📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

GAS & SNAM il gas naturale

Pubblicato 05.06.2012, 13:59
Aggiornato 09.07.2023, 12:32
SRG
-
ENI
-
NG
-

Gentili Utenti di Investing.com,

Il ruolo del nostro Paese come hub del gas europeo si inserisce nel primo piano di investimento della regione Corridoio Sud-Nord. È stato presentato oggi dagli 8 operatori delle reti di trasporto di Italia, Germania, Francia e Svizzera nell’ambito del programma decennale di sviluppo delle reti dell’associazione dei Tso (transmission system operator) europei EntsoG (European Network of Transmission System Operators for Gas). Il piano, che sarà messo in atto nel periodo 2012-2021, premette che la regione svolge già oggi una funzione fondamentale nel mercato del gas europeo.

A livello europeo il gas naturale rappresenta il 24% del mix energetico e partecipa a un quinto della produzione elettrica. La domanda di gas è cresciuta negli ultimi 10 anni del 35%. In questo contesto si inserisce Snam Rete Gas che è il primo operatore nel trasporto e nel dispacciamento del gas naturale in Italia. Snam è inoltre l’unico operatore che svolge il servizio di rigassificazione di gas naturale liquefatto (GNL). Il sistema di trasporto del gas ha un’estensione complessiva di oltre 33.000 chilometri, il 94% è di proprietà di Snam e utilizza dieci centrali per regolare la pressione nella rete.   
   
Dopo aver recepito la direttiva dell’europarlamento sull’unboundling (disaggregazione della proprietà  per produzione e trasmissione) tramite Decreto Ministeriale del 25 maggio 2012, il parlamento italiano ha fatto si che avvenisse lo scorporo da Eni di Snam Rete Gas a beneficio di Cdp (Cassa Depositi e Prestiti).

Il gestore della rete di distribuzione, come preannunciato, sta avviando le attività per gestire il business in completa autonomia dalla ormai ex controllante Eni. In questa direzione il Consiglio di Amministrazione di Snam ha approvato ieri l’emissione di un bond (obbligazioni). L’emissione di 8 miliardi di euro, ha come target gli investitori istituzionali europei e verrà suddivisa in una o più tranches entro il 4 giungo 2013.

Questa notizia è positiva per l’azienda perché dimostra con quanta celerità il management si stia muovendo per ripagare il debito nei confronti di Eni. Gli analisti attendevano questo tipo di informazioni perciò il titolo non dovrebbe subire particolari scossoni nel breve termine. Per il medio e lungo termine confermiamo il giudizio positivo con target 4 e consiglio ADD.

Richiedi una demo gratuita dal sito di TS Investing per tradare con spread competitivi a partire da 0.8 pips.


Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.