6 nuovi titoli aggiunti la scorsa settimana dai ProPicks AI sono già aumentati dell'2.5%.
Non perdere l’occasione!
Ottieni il 50% di sconto

Investimenti per il 2024: i portafogli adatti per i possibili scenari

Pubblicato 24.11.2023, 08:04

Buongiorno.
L’analisi di oggi si propone di utilizzare l’approccio intermarket per creare due portafogli di investimento 50-50 (50% in azioni, 50% in obbligazioni). Questi portafogli sono pensati per due possibili scenari che potrebbero verificarsi nei primi mesi del 2024 negli Stati Uniti: un atterraggio morbido dell’economia o, al contrario, una recessione. I portafogli, che saranno illustrati di seguito, non considerano il rischio di cambio né le commissioni, e sono basati su ETF quotati negli Stati Uniti. Se desiderate informazioni su ticker e ISIN degli stessi ETF quotati sulla borsa italiana, non esitate a contattarmi. Vorrei sottolineare che queste non sono raccomandazioni di investimento, ma piuttosto un’applicazione pratica dei concetti che solitamente esprimo nelle mie analisi, stavolta applicati alla gestione di un portafoglio di investimento.
La seguente analisi è una sintesi dell’originale (che comprende oltre 40 pagine). Per una comprensione più dettagliata di tutti i concetti presenti nell’analisi, ho preparato un video esplicativo che potete trovare alla fine di questa pagina. Auguro a tutti una piacevole lettura.
 
1. GLI INVESTITORI HANNO ASPETTATIVE DI ESPANSIONE ECONOMICA, RALLENTAMENTO DELL’INFLAZIONE E TAGLIO DEI TASSI DI INTERESSE
L’analisi del sentiment degli investitori può essere effettuata attraverso tre indici: SPHB/SPLV, TIP/IEF e LQDH/LQD.
L’indice SPHB/SPLV, che confronta le performance delle società ad alta volatilità con quelle a bassa volatilità, è un indicatore delle aspettative economiche. Quando l’indice sale, significa che gli investitori prevedono una crescita economica, mentre un calo indica l’aspettativa di un rallentamento economico. L’andamento dell’indice dal 2020 ad oggi è illustrato nel grafico successivo.

Le diverse tendenze dell’indice SPHB/SPLV. Grafico giornaliero

La figura mostra l’andamento dell’indice SPHB/SPLV dal 2019 ad oggi, evidenziando diverse fasi economiche:
·        Tra la fine del 2019 e marzo 2020, il mercato ha scontato una recessione
·        Da marzo 2020, si è verificata una ripresa, seguita da un’espansione
·        Il periodo tra marzo 2021 e novembre 2021 è stato caratterizzato da incertezza, con l’indice in una fase di distribuzione, a causa delle aspettative di massima espansione economica (fase 5)
·        Dal 2022, le aspettative erano di un rallentamento economico.
·        Dal 27 dicembre 2022, con alti e bassi, gli investitori scontano un’espansione economica o, se preferite, un soft landing

L’indice SPHB/SPLV è utile per misurare le aspettative economiche poiché riflette la propensione al rischio degli investitori. Quando gli investitori prevedono una crescita economica, preferiscono asset ad alto rischio come le società cicliche di SPHB. Al contrario, in previsione di un rallentamento economico, gli investitori si orientano verso asset a rischio più basso come le società difensive di SPLV. L’indice è anche correlato positivamente con il PMI composito, un dato macroeconomico chiave.

La correlazione positiva tra SPHB/SPLV e PMI composito statunitense. Grafico mensile

L’indice è anche positivamente correlato agli utili dell’S&P500.

La correlazione positiva tra SPHB/SPLV e utili dell’S&P500. Grafico mensile


La grafica precedente conferma che, quando gli utili sono in aumento, gli investitori tendono a favorire le società cicliche, che sono in grado di offrire rendimenti più alti rispetto alle società difensive. Gli utili del mercato azionario, a loro volta, sono direttamente correlati al ciclo economico, come mostrato nelle figure successive.

Il ciclo economico e quello degli utili societari

La correlazione positiva tra utili dell’S&P500 e PIL USA anno/anno. Grafico a 3 mesi


È importante notare che le società tendono a registrare profitti maggiori quando un altro indicatore macroeconomico chiave, la fiducia dei consumatori, mostra letture positive. Infatti, esiste una correlazione positiva tra questi due dati, come mostrato nella figura successiva.

La correlazione positiva tra utili dell’S&P500 e fiducia dei consumatori. Grafico mensile

In sintesi, la fiducia dei consumatori influisce sulle decisioni di investimento e spesa, che a loro volta influenzano l’economia e gli utili delle società quotate. Questo porta gli investitori a favorire le società cicliche o difensive a seconda delle aspettative economiche.

L’indice TIP/IEF, che confronta due ETF obbligazionari (TIP obbligazioni indicizzate, IEF obbligazioni non indicizzate) riflette le aspettative di inflazione del mercato. Se TIP sovraperforma IEF, il mercato prevede un aumento dell’inflazione, mentre se IEF sovraperforma TIP, il mercato prevede una disinflazione. L’indice è positivamente correlato all’indice dei prezzi al consumo e tende ad anticiparlo.

La correlazione positiva tra TIP/IEF e tasso di inflazione USA anno/anno. Grafico mensile


Osservando la figura successiva, vediamo che l’indice è in ribasso dal 19 ottobre 2023. Questo suggerisce che gli investitori prevedono che il tasso di inflazione continuerà a diminuire nei prossimi mesi, avvicinandosi alla soglia del 2%.

Gli investitori prevedono un rallentamento del tasso di inflazione. Grafico giornaliero

L’indice LQDH/LQD riflette le aspettative sui tassi di interesse attraverso la comparazione di due ETF obbligazionari corporate: LQDH, che copre il rischio dei tassi di interesse, e LQD, che non lo fa. Se LQDH sovraperforma LQD, gli investitori prevedono una politica monetaria restrittiva, mentre se LQD sovraperforma LQDH, prevedono una politica monetaria espansiva. L’indice è positivamente correlato ai tassi di interesse della Federal Reserve.

La correlazione positiva tra LQDH/LQD e tassi di interesse della Federal Reserve. Grafico mensile


Dal 19 ottobre 2023, le aspettative degli investitori sono per un taglio dei tassi di interesse.

Gli investitori prevedono un taglio dei tassi di interesse. Grafico giornaliero


Scendendo più nel particolare, gli investitori prevedono tre tagli dei tassi di interesse di 25 punti base per il 2024 (per un totale di 75 punti base), rispettivamente a maggio, luglio e novembre.

Gli investitori prevedono il primo taglio di 25 bps il 1° maggio 2024. Fonte: FedWatchTool


Gli investitori prevedono il secondo taglio di 25 bps il 31 luglio 2024. Fonte: FedWatchTool


Gli investitori prevedono il terzo taglio di 25 bps il 7 novembre 2024. Fonte: FedWatchTool



TIP/IEF, LQDH/LQD e tanti altri sono indici di sentiment che ho trattato ampiamente all'interno del mio libro, Investire in obbligazioni for dummies.
Quindi, è stato evidenziato che gli investitori stanno anticipando un ritorno alla fase 4 del ciclo economico, caratterizzata da crescita economica, disinflazione e riduzioni dei tassi di interesse.
 
2. DUE PORTAFOGLI DI INVESTIMENTO 50-50: UNO CICLICO ED UNO DIFENSIVO
L’obiettivo è ora quello di creare due portafogli di investimento per i primi mesi del 2024, ognuno ottimizzato per uno scenario economico diverso: espansione o recessione. Per un’espansione economica, un portafoglio 50-50 ciclico potrebbe essere una buona scelta, come mostrato nella figura successiva.

Il portafoglio 50-50 ciclico

Ecco la ponderazione percentuale:
·        25% XLK (ETF sul settore tecnologico)
·        25% XLY (ETF sul settore dei beni ciclici)
·        16.6% IEF (ETF sui titoli di stato USA con scadenza tra i 7 e i 10 anni)
·        16.6% LQD (ETF sulle obbligazioni societarie investment grade)
·        16.6% HYG (ETF sulle obbligazioni societarie ad alto grado di rischio)

Ora esamineremo i motivi per cui sono stati selezionati gli ETF sopra menzionati:
·        Quando il mercato prevede un’espansione economica, l’indice SPHB/SPLV tende a salire. L’ETF SPHB è fortemente influenzato dai settori tecnologico e dei beni ciclici, che insieme costituiscono il 55.06% di questo ETF, come mostrato nella figura successiva

La ponderazione settoriale dell’ETF SPHB. Fonte: Invesco


Pertanto, è ragionevole prevedere che questi due ETF possano registrare buone performance quando gli investitori anticipano una crescita economica, come dimostrato nelle due grafiche seguenti.

Le prestazioni del settore tecnologico quando SPHB sovraperforma SPLV. Grafico settimanale

Le prestazioni del settore dei beni ciclici quando SPHB sovraperforma SPLV. Grafico settimanale


La parte obbligazionaria del portafoglio non include ETF obbligazionari governativi a lunga scadenza come il “TLT”, per motivi illustrati nelle grafiche successive. In un contesto di crescita economica, che solitamente coincide con un aumento della fiducia dei consumatori, la domanda di beni e servizi tende a influenzare il tasso di inflazione. Pertanto, un aumento della domanda può portare a un aumento delle aspettative di inflazione. Questo è evidenziato nella grafica successiva, che mostra come le aspettative di crescita o decrescita economica siano sempre accompagnate da aspettative di aumento o rallentamento dell’indice dei prezzi al consumo.

La correlazione positiva tra SPHB/SPLV e TIP/IEF. Grafico settimanale


Ciò significa che, se gli investitori continuano a prevedere una crescita economica, a un certo punto (probabilmente) inizieranno a prevedere un aumento del tasso di inflazione. Se ciò dovesse accadere, TLT presenterebbe una performance negativa: il tasso di inflazione, infatti, rappresenta un rischio per le obbligazioni. Più esso aumenta, più gli interessi cedolari reali vengono erosi.

La correlazione negativa tra TIP/IEF e TLT. Grafico settimanale


Il motivo per cui sono stati inclusi due ETF su obbligazioni societarie è illustrato nelle due grafiche successive.

Quando gli investitori sono propensi al rischio, le obbligazioni societarie investment grade sovraperformano i titoli di stato. Grafico settimanale

Quando gli investitori sono propensi al rischio, le obbligazioni societarie high yield sovraperformano i titoli di stato. Grafico settimanale


Quando gli investitori sono propensi al rischio, preferiscono asset più rischiosi come le obbligazioni societarie, sia investment grade che high yield. Queste tendono a sovraperformare i titoli di stato quando SPHB supera SPLV. Inoltre, in un contesto di crescita economica, si prevede un aumento degli utili societari, il che riduce la probabilità di default delle società (come illustrato nella grafica successiva) e favorisce la performance di HYG e LQD.

Quando gli utili societari tendono al rialzo, le probabilità di default delle società ad alto e basso grado di rischio (rappresentate dai due spread obbligazionari) tendono al ribasso. Grafico mensile


Non sono state scelte solo obbligazioni ad alto grado di rischio per una questione di diversificazione. Infatti, una diversificazione consapevole può contribuire a ridurre il rischio.
Ora, come mostrato nella figura seguente, presentiamo un portafoglio 50-50 difensivo, progettato per proteggere il capitale in contesti economico-finanziari caratterizzati da un atteggiamento di avversione al rischio, come una recessione.

Il portafoglio 50-50 difensivo


Ecco la ponderazione percentuale:
·        16.6% XLU (ETF sul settore delle utilities)
·        16.6% XLV (ETF sul settore sanitario)
·        16.6% XLP (ETF sul settore dei beni di prima necessità)
·        50% TLT (ETF su obbligazioni del tesoro americano a lunghe scadenze)

La scelta di XLU, XLV e XLP è semplice: come illustrato nella figura successiva, questi ETF sono i principali driver dell’ETF SPLV, contribuendo per il 60% al suo movimento.

La ponderazione settoriale dell’ETF SPLV. Fonte: Invesco


Il portafoglio dovrebbe comportarsi nel seguente modo:
·        In caso di recessione, il mercato azionario avrebbe una performance negativa a causa della contrazione degli utili. Tuttavia, le società incluse negli ETF XLU, XLV e XLP, essendo difensive, dovrebbero avere una performance migliore del benchmark in quanto meno volatili (o, per l’appunto, a basso beta). D’altra parte, TLT dovrebbe avere un’ottima performance, essendo l’ETF tra quelli obbligazionari governativi con la più alta duration e, per lo stesso motivo, sarebbe quello a performare meglio in caso di taglio dei tassi

Le figure seguenti mostrano le prestazioni di tutti i componenti del portafoglio durante periodi di aspettative di rallentamento economico.

Le prestazioni del settore dei beni di prima necessità quando SPLV sovraperforma SPHB. Grafico settimanale

Le prestazioni del settore delle utilities quando SPLV sovraperforma SPHB. Grafico settimanale

Le prestazioni del settore sanitario quando SPLV sovraperforma SPHB. Grafico settimanale

Le prestazioni di TLT quando SPLV sovraperforma SPHB. Grafico settimanale


Nel prossimo paragrafo, esamineremo le prestazioni dei due portafogli dal 2012 ad oggi nelle fasi di risk on e risk off. Queste prestazioni saranno confrontate con quelle di un portafoglio 50-50 equilibrato, illustrato nella figura successiva, che è allocato con un 50% su SPY (ETF dell’S&P500) e un 50% su TLT.

Il portafoglio 50-50 equilibrato


Non ho presentato le metriche dei tre portafogli nel lungo periodo poiché l’obiettivo è capire come si comportano nelle fasi economiche favorevoli e non favorevoli, quindi in periodi di tempo più ristretti. Se desiderate vedere il loro comportamento dal 2008 ad oggi, potete commentare l’analisi nella sezione commenti in fondo alla pagina.
 
3. LE PRESTAZIONI DEL PORTAFOGLIO 50-50 CICLICO NELLE FASI DI RISK ON
Nelle figure successive, esamineremo le prestazioni del portafoglio ciclico rispetto a quelle del portafoglio equilibrato nelle fasi di risk on (quando SPHB/SPLV è rialzista) nei seguenti periodi:
·        Giugno 2012 - Agosto 2014
·        Febbraio 2016 - Giugno 2018
·        Aprile 2020 - Novembre 2021
·        Luglio 2022 - Ottobre 2023

Portafoglio ciclico vs portafoglio equilibrato nel periodo giugno 2012-agosto 2014

Portafoglio ciclico vs portafoglio equilibrato nel periodo giugno 2012-agosto 2014

Rendimenti annualizzati




Portafoglio ciclico vs portafoglio equilibrato nel periodo febbraio 2016-giugno 2018

Portafoglio ciclico vs portafoglio equilibrato nel periodo febbraio 2016-giugno 2018

Rendimenti annualizzati

Portafoglio ciclico vs portafoglio equilibrato nel periodo aprile 2020-novembre 2021

Portafoglio ciclico vs portafoglio equilibrato nel periodo aprile 2020-novembre 2021

Rendimenti annualizzati


Portafoglio ciclico vs portafoglio equilibrato nel periodo luglio 2022-ottobre 2023

Portafoglio ciclico vs portafoglio equilibrato nel periodo luglio 2022-ottobre 2023

Rendimenti annualizzati


È interessante notare come, nelle fasi di risk on, il portafoglio ciclico tenda a sovraperformare quello equilibrato. Se osserviamo i rendimenti annualizzati, c’è stato solo un anno (il 2014) in cui il portafoglio equilibrato ha registrato prestazioni migliori. Approfondirò meglio i rendimenti annualizzati e le diverse performance nel video.
 
4. LE PRESTAZIONI DEL PORTAFOGLIO 50-50 DIFENSIVO NELLE FASI DI RISK OFF
Nelle figure successive, esamineremo le prestazioni del portafoglio difensivo rispetto a quelle del portafoglio equilibrato nelle fasi di risk off (quando SPHB/SPLV è ribassista) nei seguenti periodi:
·        Settembre 2014 - Febbraio 2016
·        Maggio 2018 – Marzo 2020
·        Novembre 2021 – Giugno 2022

Portafoglio difensivo vs portafoglio equilibrato nel periodo settembre 2014-febbraio 2016

Portafoglio difensivo vs portafoglio equilibrato nel periodo settembre 2014-febbraio 2016

Rendimenti annualizzati

Portafoglio difensivo vs portafoglio equilibrato nel periodo maggio 2018-marzo 2020

Portafoglio difensivo vs portafoglio equilibrato nel periodo maggio 2018-marzo 2020

Rendimenti annualizzati

Portafoglio difensivo vs portafoglio equilibrato nel periodo novembre 2021-giugno 2022

Portafoglio difensivo vs portafoglio equilibrato nel periodo novembre 2021-giugno 2022

Rendimenti annualizzati


Nelle fasi di risk off, il portafoglio difensivo tenda a sovraperformare quello equilibrato. Se osserviamo i rendimenti annualizzati, c’è stato solo un anno (il 2019) in cui il portafoglio equilibrato ha registrato prestazioni migliori. Approfondirò meglio i rendimenti annualizzati e le diverse performance nel video.
 
5. CONSIDERAZIONI FINALI
Per concludere l’analisi, vorrei fare alcune considerazioni finali:
·        I due portafogli presentati sono poco diversificati e adatti solo a specifici contesti.
·        Il portafoglio ciclico, in particolare, presenta un livello di rischio significativamente più alto rispetto al portafoglio difensivo. L’unico asset che fornisce una certa protezione è l’IEF, che però rappresenta solo il 16,6% del peso totale del portafoglio.
·        Entrambi i portafogli potrebbero essere ottimizzati sostituendo alcuni ETF con altri.
Questa analisi è stata focalizzata sugli Stati Uniti. In futuro, potrei proporre un’analisi simile dedicata all’Europa, creando ad esempio dei portafogli 60-40 modificati. A presto e buon fine settimana a tutti.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.