Ultime Notizie
Investing Pro 0
🚨 Il nostro dato Pro rivela il vero vincitore della stagione degli utili Accedi ai dati

Previsioni DAX e S&P500- Segnali 3 ottobre 2022

it.investing.com/analysis/previsioni-dax-e-sp500-segnali-3-ottobre-2022-200457231
Previsioni DAX e S&P500- Segnali 3 ottobre 2022
Da Massimo Max Vantaggio   |  03.10.2022 21:43
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
 
USD/JPY
+1,97%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
US500
-1,04%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
DE40
-0,21%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
BARC
+0,13%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
DBKGn
+0,65%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
CAGR
+0,64%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 

Il mercato obbligazionario si è rotto


Venerdì scorso, mentre l'azionario crollava, con Nasdaq e S&P500 che hanno aggiornato i minimi annuali, l'obbligazionario ha tentato un rimbalzo, con il rendimento del decennale USA che è sceso fino al 3,68%, salvo poi invertire la rotta verso il finale di seduta, coi rendimenti che tornavano sul 3,82% e avrebbero continuato a salire ancora se non fosse intervenuto il suono della campanella.
Motivo? Lo stesso che affligge l'equity, ovvero la mancanza di liquidità, favorita ulteriormente dalla rottura del mercato dei gilt britannici che ha costretto la BoE a riaprire un nuovo QE, in fretta e furia, seppur temporaneo e dedicato all'acquisto di gilt sul mercato secondario, erroneamente chiamato dagli esperti “monetizzazione del debito”, in realtà questo sarebbe se la banca centrale comprasse direttamente dal Tesoro.


Nei fatti, il debito del Regno Unito è stato trattato dagli investitori come quello di un qualsiasi Paese emergente, col rendimento del trentennale arrivato al 5%, mentre il governo giapponese metteva mano sul mercato Forex, sostenendo lo yen con la modica spesa di 2,8 trilioni di yen, operazione che ha spedito il cambio USD/JPY da 145,90 fin quasi a 140, ma l'effetto è durato neanche lo spazio di due sedute. Effettivamente io ero stato molto ottimista prevedendo che sarebbe durato almeno due settimane.
In effetti, queste sono state le situazioni più in vista, ma il grande malato sullo sfondo è chiaramente il mercato obbligazionario. Il quale sta vomitando tutte le problematiche di un decennio di manipolazioni da parte delle banche centrali, attraverso QE senza fine, che sarebbe l'opzione nucleare ed invece è stato usato come strumento ordinario di politica monetaria, distorcendo il mercato che prima o poi doveva presentare il conto.


Il rischio più grosso è che i Paesi periferici che hanno emesso debito in dollari possano rimanere a corto di valuta per i rimborsi e quindi è necessario monitorare da vicino le mosse della Fed che potrebbe a breve avviare delle linee di swap dedicate a quei Paesi-amici dai quali importa forniture, mentre all'interno potrebbe intervenire sul mercato Repo che sta boccheggiando.


Siamo davanti ad una nuova Bear Stern?


Stamattina all'apertura dell'ottava, con i volumi già sottili per le festività in Australia e Germania, una nuova preoccupazione ha colpito i mercati, ovvero la tenuta di Credit Suisse, che già viene definita dagli operatori la nuova Bear Stern, con la mente che ritorna ai giorni degli impiegati di Lehman Brothers che lasciavano gli uffici con gli scatoloni di effetti personali in mano. Non ha sortito nessuna rassicurazione la lettera del nuovo CEO Ulrich Koerner sulla solidità garantita della banca, le azioni sono state scaricate senza appello, col titolo che è sceso del 5% nelle pre-contrattazioni toccando un nuovo minimo storico, mentre i CDS schizzavano verso l'alto, toccando, ad un certo punto i 280bp, più alto del rischio di credito che toccò Lehman, paralizzando di fatto qualsiasi attività di investment banking.


La banca elvetica non si è mai del tutto ripresa dagli scandali Archegos e Greensill ed ora i CDS valutano al 23% la possibilità che vada in default sulle sue obbligazioni nel termine di 5 anni. Intendiamoci, Credit Suisse è solo il capro espiatorio del momento. Perchè altre big non sono messe affatto meglio, ad esempio, citando le peggiori troviamo: Deutsche Bank (ETR:DBKGn), Credit Agricole (EPA:CAGR), Unicredit (BIT:CRDI), Barclays (LON:BARC), Bank of China. Il default di una di esse potrebbe generare un effetto domino che metterebbe in seria difficoltà la sopravvivenza delle altre.


Appuntamenti della settimana


Questa sarà l'ottava dei dati occupazionali negli USA, tenuti sotto stretto controllo dalla Fed per decidere la sua policy, ovviamente il dato principale è quello delle buste paga di venerdì che potrebbe riservare una grande delusione dopo che, oggi, l'indice ISM occupazionale è inaspettatamente crollato, mettendo a segno il secondo maggior calo del decennio.


Otterremo anche la lettura dell'ISM Stati Uniti e vari PMI, mentre domani saranno rilasciati i dati JOLTS, che però, ricordiamo, sono in ritardo di un mese e mercoledì l'ADP. I PMI manifatturieri europei usciti questa mattina hanno fornito un quadro in chiaroscuro, mentre gli economisti di Deutsche Bank hanno alzato la previsione base del tasso terminale della BCE di ben 50bp, portandolo al 3%, dopo il mega pacchetto fiscale approvato dal governo tedesco.


Analisi macro - ciclica: dove andranno i prezzi?


Dopo quanto avvenuto nella seduta di venerdì, quando tutto ormai sembrava perduto, da stamattina i prezzi degli indici hanno iniziato un nuovo rimbalzo, ma questa volta non si tratta del classico short squeeze, in quanto i titoli più shortati dal mercato, non stanno riprendendo slancio. E' più probabile che ci troviamo davanti a delle ricoperture dopo la formazione dei nuovi minimi annuali unito al rinnovato sentiment per il Fed pivot, che ad un certo punto arriverà, ma secondo me non è questo il momento. Finché il mercato del lavoro regge, i multipli azionari non tornano in un'area accettabile e l'inflazione inizierà a scendere la Fed continuerà a testa bassa con i rialzi dei tassi.


A livello di azione dei prezzi tutto si è delineato come da nostra ultima analisi con i prezzi di S&P500 mini che hanno fatto pivot sul supporto volumetrico di area 3534 e quelli di DAX su 11910 con un'incursione verso 11800.


A livello ciclico, sul minimo del 29 settembre si è chiuso il ciclo settimanale seguito dalla volatilità di venerdì 30 col caos della scadenza delle opzioni. Come dicevamo prima, l'ottava si è aperta con il rimbalzo di gamba 1 del nuovo ciclo weekly con S&P500 mini che guadagna quasi il 3% e DAX intorno al 2,5%. Lo slancio ha spazio, prima di incontrare vere resistenze volumetriche, rispettivamente fino in area 3832 e 12500.


Confermiamo il trend primario ribassista, mentre quello di breve diventa lateral-ribassista, ma attenzione perchè, ribadiamo, ci aspettiamo un crollo profondo entro il 20 ottobre. Quindi le posizione long rimangono sconsigliate.


Di seguito i livelli volumetrici:


S&P500 mini


3832


3721


3601


3534


3410




DAX


12506


12418/12374


12320


12205


12098


11958


11910


11680


11485


11215


11030


10605


Il ciclo weekly andrà in chiusura intorno alla seduta del 13 ottobre 2022.




DAX Future - Analisi ciclica
DAX Future - Analisi ciclica

Previsioni DAX e S&P500- Segnali 3 ottobre 2022
 

Articoli Correlati

Gabriel Debach
Big Tech assenti all’appello Da Gabriel Debach - 03.02.2023 1

Se il buongiorno si vede dal mattino la giornata odierna non è certamente delle migliori. Con una seduta di giovedì sulla scia dell’euforia dei mercati, nonostante le incertezze...

Previsioni DAX e S&P500- Segnali 3 ottobre 2022

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email