📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Guerra dei dazi: i settori più a rischio

Pubblicato 14.05.2019, 11:12
© Reuters.  Guerra dei dazi: i settori più a rischio
EUR/JPY
-
BASFN
-
NOKIA
-
PRTP
-
ITRK
-
HG
-
FSTAc1
-

Investing.com - Il lunedì nero della guerra dei dazi ha generato nuove incertezze economiche, sia a livello mondiale che europeo, con la Cina che ha risposto a Trump imponendo nuove imposte sulle importazioni.

Ad aprile il Fondo Monetario Internazionale ha abbassato la stima sulla crescita dell’economia globale al 3,3 per cento, che sarebbe la più bassa nell’ultimo decennio: tra le ragioni, ha citato le tensioni tra Cina e Stati Uniti, aggiungendo che ci si aspetta che il 70 per cento dell’economia globale rallenti nel 2019.

Se i nuovi dazi entreranno in vigore, dicono gli analisti, questo rallentamento sarà ancora più rilevante. L’incertezza della borsa si è riflettuta lunedì anche su mercati finanziari diversi ma sensibili all’andamento dell’economia globale e degli scambi commerciali, come il rame e la soia.

Tra i settori più colpiti nel vecchio continente ci sono quello manifatturiero e i minerari, a cui si aggiungono le case automobilistiche, con l’indice EURO STOXX 600 Auto. &Parts che è crollato del 12% dal picco di aprile.

Le esportazioni hanno subìto un colpo dal rally dell’euro nei confronti dello yuan, riducendo l’attrattiva delle merci prodotte dalle aziende europee per gli importatori cinesi.

Minatori e produttori di acciaio

La Cina rappresenta il mercato più importante per la domanda di metalli a livello globale, rendendo i minatori molto sensibili alle tensioni commerciali con il paese. Ad esempio, Kaz Minerals Plc ottiene il 66% delle vendite dalla nazione asiatica. I nervosismi in Cina, inoltre, possono avere un impatto significativo sui prezzi del rame, del minerale di ferro e dell'acciaio.

Beni di lusso

I consumatori cinesi ricchi sono un mercato finale chiave per aziende di lusso come Kering (PA:PRTP) SA, LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton SE e Cie Financiere Richemont SA. Quest'ultima ottiene circa un quarto dei suoi ricavi dalla Cina.

Gli ultimi aggiornamenti commerciali del settore hanno indicato che la domanda per le loro costose borse e orologi ha finora retto nel paese, sfidando le preoccupazioni che gli acquirenti cinesi stavano iniziando a contenere la spesa.

Auto

La domanda di veicoli in Cina è in calo, colpita non solo dalle tensioni commerciali con gli Stati Uniti, ma anche da un rallentamento dell'economia nazionale. I potenziali acquirenti di auto nel paese sono anche in attesa di possibili incentivi governativi per rilanciare il mercato.

Le case automobilistiche europee e statunitensi sono diventate sempre più dipendenti dal mercato cinese con la diminuzione della domanda in Europa e Nord America.

Semiconduttori

La Cina è una parte essenziale della catena di approvvigionamento per le aziende che producono i chip che vanno in smartphone e auto, tra gli altri prodotti. Anche i produttori di semiconduttori traggono gran parte delle loro entrate dal mercato cinese, per cui spesso sono molto sensibili all'angoscia commerciale. Infineon Technologies AG, il più grande produttore di chip in Europa, realizza il 40% del proprio fatturato nel paese.

Prodotti chimici

Le aziende chimiche vendono anche una grande quantità di prodotti a clienti cinesi. Il capo di BASF SE (DE:BASFN) ha previsto che la Cina rappresenterà la metà di tutte le vendite dell'industria chimica entro il 2030.

Queste aziende forniscono prodotti anche ad altri settori ciclici come i costruttori di automobili, per cui qualsiasi impatto su questi settori può colpire l'industria. Lo stesso discorso vale per i fornitori di attrezzature industriali e, più in generale, per i nomi industriali europei.

Prodotti farmaceutici

Aziende come AstraZeneca Plc, produttore di farmaci del Regno Unito, e Novo Nordisk A/S, produttore danese di insulina, guardano sempre più spesso al mercato cinese. Le loro ambizioni, tuttavia, hanno dovuto affrontare una battuta d'arresto rispetto ad un piano locale per iniziare ad acquistare farmaci sfusi.

La Cina rimane comunque un mercato chiave per la crescita dell'industria farmaceutica. straZeneca ottiene già il 18% del suo fatturato, mentre Novo Nordisk ottiene circa il 10%.

I test

Le società di collaudo e ispezione come Intertek Group (LON:LON:ITRK) Plc lavorano per garantire che le merci che entrano nel mercato globale siano sicure e conformi alle normative.

Il broker Jefferies ha stimato nel corso del mese di febbraio che il 5% delle entrate di Intertek provenga da prodotti importati negli Stati Uniti dalla Cina, direttamente coinvolti nei dazi.

Altre aziende coinvolte

(e la percentuale di entrate provenienti dal mercato cinese)

Pentole: SEB SA (25%)

Società svizzera di logistica: DKSH Holding AG (24%)

Fornitore di attrezzature per centrali idroelettriche: Andritz AG (18%)

Distributore di antibiotici: Abcam (17%)

Koninklijke Philips NV (13%) e la concorrente tedesca Siemens Healthineers AG (12%)

Nokia Oyj (HE:NOKIA) (8,6%) e la concorrente svedese Telefonaktiebolaget LM Ericsson (8,6%)

Rivenditore di abbigliamento svedese Hennes & Mauritz AB (8,5%)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.