante attività industriale non fa altro che spostarsi in paesi con regolamentazioni meno rigide.

Perciò è bello vedere lo schema commerciale cinese partire dal settore energetico: oltre 2.000 società energetiche responsabili di circa il 14% delle emissioni legate all’energia in tutto il mondo. Tuttavia, i prezzi pagati per i crediti di carbonio al debutto di venerdì a Shanghai (meno di 8 dollari la tonnellata) non sono neanche lontanamente vicini al livello di 50 dollari che secondo il Fondo Monetario Internazionale sarebbe compatibile con Parigi.

La verità è che l’unico piano utile a lungo termine fa male e i trascorsi del Presidente Xi Jinping da questo punto di vista non sono incoraggianti: più volte, ha annacquato o annullato ambiziose riforme strutturali, una volta diventato evidente il loro costo economico sul breve termine. I principali inquinanti, come il settore petrolchimico, hanno tre anni per fare pressioni sul governo prima di pagare un solo centesimo per le loro emissioni, e non c’è alcun riferimento diretto nei piani del sistema per lo scambio di quote di emissione (ETS) ad una vera riduzione delle emissioni nel tempo. Il rischio di un passo indietro è fin troppo chiaro.

Tuttavia, in questo caso, la Cina potrebbe non avere alternative. Il piano UE per un sistema di aggiustamento del carbonio alla frontiera renderà più semplice punire i produttori che pagano un prezzo inferiore per le loro emissioni. I Democratici al Senato USA, in cerca di un modo per far passare i dazi all’importazione di Donald Trump per misure “verdi”, ora starebbero lavorando anche loro su un meccanismo simile. Non ci sarà futuro per la maggior parte delle industrie cinesi senza accesso a questi due mercati, perciò dovranno essere compiuti un qualche tipo di progressi dimostrabili.

Ci sono ovvi rischi che gli schemi di UE ed USA vengano usati a scopi protezionistici, ma le norme dell’Organizzazione Mondiale del Commercio possono almeno mitigarli, assicurandosi che l’Occidente non chiuda un occhio nei confronti di altri inquinatori nel caso in cui li consideri una minaccia minore, per esempio India o Brasile.

Alla fine, però, sorvegliare le politiche sui cambiamenti climatici a livello internazionale potrebbe essere più semplice che garantire la loro accettazione a livello nazionale.

L’ETS dell’UE, affermano Claus Vistesen e Melanie Debono di Pantheon Macroeconomics, corrisponde ad “un forte e sostenuto aumento della tassa sui consumi energetici nei prossimi 20-30 anni”, che probabilmente ricadrà più sui poveri che sui ricchi, in assenza di altre misure. E questa tesi sarebbe altrettanto valida per analoghe misure USA o cinesi.

In Francia, le eco-tasse di Emmanuel Macron hanno creato il movimento dei “gilet gialli”. Negli USA, la transizione energetica si presta fin troppo facilmente alla manipolazione di estremisti sia di destra che di sinistra, come hanno dimostrato le tempeste di quest’inverno in Texas. La politica di tassazione energetica in Cina difficilmente avrebbe un esito più moderato, per quanto il Partito Comunista si sforzi di tenere a bada le proteste.

In effetti, le difficoltà di implementare queste politiche potrebbero far pensare che l’unica cosa in grado di far rispettare a tutti e tre gli obblighi di Parigi sarebbero eventi climatici sempre più frequenti e sempre più estremi.

Su questo punto, almeno, ci sono meno rischi di rimanere delusi.

 

La nuova fatica di Ercole: ridurre le emissioni di CO2
 

Articoli Correlati

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (4)
Roberto De Putti
Roberto De Putti 22.07.2021 10:17
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
se eliminassimo gli sprechi, gli utilizzi inutili,.....illuminare i grilli la notte, andare a sciare nel deserto, coltivare piante tropicali nelle alpi, climatizzare a 20 gradi d'estate e a 26 d' inverno, ecc, ecc......sarebbe già un bel passo avanti....e che passo !!!
paolo turchetti
paolo turchetti 21.07.2021 23:13
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Ma secondo me viviamo in un mondo folle, 8 dollari 50 dollari, ma se I soldi sono creati dal nulla e in teoria non valgono Nulla, perché la Cina deve inquinare per altri 30 anni, ci autodistruggeremo non c'è soluzione
Ale dilu
Ale dilu 21.07.2021 16:13
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
consigliate azioni da comprare?
Ludovico Pirroli
Ludovico Pirroli 21.07.2021 15:21
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
ridurre la CO2 non significa investire solamente in energie rinnovabili e auto elettriche ma significa ridurre le emissioni di agricoltura allevamento industria generica e tutto il resto, visto che i trilioni di stimoli per la transizione vanno solo ad un settore a conti fatti avremo ancora più inquinamento di prima
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email