🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

Borsa Milano si rafforza, incurante di tensioni in Medio Oriente, bene Prysmian, giù oil

Pubblicato 15.04.2024, 13:19
© Reuters. Dettaglio dell'ingresso della Borsa di Milano.  REUTERS/Alessandro Garofalo
IT40
-
SRG
-
PRY
-
ISP
-
TENR
-
ENI
-
BMPS
-
TRN
-
LAZI
-
BSGR
-
STLAM
-

MILANO (Reuters) - Indici positivi a Piazza Affari, in linea con l'andamento degli altri mercati europei, incuranti delle tensioni in Medio Oriente dopo l'attacco dell'Iran ai danni di Israele.

A fare da traino ai mercati anche il rialzo dei futures sugli indici azionari Usa che rimbalzano dopo il pesante sell-off a Wall Street venerdì scorso.

Negativi i prezzi del greggio. Secondo alcuni analisti la ragione del ribasso risiede nel fatto che gli operatori avevano già prezzato questo scenario la scorsa settimana mentre ora cercano di capire se la temuta escalation si verificherà.

Sul fronte macro, invece, i dati sulle vendite al dettaglio di marzo negli Stati Uniti, previsti per le 14,30, potrebbero essere un ulteriore elemento per valutare l'evoluzione dell'attuale politica monetaria da parte della Fed.

Intorno alle 12,30 l'indice Ftse Mib avanza dell'1%. Volumi intorno a 920 milioni di euro.

I titoli in evidenza oggi

In netto rialzo Prysmian (BIT:PRY) che avanza del 7% a ridosso di 52 euro, nuovo massimo storico, dopo l'annuncio dell'accordo per rilevare Encore Wire per 290 dollari per azione, pari a una valorizzazione (Enterprise Value) di circa 3,9 miliardi di euro della società Usa che produce cavi elettrici in rame ed alluminio per la produzione e distribuzione di energia. Secondo Banca Akros, "la notizia dell'acquisizione è positiva e non scontata".

La recrudescenza delle tensioni geopolitiche con i venti di guerra sempre più forti avvantaggiano i titoli della difesa, come Leonardo che balza dell'1,9%. Citigroup ha alzato il prezzo obiettivo a 28,6 euro da 16,8 euro precedente. Bene anche Fincantieri (BIT:FCT) in crescita dell'1,7%.

Vendute le utility e le oil service, in particolare Tenaris (BIT:TENR) che arretra dell'1,5%. Eni (BIT:ENI) in flessione dello 0,9%. Vendute anche Terna (BIT:TRN) e Snam (BIT:SRG).

Bene le banche: Mps (BIT:BMPS) e Intesa Sanpaolo (BIT:ISP) salgono fra l'1,2% e l'1,5%, Pop Sondrio guadagna l'1,9%.

Forti Stellantis (BIT:STLAM) a +2,7% e Maire Tecnimont a +2,1%.

© Reuters. Dettaglio dell'ingresso della Borsa di Milano.  REUTERS/Alessandro Garofalo

Fuori dal paniere Lazio (BIT:LAZI) balza del 2,2% dopo la vittoria in campionato.

Sugli scudi anche Raiway (+2,6%) spinta dalle attese di fusione con Ei Towers. Un quotidiano scrive che la società delle torri del Biscione avrebbe nominato una rosa di advisors per l'operazione con Raiway, in attesa che il processo venga avviato. Secondo Equita, "l'integrazione con Ei Towers e il pagamento di un dividendo straordinario, che stimiamo fino a 1,3 euro per azione, rimane il catalyst principale sul titolo".

(Giancarlo Navach, editing Stefano Bernabei)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.