Ricevi uno sconto del 40%
🚨 Mercati volatili? Trovare le gemme nascoste per ottenere una seria sovraperformanceTrova subito azioni

Resta sempre alta la cautela sui mercati

Pubblicato 24.05.2022, 10:12
Aggiornato 12.03.2024, 12:10

Seduta di rimbalzo quella di ieri sui mercati azionari, con la propensione al rischio ritornata nuovamente protagonista tra gli investitori. Presto per confermare un cambio di rotta, ma sicuramente un’importante boccata d’ossigeno pensando che solamente venerdì avevamo rischiato di vedere lo S&P 500 chiudere in territorio di recessione.

Decisi acquisti in Europa, con tutte le principali piazze finanziarie in territorio positivo e superiori al punto percentuale di rendimento. Milano chiude con un illusorio 0,17%, “penalizzata” dagli stacchi di dividendo. Ben 19 titoli del FTSE MIB hanno infatti ieri staccato dividendi con Generali (BIT:GASI) Assicurazioni che vanta l'assegno più generoso di questo round, pari a circa 1,7 miliardi di euro. Gli altri titoli sono: A2a, Amplifon (BIT:AMPF), Atlantia (BIT:ATL), Azimut (BIT:AZMT), Banca, Bper (BIT:EMII), Diasorin (BIT:DIAS), Eni (BIT:ENI), Finecobank (BIT:FBK), Generali, Interpump (BIT:ITPG), Intesa Sanpaolo (BIT:ISP), Inwit (BIT:INWT), Italgas (BIT:IG), Moncler (BIT:MONC), Pirelli (BIT:PIRC), Recordati (BIT:RECI) Tenaris (BIT:TENR) e Unipol (BIT:UNPI).

Seduta di rialzo anche per Wall Street con lo S&P500 che ha chiuso in rialzo dell'1,86%, con guadagni in ogni settore. Il Nasdaq 100, ad alto contenuto tecnologico, ha aggiunto l'1,68% mentre il Dow Jones un deciso 1,98%. Brilla il settore bancario, in rialzo di oltre i 3 punti percentuali, grazie all’aumento delle aspettative sui margini di interesse da parte di JPMorgan. Dopo essere quindi sceso oltre il 20% il titolo bancario riesce a far venir meno i timori ciclici del settore enfatizzando i vantaggi dei rialzi dei tassi d’interesse. Notizia che evidenzia quanto piccole notizie possono muovere il sentiment dei mercati, in un periodo caratterizzato da eccessivi sbalzi di umore. Oggi a conferma di tale affermazione osserviamo il calo del tecnologico dopo il warning di Snap (NYSE:SNAP).

E pensare che nella seduta di ieri non abbiamo assistito solamente a buone notizie. Ad iniziare dalle notizie cinesi, con i casi di Covid che hanno fatto registrare un nuovo incremento, facendo così ritardare le speranze di un rapido ritorno alla normalità e quindi di un deciso allentamento alle pressioni sulle catene di produzione e distribuzione globali. Preoccupazioni che sono state successivamente sollecitate con i vari commenti americani a supporto di Taiwan e degli accordi Indo-Pacifico, visti principalmente in contrapposizione al blocco di Pechino. Le parole del presidente del FMI Kristalina Georgieva hanno successivamente messo in guardia i mercati per un’eventuale revisione al ribasso sulle stime del Pil Mondiale, mentre la BCE ha confermato l’addio al periodo di tassi a zero entro fine settembre. Se a questo aggiungiamo le pubblicazioni delle trimestrali, avvenute durante la seduta, dei titoli cinesi Xpeng (NYSE:XPEV) e Niu Technologies non ottimali, la chiusura in positivo risulta essere un importante traguardo.

Giornata odierna che metterà alla prova la tenuta stessa del rimbalzo, grazie alla lettura dei PMI flash dell'area dell'euro e degli Stati Uniti. Con le interruzioni delle forniture e dell’aumento dei prezzi sarà interessante osservare l’evoluzione del settore manifatturiero.

Intanto i mercati aprono in calo sia in Europa che sui futures statunitensi, dopo la discesa dei mercati asiatici a seguito delle revisioni al ribasso sulle stime di crescita cinese da parte di UBS e JPMorgan. Tecnologico che, se da una parte beneficia delle trimestrali di Zoom, in rialzo grazie alle revisioni positive per l’anno fiscale in corso a seguito della tendenza del lavoro ibrido, dall’altra registra forti pressioni dopo che Snap (-30 in pre market) ha presentato un sostanziale downgrade delle sue aspettative.

Pre Market Snap



Forti movimenti sono stati registrati sull’euro, con la coppia EurUsd in prossimità dei 1.07. Le parole della Lagarde e Villeroy hanno portato acquisti sulla moneta unica, evidenziando un consenso all’interno della Bce e soprattutto la presenza di una roadmap. Sembra quindi finito il periodo di incertezza e data dipendente della Bce. 

EurUSD



ESG: dopo l’esclusione di Tesla (NASDAQ:TSLA) dal paniere ESG dello S&P 500 il comparto ritorna nuovamente all’attenzione, in attesa della votazione di domani su una bozza di nuove regole. Si fa sempre maggiore il tema del greenwashing e la Sec ha l’obbligo di affrontarlo, tenendo in considerazione come, stando ai dati Morningstar, il patrimonio globale dei fondi sostenibili ammontava a 2,77 trilioni di dollari alla fine del primo trimestre del 2022, in aumento rispetto a 1 trilione di dollari nel 2019.  Intanto scatta la prima multa ESG, a pagarla BNY Mellon, la quale ha accordato un versamento di 1,5 milioni di dollari per errori e omissioni di informazioni su criteri ESG nei suoi fondi di investimento.

Giornata che vedrà le pubblicazioni negli Stati Uniti in particolare per Intuit, NetEase, Agilent, AutoZone, Best Buy, Trip.com. Ralph Lauren, Nordstrom, Autohome, Toll Brothers, Canadian Solar e Abercrombie & Fitch Company. In Europa in particolare CTS Eventim, Electrocomponents, HomeServe, Big Yellow e MFT (ex Mediaset (BIT:MFEB))

Criptovalute: Seduta di correzione quella di ieri sul mondo delle criptovalute, nonostante il rialzo del mercato azionario. La capitalizzazione complessiva ha visto bruciare circa 43 mld di dollari in 24 ore, passando dai circa $1.303 miliardi a circa $1.260 mld, dati coinmarketcap.
Dopo Gucci anche Balenciaga ha riportato l’accettazione di pagamenti in Bitcoin ed Ethereum, un deciso segnale del supporto del mondo fashion all’intero settore, dal metaverso, agli NFT fino a bitcoin.

Intanto perfino gli organizzatori del World Economic Forum di Davos si aggiornano ai nuovi tempi riportando come sono a lavoro per rendere il forum disponibile anche sul metaverso. Accenture e Microsoft (NASDAQ:MSFT) sarebbero state contattate per la costruzione del nuovo mondo virtuale. Un deciso segnale di come le nuove aziende guardino sempre con maggior interesse ad un mercato in continua espansione.
 
Gabriel Debach
eToro Italian Market Analyst
 
Disclaimer:
 
Il contenuto di questa newsletter è di natura informativa ed educativa e non può essere considerata come attività di consulenza finanziaria né come raccomandazione all’investimento.
Performance passate non sono indicative di performance future. Il trading è rischioso e si raccomanda di rischiare solo il capitale che si è disposti a perdere.  Il prezzo delle criptovalute può variare significativamente e non sono adeguate per tutti gli investitori. Il trading sulle criptovalute non è supervisionato da alcun quadro regolatorio dell’Unione Europea

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.