📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Quanto sarà profondo l’attuale calo del mercato azionario?

Pubblicato 20.10.2023, 16:20
US500
-

Sebbene le azioni americane continuino a mantenere un forte rally dal minimo dell’anno scorso, il recupero del precedente picco di mercato non è all’orizzonte a breve termine.

L’aumento del rischio geopolitico, l’incertezza sull’inflazione e sui tassi d’interesse e le continue disfunzioni politiche a Washington sono motivi validi per gli investitori per adottare una posizione di attesa.

Il rimbalzo dai minimi dell’anno scorso ha incontrato un muro in estate e da allora il mercato è andato alla deriva. Si tratta di una lenta discesa, che lascia spazio a tori e orsi per esaltare le rispettive opinioni.

SPX-Weekly Chart

Nonostante il precedente rally, le azioni rimangono in forte ribasso rispetto al picco del gennaio 2022. L’attuale calo da picco a picco per l’indice S&P 500 è pari a -10%.

Si tratta di un notevole miglioramento rispetto al minimo dello scorso anno, che a un certo punto ha toccato il -25%.

L’attuale calo è il nono più lungo registrato dal 1950. A questo punto della storia, molti dei drawdown più ripidi erano sul punto di riguadagnare i picchi precedenti.

Ma ci sono anche precedenti di periodi di drawdown molto più lunghi. I tre più lunghi vanno da 1.376 giorni di trading (2007-2009) a quasi 1.900 (1973-1974).

Questo ci ricorda che gli attuali 451 giorni di drawdown potrebbero essere l’apertura di una lunga serie di scambi al di sotto del picco precedente.

È incoraggiante riconoscere che dopo i drawdown più ripidi, i recuperi sono persistenti, anche se vulnerabili a battute d’arresto temporanee. Per avere un’idea di quanto possa essere grave il drawdown del 1973-1974 è un esempio.

Durato 1.898 giorni di trading, è il più lungo dal 1950.

A metà del 1975, quando il mercato sembrava essere sulla buona strada per riprendersi, il drawdown di circa -20% è andato nuovamente in picchiata, scendendo a più di -30% prima di riprendere quota.

A partire dal 1976 si è verificata una successiva battuta d’arresto che ha segnato l’inizio di una ritirata di quasi due anni: un pesante drawdown nel drawdown.

La buona notizia è che, nonostante le battute d’arresto, la tendenza generale successiva al punto di massimo ribasso è di recupero, anche se a fasi alterne. Ciò suggerisce che l’attuale ribasso seguirà lo schema storico e che la riparazione e la ripresa dureranno. Il mistero è la tempistica.

Secondo le mie stime, il mercato sarà soggetto a flussi e riflussi nel prossimo futuro, a seconda dei titoli del giorno.

A un certo punto, quando il ciclo delle notizie sarà un po’ più gentile e delicato, il mercato farà un chiaro sforzo per riguadagnare il picco precedente. Ma per il momento, viste le notizie del giorno e le storie di ripresa, non tratterrò il fiato.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.