Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

3 settori chiave da tenere d’occhio in vista delle elezioni del novembre 2024

Pubblicato 18.03.2024, 00:29
US500
-
US2000
-
MSFT
-
GOOGL
-
NVDA
-
CL
-
NG
-
GOOG
-

Il Super Tuesday è stato, se posso, super ovvio. L’ex presidente Donald Trump ha conquistato quasi tutti i delegati in palio la scorsa settimana, costringendo la sua sfidante repubblicana, Nikki Haley, a uscire dalla corsa, il che garantisce la sua nomination. I numeri dei sondaggi di Trump, come aggregati da RealClearPolitics, lo mostrano anche in ulteriore vantaggio rispetto al Presidente Joe Biden, il cui gradimento rimane in calo a causa della crisi al confine.

A graph of a graph of a personDescription automatically generated with medium confidence

Mancano otto mesi alle elezioni politiche, ma non credo sia troppo presto per gli investitori prepararsi a un potenziale secondo mandato di Trump. E siamo chiari: Trump, in caso di vittoria, sarebbe costituzionalmente limitato a un solo mandato aggiuntivo, come Biden. Dal momento che l’attuale amministrazione ha invertito una serie di politiche dell’era Trump, in particolare quelle relative all’immigrazione, Trump e i legislatori dovranno lavorare velocemente per implementare nuove leggi e politiche prima della fine di questi quattro anni.

Di seguito riportiamo tre aree da tenere d’occhio per gli investitori in caso di vittoria di Trump a novembre.

  1. Immigrazione e sicurezza delle frontiere

Secondo un recente sondaggio Gallup, l’immigrazione è il tema più sentito dalla maggior parte degli americani ed è anche l’argomento più associato a Trump.

Da quando Biden è entrato in carica nel 2021, un numero record di immigrati senza documenti si è riversato negli Stati Uniti, allarmando famiglie e imprese e mettendo a dura prova le infrastrutture e le risorse di molte comunità. Finora nell’anno fiscale 2024, iniziato nell’ottobre 2023, sono stati registrati quasi 1 milione di incontri di migranti al confine tra Stati Uniti e Messico, superando il totale della maggior parte degli anni precedenti. Gli Stati Uniti hanno ora un numero record di persone di origine straniera che vivono all’interno dei loro confini, 49,5 milioni, pari al 15% della popolazione totale, come ha riferito il Census Bureau a ottobre.

A graph of a number of yearsDescription automatically generated

Se gli elettori dovessero riportare Trump alla Casa Bianca, mi aspetto un’azione rapida sul fronte dell’immigrazione. Probabilmente assisteremo alla reintroduzione delle vecchie politiche di Trump, tra cui “Rimanere in Messico”, e il mese scorso l’ex presidente ha giurato di mettere in atto “la più grande operazione di deportazione della storia americana”. Secondo un sondaggio della Monmouth University condotto a febbraio, la maggioranza degli americani, ovvero il 53%, è favorevole alla costruzione di un muro lungo il confine tra Stati Uniti e Messico.

Il punto fondamentale è che le persone vogliono sentirsi al sicuro. La sicurezza è un bisogno fondamentale nella gerarchia dei bisogni di Maslow, insieme a cibo e acqua, e gli americani si sentono sempre più insicuri.

  1. I titoli a piccola capitalizzazione sono pronti per una ripresa?

Durante l’amministrazione del Presidente Trump, i titoli statunitensi a piccola capitalizzazione, misurati dal Russell 2000, hanno registrato una performance competitiva rispetto al S&P 500, poiché Trump ha spostato l’attenzione del governo sulla politica interna. Questo, unito alla legge di riforma fiscale del 2017, a un’ondata storica di deregolamentazione, a bassi costi di finanziamento e a una bassa inflazione, ha aiutato le aziende più piccole, “America first”, a prosperare.

Oggi il mercato appare molto diverso. Dall’inizio della presidenza Biden, l’S&P 500 è avanzato di quasi il 40%, e la maggior parte di questi guadagni si è verificata negli ultimi quattro mesi, quando gli investitori, anticipando i tagli dei tassi nel 2024, si sono affrettati a ottenere un’esposizione ai grandi titoli dell’intelligenza artificiale (AI) come Microsoft (NASDAQ:MSFT), Alphabet (NASDAQ:GOOGL) e NVIDIA (NASDAQ:NVDA). Il Russell 2000, in confronto, è rimasto sostanzialmente piatto nello stesso periodo.

Ciò significa che le small-capture si trovano ora alla valutazione più bassa rispetto alle large-capture dalla bolla delle dotcom di oltre 20 anni fa. Un’opportunità di acquisto?

A graph with a line going upDescription automatically generated

Come nel caso dell’immigrazione, ritengo che un secondo mandato di Trump potrebbe favorire i negozi e le imprese di tipo “Mom and Pop”, incentrati sul mercato interno. Durante la sua amministrazione, l’ottimismo delle piccole imprese statunitensi è stato costantemente elevato, con l’indice di ottimismo delle piccole imprese della National Federation of Independent Business (NFIB) che ha raggiunto il massimo storico di 108,8 nell’agosto 2018. Da allora, l’indice è sceso di oltre il 17%, attestandosi a 89,9 nel gennaio 2024.

  1. Ricominciare a puntare sull’energia statunitense

L’ultima area che vorrei toccare è quella dell’energia, che molti elettori e investitori associano a Trump.

Durante la sua amministrazione, i prezzi della benzina sono rimasti bassi perché i produttori hanno continuato a far fluire il petrolio. Questa situazione si è interrotta quattro anni fa con la pandemia, ma da allora gli Stati Uniti hanno riconquistato il loro status di primo fornitore mondiale di greggio. Nel dicembre 2023, l’ultimo mese di dati disponibili, gli Stati Uniti hanno prodotto in media 13,3 milioni di barili al giorno. Ciò ha portato a un nuovo record di petrolio pompato in un solo anno, superando il precedente record stabilito nel 2019, quando gli Stati Uniti hanno prodotto 4,49 miliardi di barili.

È interessante notare che i produttori sono riusciti a raggiungere questo risultato anche se il numero di piattaforme petrolifere attive in Nord America ha continuato a diminuire. Secondo Baker Hughes, all’inizio di marzo 2024 c’erano 506 impianti di perforazione attivi, con un calo di circa il 70% rispetto al massimo raggiunto nell’ottobre 2014.

A graph of a graph showing the number of high pricesDescription automatically generated with medium confidence

Cosa succede, dunque? Un nuovo rapporto della U.S. Energy Information Administration (EIA) si pone proprio questa domanda, scoprendo che le nuove e migliori tecnologie, tra cui la fratturazione idraulica (fracking) e la perforazione orizzontale, “hanno aumentato la produttività dei pozzi, consentendo ai produttori statunitensi di estrarre una quantità maggiore di crude oil dai nuovi pozzi perforati, mantenendo al contempo la produzione dei pozzi tradizionali”.

In altre parole, oggi i produttori sono in grado di fare molto di più con molto meno.

Per questo motivo, Trump 2.0 avrebbe ancora meno incentivi a continuare a sovvenzionare lo sviluppo delle energie rinnovabili. L’anno scorso è stato riferito che avrebbe “sventrato” l’Inflation Reduction Act (IRA), la principale legislazione sul clima di Biden, ricca di incentivi fiscali, finanziamenti e prestiti per aiutare l’economia a passare all’energia pulita.

***

Disclaimer:

I risultati passati non garantiscono quelli futuri. Tutte le opinioni espresse e i dati forniti sono soggetti a modifiche senza preavviso. Alcune di queste opinioni potrebbero non essere adatte a tutti gli investitori. Facendo clic sui link sopra indicati, si viene indirizzati a siti web di terzi. U.S. Global Investors non approva tutte le informazioni fornite da questi siti web e non è responsabile del loro contenuto.

L’indice S&P 500 è ampiamente considerato come il miglior indicatore singolo delle azioni statunitensi a grande capitalizzazione e funge da base per un’ampia gamma di prodotti d’investimento. L’indice comprende 500 società leader e copre circa l’80% della capitalizzazione di mercato disponibile. L’indice Russell 2000 è composto dalle 2000 società più piccole dell’indice Russell 3000, che rappresentano circa l’8% della capitalizzazione di mercato totale del Russell 3000. Il National Federation of Independent Business (NFIB) Small Business Optimism Index è un dato mensile che indica la salute delle piccole imprese negli Stati Uniti. L’indice è una combinazione di 10 componenti destagionalizzati che misurano le aspettative e le prospettive dei proprietari di piccole imprese. Il Baker Hughes North American Rotary Rig Count è un censimento settimanale del numero di impianti di perforazione attivi nella ricerca o nello sviluppo di petrolio o gas naturale negli Stati Uniti e in Canada.

Nessuno dei Fondi di U.S. Global Investors deteneva titoli citati in questo articolo al 31.12.2023.

 

 

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.