Ricevi uno sconto del 40%
🚀 La nostra AI ha scelto 6 titoli che sono balzati del 25% nel 1° trimestre. Quali titoli saliranno nel 2° trimestre?Sblocca l'elenco completo

JPMorgan discute il potenziale di un'altra impennata dell'inflazione

Pubblicato 21.02.2024, 20:44
Aggiornato 21.02.2024, 20:49
© Reuters.

Il principale analista di mercato di JPMorgan Chase & Co. ha pubblicato mercoledì un recente rapporto per gli investitori, affrontando i possibili pericoli di un'altra impennata dell'inflazione che potrebbe minacciare l'attuale sentimento positivo dei mercati finanziari.

Molti investitori percepiscono l'attuale clima finanziario come un livello di rischio relativamente basso, hanno osservato gli analisti, raccomandando approcci di investimento in armonia con le tendenze esistenti sul mercato.

Questa fase viene spesso descritta con l'espressione "mercati azionari in crescita esponenziale" e definita "platinum-locks", a indicare una situazione ancora più promettente dello scenario generalmente positivo "goldilocks".

Tuttavia, ci sono elementi insoliti che fanno apparire "strane" le recenti tendenze del mercato, hanno osservato.

In particolare, Paesi come il Regno Unito, il Giappone e la Germania stanno vivendo una flessione economica tecnica, anche se i loro mercati azionari, così come quelli europei e giapponesi, stanno raggiungendo nuovi picchi. Inoltre, il mercato ha rapidamente integrato aspettative ottimistiche riguardo all'influenza delle sofisticate tecnologie di intelligenza artificiale sui titoli azionari, prevedendo un notevole impulso all'economia nel breve termine.

Tuttavia, le recenti misure economiche, tra cui l'aumento dell'indice dei prezzi al consumo (CPI) e dell'indice dei prezzi alla produzione (PPI), nonché alcuni dati economici degli Stati Uniti e di altre nazioni che non hanno rispettato le previsioni, hanno introdotto dubbi sulle proiezioni più positive per il mercato.

"Con l'indice Nasdaq che è salito di circa il 70% in un anno, insieme a mercati del lavoro rigidi, immigrazione consistente e aumento della spesa pubblica, non sarebbe inaspettato che l'inflazione interrompesse il suo declino o tornasse a salire", suggeriscono gli analisti.

Questo potrebbe rappresentare una sfida per i tentativi di gestione della Federal Reserve degli Stati Uniti, avvertono gli analisti.

Tradizionalmente, le politiche monetarie rilassate hanno svolto un ruolo significativo nel contribuire all'aumento dell'inflazione IPC. Queste tendenze inflazionistiche sono distinte da fattori geopolitici come gli attuali bassi prezzi del petrolio (che potrebbero aumentare bruscamente), le interruzioni del trasporto marittimo in Medio Oriente e il rischio di perturbazioni della catena di approvvigionamento in Asia orientale a causa di conflitti geopolitici o delle conseguenze delle elezioni statunitensi.

"Riteniamo che gli investitori debbano considerare la possibilità che i tassi d'interesse debbano rimanere elevati per un periodo prolungato e che la Federal Reserve possa essere costretta a inasprire il contesto finanziario", hanno dichiarato gli analisti e il loro team.

"Il rialzo del 25% circa del mercato azionario da ottobre si è basato su una rivalutazione della politica della Federal Reserve (passando da una previsione di soli 2 ribassi dei tassi nel 2024 ad una previsione di circa 7 ribassi a gennaio). Sebbene la maggior parte di questi ulteriori tagli dei tassi previsti sia stata ora scontata, il mercato azionario non ha subito alcun aggiustamento al ribasso", hanno proseguito.

Inoltre, le fluttuazioni del mercato sono state insolitamente lievi, mentre l'assunzione di rischi negli investimenti è aumentata notevolmente nell'ultimo anno.

Con i conflitti geopolitici in corso nell'Europa dell'Est, in Medio Oriente e nel Mar Cinese Meridionale, cresce la preoccupazione per una possibile seconda impennata dell'inflazione. Questi conflitti hanno già provocato una crisi energetica e interruzioni della navigazione nel Mar Rosso.

Il rischio maggiore, tuttavia, deriva dall'escalation delle tensioni o da un potenziale conflitto commerciale con la Cina, che "potrebbe avere un effetto di gran lunga maggiore sull'economia mondiale e probabilmente causerebbe una seconda impennata sostanziale dell'inflazione e una flessione dei mercati", scrivono gli analisti.


Questo articolo è stato prodotto e tradotto con l'assistenza di AI ed esaminato da un redattore. Per ulteriori dettagli, consultare i nostri Termini e condizioni.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.