Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

Così Xi Jinping punta sul recupero della Borsa cinese

Pubblicato 22.02.2024, 08:13
Aggiornato 05.03.2021, 16:55

L’autorità di Borsa CSRC ha vietato ai principali investitori istituzionali di ridurre le partecipazioni azionarie all’apertura e alla chiusura di ogni seduta. Bloomberg: per il governo sarà più facile influenzare il mercato.

L’indice CSI 300 è al minimo degli ultimi cinque anni

L’ultima sfida di Xi Jinping è sostenere la Borsa cinese, dopo che l'indice principale del mercato azionario della Cina, il Shanghai Shenzhen CSI 300, è sceso ai minimi degli ultimi cinque anni. Secondo quanto riporta Bloomberg, l’autorità di Borsa cinese, la China Securities Regulatory Commission (CSRC), guidata dal neo-presidente Wu Qing, ha vietato ai principali investitori istituzionali di ridurre le partecipazioni azionarie all'apertura e alla chiusura di ogni giornata di contrattazione. Gli operatori colpiti dal divieto non possono vendere più azioni di quante ne acquistino durante i primi e gli ultimi 30 minuti di contrattazione.
La notizia per ora si basa su indiscrezioni riferite da persone bene informate, mentre manca una conferma ufficiale da parte delle autorità. Le indiscrezioni dicono che l’ordine della CSRC è stato recentemente recapitato ai principali gestori patrimoniali e ai desk di trading proprietario delle agenzie di intermediazione. 

La guerra alle vendite allo scoperto


La China Securities Regulatory Commission ha anche creato una task force per monitorare le vendite allo scoperto e fare una pesante opera di moral suasion nei confronti degli operatori professionali perché evitino di prendere posizioni short.
Il tentativo delle autorità di bloccare le vendite allo scoperto è in atto da mesi, ma il nuovo divieto di vendite nette all'apertura e alla chiusura rappresenta un notevole irrigidimento del governo sull'attività di mercato, che rischia di mettere in crisi le strategie comunemente utilizzate dagli hedge fund e da altri investitori istituzionali.
Bloomberg afferma che non ci sono indicazioni che le nuove misure riguardino i singoli investitori, che rappresentano una parte consistente degli scambi sull’azionario cinese. Tuttavia, l'esclusione delle principali istituzioni durante i due momenti topici della giornata di contrattazioni potrebbe rendere più facile per i fondi sostenuti dal governo influenzare il mercato, in particolare i livelli di chiusura degli indici di riferimento.
Il neo-presidente Wu Qing, con un passato da funzionario della CSRC a metà degli anni 2000, ha deciso di ricorrere a misure più drastiche per evitare che il crollo del mercato azionario si prolunghi per un quarto anno. Secondo Bloomberg, la caduta della Borsa è diventato uno dei simboli più visibili del calo di fiducia nella capacità del presidente Xi Jinping di risollevare un'economia alle prese con la deflazione e una persistente crisi immobiliare.

Giro di vite sul quantitative trading


Questa settimana l’autorità di Borsa cinese ha concentrato parte del suo giro di vite sul quantitative trading dopo che un importante hedge fund, Ningbo Lingjun Investment Management Partnership, ha venduto un totale di 357 milioni di dollari in azioni nel giro di un minuto lunedì, subito dopo l'apertura dei mercati. La mossa, ritenuta "perturbatrice del normale ordine di negoziazione", ha indotto le Borse di Shanghai e Shenzhen a congelare i conti del fondo per tre giorni, con una punizione insolitamente severa. Le Borse si sono anche impegnate a rafforzare la supervisione del trading quantitativo.
Insieme al bastone, la CSRC ha mostrato di volere utilizzare anche la carota. La settimana scorsa la commissione ha tenuto una serie di seminari con gli investitori in cui ha promesso di ascoltare i suggerimenti e persino le critiche per rispondere prontamente alle preoccupazioni. Secondo alcuni osservatori si tratta di un raro gesto di apertura al dialogo.

Ultimi commenti

Alla lunga ciò che conta sono gli utili e questi prezzi a mio avviso sono a sconto
i nodi dell'avidità stanno venendo a galla...facile costruire case che nessuno occupa e scriverle positivamente a bilancio.. eppoi tutte queste ingerenze politiche..basta..non è un paese da investirci serenamente
gli USA invece praticano un capitalismo serio. Si è ben visto nel passato.
cina troppo rischiosa, è finito il suo tempo
unico modo sarebbe togliersi di mezzo lui e tutto il partito comunista
olè
Sarebbe ora...
👍
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.