Ultime Notizie
Investing Pro 0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Ricordate quest’anno con affetto, il 2022 potrebbe essere più duro

Da Investing.com (Charley Blaine/Investing.com)Mercati azionari30.12.2021 16:07
it.investing.com/analysis/mercati-2021-ricordate-questanno-con-affetto-il-2022-potrebbe-essere-piu-duro-200450341
Ricordate quest’anno con affetto, il 2022 potrebbe essere più duro
Da Investing.com (Charley Blaine/Investing.com)   |  30.12.2021 16:07
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Anche se mancano ancora altri due giorni di scambi alla sua fine, il 2021 è stato un anno buono per i titoli azionari. Davvero buono.

Il Dow Jones Industrial Average si è spinto a nuovi massimi di chiusura e su 52 settimane ieri e sembra destinato a concludere il 2021 in salita di quasi il 20%.

SPX Weekly TTM
SPX Weekly TTM

L’S&P 500 ha registrato nuovi record questa settimana e si prepara a segnare un ritorno del 28% sull’anno, la performance migliore dal 2019. L’indice dei titoli ad alta capitalizzazione sembra destinato a superare la performance dell’indice legato al settore tech NASDAQ Composite sull’anno, per la prima volta in cinque anni.

Tutto questo fa sorgere delle domande per Wall Street e gli investitori mentre ci si prepara al 2022:

  • Come reagiranno i mercati alla probabilità di tassi di interesse più alti e di più inflazione?
  • Come reagiranno consumatori ed economie di tutto il mondo all’incertezza delle nuove ondate di COVID-19?
  • Come gestiranno i mercati la probabilità di un aumento delle tensioni in Ucraina e Taiwan e di un contesto politico statunitense sempre più tossico?

Possiamo solo provare ad immaginare le risposte al momento, ma sappiamo cosa ha spinto su i mercati nel 2021. Fattori come:

  • La politica della Federal Reserve di tenere i tassi di interesse bassi mentre l’economia USA superava lo shock della pandemia di COVID-19.
  • La convinzione/speranza in primavera ed estate che il peggio del COVID fosse passato. Il risultato ha creato un allentamento delle restrizioni per il COVID, una ripresa del mercato del lavoro, robuste vendite al dettaglio ed un boom dell’edilizia abitativa.
  • Prezzi del petrolio e del gan naturale in salita che hanno convinto le società a ricominciare a trivellare. Il greggio ieri ha chiuso a 76,56 dollari, con un balzo di circa il 58% quest’anno. Gli analisti rialzisti credono che possa salire ancora nel 2022, superando i 100 dollari al barile. Il greggio non viene scambiato sopra i 100 dollari dal luglio 2014.

Ma l’ottimismo di investitori e trader si è ridotto a novembre ed inizio dicembre, con le pressioni inflazionarie diventate troppo forti perché la Fed potesse continuare ad ignorarle.

I prezzi della benzina sono saliti del 45% quest’anno dopo un balzo del 14% nel 2020. L’indice sui prezzi al consumo USA per il mese di novembre ha rivelato che il prezzo degli alimentari nel paese è aumentato del 6,4% nello scorso anno. I prezzi delle auto usate sono saliti del 31%. I costi dell’elettricità sono aumentati del 6,5% dall’anno prima.

Ringraziamo il cielo per il rally delle feste

La riduzione dell’ottimismo è cominciata dopo il report sull’occupazione non agricola di ottobre pubblicato il 5 novembre. I titoli azionari hanno raggiunto il picco l’8 novembre ed hanno cominciato a scendere il giorno dopo, scivolando fino al 21 dicembre, quando è esploso il classico rally del mercato di fine anno.

Ma si è trattato di un rally conservativo, con molti investitori che hanno puntato ai titoli mega-cap che hanno dimostrato di funzionare, come Apple (NASDAQ:AAPL), balzato del 7,1% tra il minimo del 20 dicembre e ieri.

AAPL Weekly TTM
AAPL Weekly TTM

Apple si è inoltre avvicinato a superare i 182,80 dollari ad azione, evento che secondo molti analisti darebbe alla società la prima market cap da 3 mila miliardi di dollari della storia. Ieri, in chiusura, la sua capitalizzazione era di 2,94 mila miliardi di dollari.

Il titolo è balzato del 35% sull’anno e dell’8,5% solo a dicembre.

Il ruolo del dollaro

Se non hanno puntato ai titoli ad alta capitalizzazione che sembrano dare sicurezza, gli investitori hanno comprato bond. Il rendimento dei Treasury decennali ha toccato l’1,546% ieri, in salita del 4,2% da martedì ma pressoché invariato rispetto ai livelli a cui si trovava prima dell’annuncio della Fed del 15 dicembre, quando la banca centrale ha reso noto che punta ad alzare i tassi di interesse l’anno prossimo, probabilmente due o tre volte.

Parte degli acquisti di bond potrebbero essere stati quelli degli investitori globali che cercavano sicurezza. Alcune economie, soprattutto la Turchia, sono in forte difficoltà.

Inoltre, i trader delle valute potrebbero voler possedere dollari ora, perché vedono un aumento dei tassi. Magari non ora, ma in un futuro non tanto lontano, secondo Matthew Weller.

Un segnale preoccupante durante lo stress dei mercati di novembre-dicembre è stato il precipitoso calo del rapporto dei nuovi massimi su 52 settimane rispetto ai nuovi minimi su 52 settimane. Il rapporto è passato da 822 di inizio marzo a -660 il 3 dicembre. Ci sono stati solo due giorni a dicembre in cui il rapporto è stato positivo.

Dominio dei titoli energetici

Mentre la Fed preparava la tavola, i titoli energetici sono stati di gran lunga la “portata principale” del 2021 come settore nell’S&P 500, con in testa Devon Energy (NYSE:DVN), Marathon Oil (NYSE:MRO), e Diamondback Energy (NASDAQ:FANG), schizzati rispettivamente del 180%, 148% e 125% sull’anno.

Gli altri settori principali sono stati:

  • Settore immobiliare ed edilizia abitativa, trainati da Extra Space Storage (NYSE:EXR), +95%, Simon Property Group (NYSE:SPG), +86%, e Mid-America Apartment Communities Inc (NYSE:MAA), +80%.
  • Tech, con in testa lo sviluppatore di cyber-sicurezza Fortinet (NASDAQ:FTNT), +147%.
  • Finanziari, con in prima linea SIVB Financial Group (NASDAQ:SIVB), +76%, Wells Fargo (NYSE:WFC), +61%, e Charles Schwab (NYSE:SCHW), +60%.

I primi cinque titoli Dow finora nel 2021 sono:

  • Home Depot (NYSE:HD), +55%
  • Microsoft (NASDAQ:MSFT), +54%
  • Goldman Sachs (NYSE:GS), +46%
  • UnitedHealth (NYSE:UNH), +44%
  • Cisco Systems (NASDAQ:CSCO), +43% (n.b. Cisco registra anche la migliore performance del Dow a dicembre, con +16%)

Tra i titoli NASDAQ 100, le performance migliori del 2021 sono state quelle di:

  • Fortinet (NASDAQ:FTNT), +147%
  • Moderna (NASDAQ:MRNA), +137%
  • NVIDIA (NASDAQ:NVDA), +130%
  • Applied Materials (NASDAQ:AMAT), +86%
  • Marvell (NASDAQ:MRVL), +86%

Nonostante i grandi successi, però, ci sono delle questioni da seguire.

Il problema delle IPO

Più di 1.000 società hanno debuttato in borsa nel 2021, ottenendo più di 300 miliardi di dollari.

Le società che hanno debuttato con IPO sono state al centro dell’attenzione quando i prezzi dei loro titoli sono schizzati, nel primo giorno di scambi. Ma c’è un rovescio della medaglia: due terzi di questi titoli ora sono scambiati al di sotto dei prezzi di offerta.

Il Renaissance IPO ETF (NYSE:IPO) è crollato dell’11% sull’anno.

Alcuni esempi:

Robinhood Markets (NASDAQ:HOOD), la cui piattaforma di trading consente agli investitori retail di operare senza commissioni, ha debuttato a 38 dollari il 29 luglio.

HOOD Weekly TTM
HOOD Weekly TTM

Il titolo ha raggiunto gli 85 dollari qualche giorno dopo ma è poi crollato a 17,11 dollari. Si tratta di un calo dell’80% dal picco post-IPO e del 55% dal prezzo IPO.

Il produttore svedese di latte d’avena Oatly (NASDAQ:OTLY), che conta tra i suoi investitori Oprah Winfrey, l’attrice Natalie Portman e l’ex amministratore delegato di Starbucks (NASDAQ:SBUX) Howard Schultz, ha raccolto 1,4 miliardi di dollari debuttando in borsa a 17 dollari a metà maggio. Il titolo è balzato a 29 dollari a giugno e ora si attesta a 7,88 dollari, giù del 54% dal prezzo IPO.

Rivian (NASDAQ:RIVN), il produttore di veicoli elettrici, ha debuttato a 78 dollari il 10 novembre. È salito del 27% complessivamente, ma è crollato del 17% a dicembre. Parte del problema di RIVN è che la società ha rinviato le consegne del pickup e di un SUV fino al 2023. E questo ha cancellato oltre il 3% dal prezzo del titolo solo ieri.

Successi della pandemia che alla fine hanno ceduto

Altre compagnie che inizialmente avevano tratto vantaggio dalla pandemia hanno registrato tonfi dei prezzi delle azioni.

Il produttore del vaccino contro il COVID Moderna, malgrado l’ottima performance tra i titoli NASDAQ 100, è crollato del 50% dal suo massimo di 52 settimane di agosto, soprattutto perché la Food and Drug Administration di recente ha autorizzato l’uso di pillole per il coronavirus prodotte da Pfizer (NYSE:PFE) e Merck (NYSE:MRK).

Il produttore di attrezzi ginnici Peloton (NASDAQ:PTON) ha avuto un enorme successo dopo lo scoppio iniziale del COVID, con il titolo balzato del 434% nel 2020. Tuttavia, è crollato del 76,8% quest’anno.

E non dimentichiamo l’operatore di cinema AMC Entertainment Holdings (NYSE:AMC), il cui titolo ha visto un’impennata di oltre il 3.300% tra la fine del 2020 ed il 2 giugno. Da allora, segna un tonfo di circa il 62%.

Persino il Bitcoin è vulnerabile. La criptovaluta più famosa, che si comporta più come un asset speculativo che come una valuta, è rimbalzato del 63% sull’anno, ma allo stesso tempo è sceso di quasi il 32% dal suo picco del 10 novembre.

5 cose che ci piace credere possano succedere il prossimo anno

Infine, azzarderemo cinque previsioni per il 2022.

  • Innanzitutto, la variante Omicron del COVID non si dimostrerà tanto letale quanto la Delta e, lentamente ma sicuramente, sempre più persone si vaccineranno ed impareranno a vivere indossando la mascherina e sottoponendosi alle dosi di richiamo.
  • Poi, alcune pressioni inflazionarie, in particolare quelle dei prezzi energetici, si allenteranno.
  • In terzo luogo, l’economia statunitense riporterà la gente al lavoro con stipendi più alti e, si spera, benefit decenti.
  • Le tensioni globali (in Ucraina, Taiwan ed Iran) si ridurranno.
  • Le elezioni di metà mandato saranno civili.

Se si dovessero verificare queste condizioni, l’economia statunitense potrebbe continuare a crescere in modo ragionevolmente forte il prossimo anno. Gli aumenti dei tassi di interesse della Fed probabilmente saranno moderati. Al momento, nessuno ha il coraggio di annientare l’inflazione come aveva fatto l’allora Presidente della Fed Paul Volcker all’inizio degli anni Ottanta.

Ricordate quest’anno con affetto, il 2022 potrebbe essere più duro
 

Articoli Correlati

Ricordate quest’anno con affetto, il 2022 potrebbe essere più duro

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (40)
Carlo Gai
Carlo Gai 03.01.2022 11:58
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Concordo, ma la finanza è cambiata.
Umberto Berardo
Umbtp 02.01.2022 14:48
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Il bitcoin vulnerabile? Pensavo fosse più sicuro dei Btp!
Abdu Ullah
Abdu Ullah 02.01.2022 14:48
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Btc verso 40k
Do Ver
Do Ver 02.01.2022 11:31
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
La domanda giusta è: l’analisi di Charley evidenzia, con il giusto peso, ciò che farà muovere i mercati e le azioni dei relativi settori analizzati?I temi sono giusti. Vedremo che priorità daranno i mercati… ma cosa di importante ancora manca? [%^£>hdsjcsjb//&?&!@“‘bgs/-&85?&9
Riccardo Breschi
Riccardo Breschi 02.01.2022 11:31
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Francesco Tafuri
Francesco Tafuri 01.01.2022 13:13
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
che tira piedi...
Roberto De Putti
Roberto De Putti 01.01.2022 11:17
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
memento mori
Gino Del Tacco
Gino Del Tacco 01.01.2022 8:21
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Le previsioni con i SE I MA li faceva mia NONNA poi mi diceva lo sai cosa dicono a TORINO, DICONO SE AVEVO LE RUOTE ERO UNA BELLA CARIOLA, SE o MA= FANTASIA
Alessandro Fasolo
Alessandro Fasolo 31.12.2021 23:02
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Silvio al Quirinale e torniamo al 2008/09 yeeeee
Umberto Berardo
Umbtp 31.12.2021 23:02
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Dopo le olgettine le quirine !
Charlie O Brian
Charlie O Brian 31.12.2021 18:42
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
“Occhio eh… occhioooooh!!1!1”… La nonna al nipotino ogni volta che va in bicicletta. Prima o poi cade, quindi prima o poi ci azzecca. 🤣
alessandro gagliardi
alessandro gagliardi 31.12.2021 18:06
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
si anche io spero di averlo piu duro nel 2022 🍌
Charlie O Brian
Charlie O Brian 31.12.2021 18:06
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Hahahahahah
Charlie O Brian
Charlie O Brian 31.12.2021 14:44
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Direttamente dal Monte Olimpo… 🤣
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email