Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Settimana intensa per il forex: ecco cosa bisogna seguire

Pubblicato 26.10.2021, 10:12
EUR/USD
-
GBP/USD
-
USD/JPY
-
USD/CHF
-
USD/CAD
-
US500
-
GOOGL
-
AAPL
-
AMZN
-
CL
-
META
-
GOOG
-
DXY
-

Rassegna giornaliera sul mercato forex, 25 ottobre 2021

Analisi realizzata alla chiusura del mercato statunitense a cura di Kathy Lien, Direttrice di FX Strategy per BK Asset Management.

I dati su inflazione e PIL da USA e zona euro più gli annunci di politica economica da parte della banche centrali renderanno questa settimana piuttosto intensa. Inoltre, sono attesi gli utili dei big del settore tech come Amazon (NASDAQ:AMZN), Apple (NASDAQ:AAPL), Facebook (NASDAQ:FB) e Google (NASDAQ:GOOGL) ed i nuovi massimi dell’S&P 500 ci dicono che gli investitori si aspettano buoni risultati.

Per quanto riguarda il dollaro USA, il deflatore PCE di venerdì dovrebbe essere più importante rispetto al PIL del 3° trimestre. Il deflatore PCE core, il dato preferito dalla Federal Reserve in materia di inflazione, toccherà nuovi massimi. Dunque, anche se la crescita del PIL dovesse rallentare come si aspettano molti economisti per via dei dati sulle vendite al dettaglio più deboli nel terzo trimestre, le aspettative sul tapering resteranno intatte se l’inflazione resterà elevata. Infatti, il PCE core potrebbe far salire le aspettative di un aumento dei tassi da parte della Fed e far salire il dollaro. Il biglietto verde ha iniziato questa settimana intensa con un andamento misto, più forte contro euro, yen, franco svizzero e dollaro canadese, e più debole contro sterlina, dollaro australiano e neozelandese.

Massimi e minimi più alti indicano un possibile bottom nel cambio USD/CAD, ma un vero bottom si baserà sull’annuncio di politica monetaria della BoC di questo mercoledì. Tra i prezzi del petrolio alle stelle e dati forti, la BoC ha tutte le ragioni per essere ottimista. Ci si aspetta che riduca nuovamente gli acquisti, mentre è in dubbio solo la tempistica dell’aumento dei tassi. Durante l’ultimo vertice, la banca centrale ha dichiarato che i tassi potrebbero salire nella seconda metà del 2022, ma i future dei tassi prevedono una probabilità dell’80% di un aumento dei tassi a marzo. Con i dati positivi su mercato del lavoro, inflazione, spesa e dati manifatturieri, la BoC ha tutte le ragioni per rimandare le previsioni o attendere fino a dicembre, quando dovrebbe concludersi il programma di quantitative easing. Sebbene sia chiaro che la banca centrale si stia muovendo verso la normalizzazione, il fatto che il cambio USD/CAD sia schizzato il giorno in cui i prezzi del petrolio hanno toccato il massimo di sette anni e l’azionario continui a salire sono dei segnali che ci dicono che gli investitori non saranno sorpresi dal tapering e dall’intervento della BoC.

L’euro è stato la valuta peggiore della giornata, per via dei dati deboli. L’indice IFO sulla fiducia delle imprese tedesche è sceso per il quarto mese consecutivo, toccando 97,7. Le componenti relative alle condizioni attuali e alle aspettative sono scese in quanto la ripresa è minacciata dalle difficoltà di approvvigionamento. Questo peggioramento va di pari passo con la debolezza dei dati PMI, sulla produzione industriale e sullo ZEW. Nel corso della settimana verranno rilasciati i dati sul inflazione e PIL del 3° trimestre in Germania e zona euro. L’inflazione dovrebbe essere forte, ma la crescita potrebbe essere debole. A differenza del vertice della BoC, il vertice della BCE di questa settimana non dovrebbe essere particolarmente decisivo. Non sono previste variazioni alla politica, né alle previsioni, ma la conferenza stampa della Presidente Christine Lagarde sarà comunque molto attesa. Inizierà proprio quando verranno rilasciati i dati sul PIL USA del 3° trimestre, dunque, giovedì sarà una giornata particolarmente intensa.

Questa settimana si terrà anche il vertice della Bank of Japan, durante il quale non ci si attendono grandi sorprese né forti influenze sui mercati.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.