Ultime Notizie
Investing Pro 0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Bund oltre 0%, massimi da maggio 2019. Pressione su titoli dell'Eurozona

Mercato azionario19.01.2022 10:21
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Reuters.

Di Alessandro Albano 

Investing.com - Con il rendimento del Treasury a 10 anni sulla soglia dell'1,9%, il Bund tedesco sulle medesima scadenza ha superato per la prima volta dal maggio 2019 lo 0%, scatenando un effetto domino sul debito sovrano degli altri Stati membri. 

In Italia, il Btp a 10 anni rende sul mercato secondario l'1,42% (massimi da giugno 2019) con spread a 135 punti base, il titolo francese a 10 anni è balzato allo 0,4%, mentre il decennale spagnolo ha toccato lo 0,7%. Tra i periferici, il portoghese 10y scambia in area 0,7% (+3,5%). 

Pressoché fermi i contratti assicurativi, segnale di una certa stabilità del rischio del debito, con i CDS sul decennale italiano a 137, e stabili a 89 sulla scadenza a 5 anni (-1,33% su base settimanale). 

Oltre alle previsioni per i diversi aumenti del costo del dollaro nel corso del 2022, la pressione sui bond europei è arrivata dopo la corsa dell'inflazione tedesca (+5,3% YoY a dicembre) ai massimi in 30 anni, seguita un'IPC britannica anch'essa ai livelli del 1992 (+5,4%). 

All'aumento dell'inflazione e i costi energetici, va di pari di passo la discussione sull'aumento del debito (sia pubblico che privato), esploso durante i due anni della pandemia. Su questo punto si è soffermato l'Ecofin di martedì, con il neo ministro per le Finanze tedesco Cristian Lindner che ha rimarcato la differenza di vedute tra Stati 'frugali' e Paesi come Italia e Francia, affermando che il Patto di stabilità ha mostrato di "essere flessibile durante la crisi", ma adesso è arrivato il momento di "di una riduzione del debito pubblico".

Nonostante una coalizione, quella tedesca, lontana in apparenza dalle posizioni di austerity dell'era Merkel, la questione della riduzione del deficit resta la priorità del governo Scholz. E con una minore richiesta di fondi ai mercati del credito e un Fiscal Compact ancora nella sua forma originale, la pressione sugli spread periferici potrebbe aumentare (senza tenere conto dei rischi politici che arrivano da Roma). 

"Spesso si discute del debito pubblico riguardo ad un singolo stato e ci si dimentica che però il problema è mondiale: nel 2020 il debito pubblico globale ha sfiorato il 100% del PIL (il 124% nelle economie avanzate) e conta per il 40% del debito totale, raggiungendo la quota più alta dagli anni ‘60. In peggioramento anche il rapporto tra debito privato e PIL che è salito dal 164% del 2019 al 178%", ha spiegato Antonio Tognoli, head of research di Integrae Sim.

"La crescita del debito tende ad amplificare le vulnerabilità delle economie, specialmente nel momento in cui le condizioni di finanziamento si restringono. Difficile però rientrare dai debiti con eccessiva rapidità, pena la strozzatura della ripresa. E’ invece necessario raggiungere un nuovo equilibrio tra sostengo alla crescita e bilanci a rischio", ha aggiunto l'esperto. 

Intanto, Borse europee a due velocità con FTSE MIB in calo dello 0,7%, DAX al -0,1%, Cac al +0,3% e FTSE 100 sulla parità.

Bund oltre 0%, massimi da maggio 2019. Pressione su titoli dell'Eurozona
 

Articoli Correlati

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (4)
Marco kaiser
Marco kaiser 19.01.2022 22:46
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Ci rendiamo conto che stiamo euforizzando i tassi A ZERO? Qual’è la differenza tra un Bund 0% e liquidità?
In gold We trust
In gold We trust 19.01.2022 15:57
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Adesso vediamo come "la vecchia" in BCE girerà la frittata....di idiozie ne ha raccontate troppe, toccherà alzare i tassi. Povera donna...idee poche, e tutte sbagliate
Emanuele Paris
Bigmème 19.01.2022 12:02
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
il problema è ormai ben chiaro, e la coperta è sempre più corta. Una cosa è certa, l'impatto della pandemia sull'economia è stato sopravvalutato; alla fine anche in mancanza di stimoli monetari e fiscali l'economia non sarebbe poi scesa più di tanto. Il problema è che l'ingente sforzo monetario e fiscale ha avuto impatto limitato sull'economia reale, determinando un'aggravarsi della ditomia tra ricci e poveri; e non poteva essere altrimenti, e l'inflazione è li a ricordarcelo. A fronte di debiti pubblici e privati esplosi ai massimi storici, la ricchezza per i componenti del decile più alto si è moltiplicata in modo ingiustificato, cosi come in modo assoluto sono aumentati i poveri. Alla fine abbiamo finanziato l'aumento del pratimonio dei ricchi con soldi pubblici. Oggi ne paghiamo tutti i costi in termini di inflazione, e domani ne pagheremo in termini di rientro dal debito pubblico.
Marco kaiser
Marco kaiser 19.01.2022 12:02
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
“La ricchezza dei ricchi” non è la posizione patrimoniale. Posso avere 100% di Microsoft e essere trilionario. Il problema è che non potró mai incassarli. Qui si parla di ricchezza guardando le posizioni azionarie dei capitani d’industria pensando che siano soldi liquidi nei conti correnti.
Paolo Linei
Paolo Linei 19.01.2022 11:53
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
dopo la pausa sanitaria si ritorna all'austerità ragazzi
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email