Borse europee in calo; Deutsche Bank e UBS trascinano giù il settore bancario

Pubblicato 24.03.2023, 10:20
© Reuters.
EUR/USD
-
UK100
-
XAU/USD
-
FCHI
-
DE40
-
CSGN
-
DBKGn
-
TUI1n
-
JDW
-
GC
-
LCO
-
CL
-
STOXX
-
UBSG
-

Di Peter Nurse

Investing.com - I mercati azionari europei si indeboliscono questo venerdì, tra le preoccupazioni di un rallentamento della crescita economica a causa dell’avanzare della crisi bancaria.

Al momento della scrittura, l’indice DAX in Germania segna -1,3%, l’indice CAC 40 in Francia scende dell’1,3% e l’indice FTSE 100 nel Regno Unito è in calo dell’1,4%.

I dati economici pubblicati questo venerdì hanno confermato che gli importanti settori manifatturieri di Germania e Francia sono rimasti saldamente in territorio di contrazione a marzo, anche se i servizi ha mostrato segni di miglioramento.

Nel Regno Unito le vendite al dettaglio hanno inaspettatamente registrato un rimbalzo dell’1,2% a febbraio rispetto al mese precedente, riportando i volumi di vendita al livello pre-pandemico.

Tuttavia, è difficile che questo miglioramento continui, dato che l’Europa sta sopportando le conseguenze dell’unione forzata tra UBS e Credit Suisse, e la crisi bancaria fa temere un rallentamento dei prestiti, che pesa sull’attività economica.

Anche il settore bancario statunitense è in difficoltà: mercoledì i prestiti presso lo sportello di sconto della Federal Reserve ammontavano a 110,2 miliardi di dollari.

Inoltre, i prestiti del nuovo Bank Term Funding Program della Fed sono saliti a 53,7 miliardi di dollari, mentre i prestiti alle banche centrali estere sono schizzati a 60 miliardi di dollari.

Intanto, le banche centrali continuano a cercare di domare l’inflazione: Federal Reserve, Banca d’Inghilterra e Banca Nazionale Svizzera hanno alzato i tassi questa settimana, dopo l’aumento della Banca Centrale Europea della scorsa settimana.

Citigroup ha tagliato il suo obiettivo per l’indice Stoxx 600, prevedendo che chiuda l’anno a 445 punti (intorno al livello attuale), in calo rispetto alla previsione di 475 punti formulata solo il mese scorso.

Tra le notizie sulle compagnie, il titolo Deutsche Bank (ETR:DBKGn) è crollato di oltre l’8% in seguito a un forte aumento del costo delle assicurazioni contro il rischio di insolvenza, mentre il titolo UBS (SIX:UBSG) è sceso di oltre il 6% in scia all’acquisizione del rivale in difficoltà Credit Suisse.

Tui (ETR:TUI1n) registra -6%: l’operatore turistico tedesco ha lanciato un’emissione di diritti a forte sconto per riuscire a rimborsare gli aiuti governativi dell’era della pandemia.

Le azioni di J D Wetherspoon (LON:JDW) rimbalzano di oltre il 7% dopo che il gruppo britannico di pub ha conseguito un utile e ha registrato vendite superiori alle attese nel primo semestre.

I prezzi del petrolio scendono questo venerdì, concludendo una settimana perlopiù positiva, dopo che i funzionari statunitensi hanno espresso cautela sul tempo necessario per riempire le riserve petrolifere strategiche (SPR), scese a un minimo di quasi 50 anni.

Al momento della scrittura, i future del greggio USA scendono dell’1,2% a 69,10 dollari al barile, mentre il contratto del Brent sale dell’1,1% a 75,05 dollari.

Entrambi i riferimenti sono ancora sulla buona strada per un rialzo settimanale di circa il 3%-4%, in ripresa dai maggiori ribassi settimanali degli ultimi mesi, quando il settore bancario ha esacerbato le preoccupazioni per una possibile recessione.

Inoltre, i future dell’oro segnano -0,4% a 1.988,95 dollari l’oncia, mentre il cambio EUR/USD scende dello 0,4% a 1,0784.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.