Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Il dollaro forte preoccupa Trump nella sua guerra commerciale

Valute04.09.2019 10:54
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Reuters.

Versione originale di Carlos R. Cózar – traduzione a cura di Investing.com

Investing.com - Donald Trump è preoccupato e ne ha tutte le ragioni. Il Presidente degli Stati Uniti vuole avere tutto sotto controllo. Se martedì pomeriggio l'inquilino della Casa Bianca attaccava la Cina, l'Unione europea e la Fed, negli ultimi giorni espresso, come sempre attraverso Twitter, la sua preoccupazione per il momento in cui vivono le valute.

Ricordiamoci che l'euro è al minimo di due anni fa e la sterlina era quotata ieri come 34 anni fa. Nel frattempo, la Cina continua con la sua politica di uno yuan debole per cercare di sostenere le esportazioni. I suoi principali nemici, quindi, hanno una moneta debole. Lo yuan è sceso a 7,17 yuan per dollaro, il tasso di cambio più basso degli ultimi 11 anni.

Guardando i dati dell'indice americano dell'industria manifatturiera, che è stato offerto martedì pomeriggio, è chiaro che un "biglietto verde" forte non è di alcun interesse per l'economia statunitense. Il PMI si è attestato a 50,3, il livello più basso dal settembre 2009, poiché le esportazioni sono scese ai livelli più bassi del decennio. Inoltre, anche l'attività industriale è diminuita per la prima volta in tre anni e mezzo. Segni di contrazione?

"Questo risultato è il peggior record segnato da questo indice da gennaio 2016 e da allora solo il doppio del PMI calcolato dall'ISM è stato al di sotto del livello di 50 punti che separa la crescita dalla contrazione: a febbraio dello stesso anno e poi di nuovo ad agosto", spiega Aitor Méndez, analista di IG Markets.

Questo terreno fertile fa rallentare le esportazioni perché la valuta statunitense è un inconveniente per le aziende locali per vendere le loro merci all'estero.

Questo rappresenta lo scenario in cui Donald Trump cerca di 'salvare' il dollaro per giocare con le stesse regole: in altre parole, un dollaro più basso. "Un dollaro forte è qualcosa che preoccupa Trump, che vuole che i tassi di interesse siano abbassati, mentre ci avviciniamo al 18 settembre quando si terrà il meeting della Fed sulla politica monetaria: è molto probabile che vedremo ancora i tweet di Trump per esercitare pressione su Powell", dice Sergio Avila, analista di IG Makets.

Allo stesso modo è JP Morgan (NYSE:JPM), i cui esperti non escludono l'interventismo monetario in modo che la Cina non vinca la partita. "Non è il nostro scenario di base, ma non possiamo escludere un cambio di politica per frenare la debolezza del dollaro”.

Nonostante il possibile trucco che Trump potrebbe tirar fuori dalla manica, Felipe López, analista di Self Bank, indica che "ha ragione solo in parte nel commentare i danni causati agli Stati Uniti dall'aumento del dollaro. La Federal Reserve non ha tra i suoi compiti la stabilità della moneta, ma un misto tra la stabilità dei prezzi e il corretto funzionamento dell'economia e del mercato del lavoro. Finché non si vede che l'aumento del dollaro potrebbe influenzare una qualsiasi di queste tre variabili, non si dovrebbe agire di conseguenza”.

Tuttavia, l'esperto definisce "preoccupante" il fatto che la Fed sia stata guidata dalle pressioni di Donald Trump, poiché il prestigio della banca centrale statunitense si basa "sull'indipendenza che ha mantenuto da quando è stata creata".

Quali sono le implicazioni?

L'analista di Self Bank propone due implicazioni per un dollaro forte. In primo luogo, egli afferma che il suo effetto sul mercato azionario americano è molto inferiore a quello che potrebbe verificarsi in altri indici che hanno visto forti variazioni nelle loro valute. Come esempio, Lopez guarda al mercato azionario britannico: "va su quando la sterlina scende. Nel caso dell'S&P500 non ha tale impatto perché stiamo parlando di un indice che realizza la maggior parte delle sue vendite sul mercato interno e quindi le sue aziende non sono così esposte al rischio di cambio”.

D'altra parte, e nell'aspetto che più preoccupa Donald Trump, la guerra commerciale, in Self Bank mitigare i rischi del dollaro alto a cui "molti parlano che l'aumento delle tariffe dovrebbe spingere l'inflazione in quanto il consumatore americano dovrà pagare di più per i prodotti importati. Tuttavia, questo aumento del dollaro potrebbe attenuare questo effetto sull'inflazione”.

Il dollaro forte preoccupa Trump nella sua guerra commerciale
 

Articoli Correlati

Norvegia, da domani fine restrizioni Covid-19
Norvegia, da domani fine restrizioni Covid-19 Da Reuters - 24.09.2021 1

OSLO (Reuters) - La Norvegia riaprirà domani, ponendo fine alle restrizioni per il contenimento del coronavirus che hanno limitato le interazioni sociali e ostacolato molte...

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (6)
dia log
dia log 04.09.2019 13:09
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
il prestigio della banca centrale statunitense si basa "sull'indipendenza che ha mantenuto da quando è stata creata" - sembra che se ne siano scordati!
Tommy shlong
Tommy shlong 04.09.2019 12:11
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Ormai sembra un pugile bastonato, gli arrivano pugni da tutte le direzioni vuole fare l'economista, il miliardario, il politico pure il meteorologo. Sta portando la recessione in tutto il mondo un il suo american first, ma non ha capito che ormai la globalizzazione non si può fermare.
frank ray
frank ray 04.09.2019 11:54
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
è meglio che si preoccupi la Cina che se sale il prezzo del petrolio con un dollaro forte e uno yuan svalutato e i dazi USA mi sa che si ritroveranno con il sedere per terra
Salvatore Noto
Salvatore Noto 04.09.2019 11:54
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Non credo che la Cina abbia timori di approvvigionamento di petrolio. IRAN, RUSSIA e VENEZUELA sarebbero ben lieti di vendere petrolio in cambio di YUAN. Del resto questa eventualità basterebbe da sola a deprezzare il biglietto verde di almeno un 10%. E allora sì che ne vedremo delle belle! Ma fino a quando la Cina troverà nel mercato americano uno sbocco per le sue merci tutto ciò non potrà mai accadere.
Fernando Arsieni
Fernando Arsieni 04.09.2019 11:18
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
TRUMPO, sono long su eur usd, continia cosi grazie.
Maurizio Chemello
Maurizio Chemello 04.09.2019 11:13
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Chi è causa del suo mal pianga se stesso
Giacomo Balistreri
Giacomo Balistreri 04.09.2019 11:13
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
caro donald pensaci tu
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email