Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

La decisione più difficile da prendere: continuare ad essere rialzisti?

Pubblicato 26.02.2024, 08:55
Aggiornato 02.09.2020, 08:05

Come spesso accede nella vita, anche sui mercati ci troviamo ad un bivio non semplice: Continuare a seguire la tendenza rialzista oppure fermarsi?

Un esempio su tutti è sicuramente Nvidia, mentre tutti aspettavano un forte ritracciamento, ha raggiunto i 2.000 miliardi di dollari di valore di mercato (in soli nove mesi, il rialzo più veloce tra le aziende USA e avvenuto in meno della metà del tempo rispetto a quanto impiegato da Apple (NASDAQ:AAPL) e Microsoft (NASDAQ:MSFT)), grazie alla sempre più forte domanda di chip che ha reso l'azienda pioniere dell'intelligenza artificiale generativa.

In questo senso, coloro che seguono la strada del "trend following" si trovano di fronte alla decisione difficile degli ultimi tempi, con un dubbio: la tendenza rialzista sta finendo?

Col senno di poi determinare la fine o meno di un trend risulta semplice, individuare il momento in cui una tendenza è stata invalidata e quindi avere un livello chiave di uscita. Ma in tempo reale, non è così facile. In effetti, converrete con me, è molto complicato. Se solo pensiamo e consideriamo i frequenti falsi breakout e falsi rialzi che si presentano.

Eppure in qualche modo sappiamo che il colpo di scena arriverà da un momento all'altro. E non perché non è divertente un mercato di massimi storici, sempre rialzista, ma ad un certo punto è proprio così che si comporta, inizia a scendere velocemente dopo aver intrapreso per "troppo" tempo la stessa direzione.

Abbiamo assistito ai nuovi massimi storici per il DAX, a quelli dell’S&P500, del Dow Jones Industrial e del Nasdaq. Ma è anche vero che ad ogni nuovo massimo degli indici, sempre meno azioni contribuiscono alla salita e di conseguenza potremmo iniziare ad intravedere un pò di colore rosso.

"Approfitta di uno sconto speciale su InvestingPro! Maggiori dettagli in fondo a questo articolo"

Il rapporto tra le azioni ad alto beta vs quelle a bassa volatilità, questa settimana, ha registrato i livelli più bassi da metà gennaio 2024. E rispetto all'indice USA, l'S&P 500, il rapporto ha creato una divergenza ribassista a favore dei titoli a bassa volatilità. Nello specifico, se guardiamo le precedenti divergenze, sono state spesso segnale ribassista sull'S&P 500.XLK vs SPY

Inoltre il settore tech rispetto all'S&P500 questa settimana è tornato sugli stessi livelli di dicembre 2023. Nello specifico, utilizzando l'indicatore RSI (Relative Strenght Index) a 21 periodi
possiamo notare, anche in questo caso, una divergenza ribassista. Infatti, l'indicatore ha toccato prima i livelli di ipercomprato per poi andare al ribasso (verso l'ipervenduto) mentre il rapporto ha continuato a tendere verso il settore tech, andando al rialzo. In passato, queste divergenze su time-frame settimanale hanno segnalato possibili ritracciamenti e quindi un'inversione non più a favore dei titoli tecnologici (indebolimento).

Il settore tecnologico rappresenta il 30% dell’S&P500 e il 50% del Nasdaq, e come ben sappiamo, oggi come in passato è stato trainante nei mercati rialzisti. Possibile volatilità e debolezza del settore si ripercuoterebbe sulle performance positive degli indici.


Infine utilizzando l'estensione di Fibonacci sull'S&P 500, per stimare non solo fino a che punto può spostarsi in avanti il trend, per individuare anche le possibili aree in cui potrebbe esserci un'inversione del prezzo si evidenzia il raggiungimento del livello 0,618% che potrebbe essere lo spartiacque tra continuazione del trend, se oltrepassato al rialzo, oppure ritracciamento nel caso in cui facesse da resistenza psicologica, dopo il forte rialzo degli ultimi mesi.

Inoltre, utilizzando ancora una volta l'RSI (Relative Strenght Index) a 21 periodi, su time frame settimanale, possiamo notare come livelli alti di ipercomprato in passato siano stati un campanello d'allarme e la fine di una tendenza rialzista. Attualmente abbiamo gli stessi livelli, potrebbero essere un segnale di potenziali cambiamenti nelle tendenze del mercato?

Alla prossima!

NON dimenticarti di Approfittare dello sconto su InvestingPro+ sul piano annuale (clicca QUI), e potrete scoprire quali azioni sono sottovalutate e quali sopravvalutate grazie a una serie di strumenti esclusivi: ProPicks, portafogli azionari gestiti dall'intelligenza artificiale e competenze umane. ProTips, informazioni e dati semplificati. Fair Value e Salute finanziaria, 2 indicatori che forniscono una visione immediata del potenziale e del rischio di ciascun titolo. Screener dei titoli e Dati finanziari storici su migliaia di titoli, e molti altri servizi!

NON è finita qui, ecco un sconto per InvestingPro sul piano annuale! clicca QUI

ISCRIVITI al mio Webinar >>> Le possibili applicazioni delle medie mobili e come sfruttarle

Guarda la registrazione del mio ultimo Webinar PRO+ : https://www.youtube.com/watch?v=f0ImoXdbir0

Per non perderti le mie analisi, ricevere gli aggiornamenti in tempo reale, clicca sul pulsante [SEGUI] del mio profilo!

"Quest'articolo è stato scritto a titolo esclusivamente informativo; non costituisce sollecitazione, offerta, consigli, consulenza o raccomandazione all'investimento in quanto tale non vuole incentivare in nessun modo l'acquisto di assets. Ricordo che qualsiasi tipo di asset, viene valutato da più punti di vista ed è altamente rischioso e pertanto, ogni decisione di investimento e il relativo rischio rimangono a carico dell'investitore".

Ultimi commenti

è un treno in corsa. e da un treno in corsa non scendi ... ma non sali nemmeno
il problema sono i bancari sono saliti molto quando si fermano sarà l'inizio dello storno probabilmente avverrà quando ci sarà l'inversione dei tassi
il mega storno è storicamente molto probabile, bravo sarà chi capirà quando
Probabilmente è l'ora dei titoli che sono rimasti indietro...
Tutti giusto in linea teorica , ma nella pratica il mondo attende Trump, il calo dell’inflazione, l’affaire ricostruzione Ucraina e tanto altro…..e scendere non piace a nessuno
continueremo a galleggiare in attesa
Grande dubbio!!
Momento di grande attesa.
se si considera che il rialzo è stato trainato da 6,7 large cap tecnologiche mentre tutto il resto è rimasto indietro, si dovrebbe essere rialzisti per tutto il resto che è rimasto indietro
Il 75% dei titoli è andato al rialzo, la spinta non è come prima
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.