😎 Saldi d’estate esclusivi - Fino al 50% di sconto sugli stock picks di InvestingProAPPROFITTA DELLO SCONTO

Meglio azioni o obbligazioni? Dove conviene investire nei prossimi mesi per Ubs

Pubblicato 18.09.2023, 11:05
IT40
-
LCO
-
UBSG
-

Terminata la fase di slancio post Covid, i mercati sembrano puntare su un atterraggio morbido dell’economia, soprattutto negli Stati Uniti che in base agli ultimi dati dovrebbero riuscire ad evitare la recessione. Tuttavia, inflazione e aumenti dei tassi d’interesse hanno cambiato le dinamiche del mercato nell’ultimo anno, obbligando gli operatori del settore a ridisegnare le strategie d’investimento per i prossimi mesi.

In un contesto comunque migliore rispetto alle aspettative di qualche mese fa, in cui le Borse sono in crescita (il FTSE MIB nell’ultimo anno ha guadagnato oltre il 30%) rimane la delusione legata alle prestazioni dell’obbligazionario. “Dall’inizio dell’anno i ritorni dei titoli di Stato sono stati inferiori all’1% per gli Stati Uniti e al 3% per la zona euro”, spiega Matteo Ramenghi, chief investment officer UBS (NYSE:UBS)Wm Italia.

Tuttavia, prosegue, “i rendimenti rimangono elevati e, a mio avviso, rappresentano un’occasione da cogliere anche attraverso bond di buona qualità con scadenze a medio termine. Infatti, le obbligazioni di buona qualità hanno poche probabilità di perdere valore e, man mano che l’economia rallenta e l’inflazione scende, gli investitori inizieranno a posizionarsi per una riduzione dei tassi d’interesse, che ne dovrebbe far aumentare le quotazioni”.

Per quanto riguarda l’azionario, invece, il forte andamento delle borse da inizio anno è stata guidato dalle aspettative sull’intelligenza artificiale.

“Le fasi di cambiamento tecnologico schiudono sempre opportunità per gli investitori orientati al lungo termine, ma spesso si creano anche eccessi valutativi. Siamo positivi su alcuni temi specifici come il cloud e l’utilizzo dei dati e su alcuni segmenti dell’intelligenza artificiale, ma in generale vediamo maggiori opportunità nei settori più tradizionali”, commenta il cio di Ubs Wm Italia.

“Abbiamo una preferenza per il settore dell’energia, in considerazione del miglioramento del quadro economico e dell’aumento atteso del prezzo del petrolio Future Petrolio Brent per via dell’atteggiamento di alcuni tra i principali Paesi produttori. Siamo positivi anche sui beni di prima necessità, sulle utility che rappresentano una porta d’ingresso sul tema della sostenibilità, e su alcuni titoli industriali”.

Se, dunque, sia azioni che obbligazioni potrebbero produrre ritorni positivi per i prossimi mesi, “è il mercato azionario a presentare maggiori rischi e per questo preferiamo le obbligazioni di buona qualità”, sottolinea Ramenghi.

“Di certo non mancano le aree di incertezza: la geopolitica, l’inflazione che risulta ancora superiore ai target delle banche centrali, i possibili rialzi del prezzo del petrolio e il posizionamento stesso degli algoritmi di trading, per citarne alcuni”, ricorda l’esperto.

Nonostante ciò, conclude, “le opportunità di costruire ritorni duraturi per i prossimi anni non mancano e, con il giusto equilibrio tra le diverse asset class, questi rischi dovrebbero essere gestibili in un’ottica di medio termine”.

Ecco un articolo per approfondire cos'è il FTSE MIB.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.