📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Il nowcast del PIL del 3° trimestre indica un’accelerazione della crescita, sfidando le previsioni

Pubblicato 19.10.2023, 15:15

Le previsioni di recessione degli Stati Uniti persistono per alcuni analisti, ma la data di inizio continua a spostarsi in avanti poiché i dati economici in arrivo continuano a mostrare una certa forza. La tendenza si riflette nel nowcast rivisto al rialzo di oggi per il prossimo report sul PIL del terzo trimestre.

Il 26 ottobre il governo dovrebbe riferire che la produzione statunitense ha accelerato nel terzo trimestre a un ritmo annualizzato del 3,7% nel periodo luglio-settembre, secondo la stima mediana di diverse fonti compilata da CapitalSpectator.com. La stima rappresenta un forte miglioramento rispetto al 2,1% del secondo trimestre.

US Real GDP Change-Q3

Anche la stima odierna del 3,7% per il terzo trimestre riflette una revisione al rialzo rispetto all’aggiornamento precedente del 4 ottobre, quando la previsione mediana era del 3,2%.

Il risultato principale: la recente persistenza di previsioni mediane superiori al 3% a questa data suggerisce che i dati del terzo trimestre, previsti per la fine del mese, indicheranno quasi certamente una ripresa dell’attività economica.

L’attuale resilienza dell’economia ha sfidato gli avvertimenti che alcuni ambienti avevano lanciato all’inizio dell’anno, secondo i quali una recessione sarebbe stata una certezza a questo punto. Come afferma l’economista Paul Krugman:

Fino a poco tempo fa i previsori erano quasi concordi nel ritenere che l’economia statunitense fosse destinata a una recessione. In effetti, è passato esattamente un anno da quando Bloomberg ha dichiarato che, secondo i suoi modelli, la probabilità di una recessione entro l’ottobre 2023, cioè adesso, era del 100%.

Ops.

La maggior parte, forse tutte le previsioni di recessione nella storia recente sono state in qualche misura una forma di wish casting. Perché? Un’ampia serie di dati ha costantemente indicato che il rischio di recessione è rimasto basso quest’anno, dopo la ripresa dal breve calo del 2022.

Sì, se si selezionano gli indicatori, si evidenzia una prospettiva diversa. È sempre possibile vedere ciò che si vuole vedere se ci si concentra su serie specifiche di dati. Ma questo è un modo sbagliato di analizzare la recessione.

Una metodologia migliore (o forse è meglio dire la metodologia meno peggiore) consiste nel minimizzare il rumore e massimizzare il segnale eseguendo l’analisi su un’ampia gamma di indicatori che, in aggregato, presentano un profilo più affidabile.

Un mese fa ad esempio, una serie di indicatori proprietari utilizzati nel The US Business Cycle Risk Report ha continuato a riflettere basse probabilità che una recessione definita dall’NBER sia iniziata o stia per iniziare. L’edizione di questa settimana della newsletter racconta una storia simile, come mostra il grafico sottostante.

EMI-ETI Chart

Alcuni previsori insistono sul fatto che una recessione si sta ancora avvicinando. Nel grande schema dell’analisi del ciclo economico, hanno ragione. Ma non è affatto produttivo spostare in avanti le date di inizio della recessione ignorando il segnale di un ampio e diversificato insieme di indicatori economici e finanziari.

Sì, c’è un’altra recessione all’orizzonte. La distinzione chiave: al momento, non è all’orizzonte a breve termine. Alcuni analisti sostengono che guardare oltre i prossimi mesi racconta una storia diversa. Forse. Il problema è che oltre i due o tre mesi, l’analisi del percorso dell’economia è più o meno una totale congettura.

A dire il vero, la possibilità di uno shock economico potrebbe cambiare radicalmente l’analisi in un attimo. L’escalation del conflitto tra Israele e Hamas è al momento nella lista delle minacce. Ma valutare questo rischio, e ancor meno quantificarlo, è a dir poco impegnativo. Quando/se questo, o qualche altro rischio, diventerà un fattore critico per il ribasso, lo vedremo nei numeri. Nel frattempo, il nowcasting della recessione, utilizzando un’ampia serie di input, rimane l’unico gioco in città.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.