Ricevi uno sconto del 40%
🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

Energia, Consulta boccia Robin tax, mancato gettito fino a 1 mld

Pubblicato 11.02.2015, 18:45
© Reuters. Italy's Prime Minister Berlusconi addresses a news conference with Italian Finance Minister Tremonti at the end of the G20 Summit in Cannes
SRG
-
CRDI
-
ENEI
-
PMII
-
ENI
-
BMPS
-
A2
-
TRN
-
EMII
-
EGPW
-
ASCI
-
HRA
-
IREE
-
TYA
-

di Valentina Consiglio

ROMA (Reuters) - La Corte costituzionale ha sancito oggi l'illegittimità della Robin tax, un'imposta aggiuntiva per le aziende del settore petrolifero ed energetico, privando lo Stato di un gettito potenzialmente pari a 1 miliardo di euro l'anno.

La misura era stata introdotta per decreto nel 2008 dal governo Berlusconi con l'obiettivo di contenere i cosiddetti profitti di congiuntura in un contesto di alti prezzi del petrolio che oggi risulta ribaltato dal crollo del greggio.

La Robin tax ha colpito le imprese che operano in tre settori: ricerca e coltivazione di idrocarburi; raffinazione di petrolio, produzione o commercializzazione di benzine e gas; produzione e distribuzione di energia elettrica, anche da fonti rinnovabili.

Il ministero dell'Economia non ha commentato la notizia.

Una fonte governativa riferisce però che al Tesoro si stanno studiando possibili contromisure: "L'impatto potrebbe essere persino reversibile con modifiche alla norma".

A Piazza Affari, i titoli del comparto energia, già forti da questa mattina in previsione della sentenza, sono ulteriormente schizzati dopo la pubblicazione. Alle 12,39 italiane, Terna (MI:TRN) guadagna il 5,04%, Snam (MI:SRG) il 4,02%.

Anche Snam e Terna finora non hanno commentato.

In netto rialzo anche A2A (MI:A2) (+1,67%), Enel Green Power (MI:EGPW) (+2,71%), Hera (MI:HRA) (+1%), Iren (MI:IREE) (+5,22%), Ascopiave (MI:ASCI) (+3,09%).

Più contenuto il progresso di Enel (MI:ENEI) (+0,94%), mentre Eni (MI:ENI) (-1,7%) non riesce a beneficiare della notizia e resta negativa in linea con il resto degli oil europei a causa del calo del prezzo del greggio.

Gli operatori giudicano molto positivamente la notizia per il settore delle utility.

"Per Snam, il risparmio è di 90-100 milioni o 0,02-0,03 euro per azione, Terna dovrebbe risparmiare circa 55 milioni di euro o 0,03 eps, Enel GP circa 50 milioni di euro", commenta Maurice Choy, analista di Rbc Capital Markets.

La questione di illegittimità era stata sollevata nel 2011 dalla Commissione tributaria provinciale dell'Emilia Romagna secondo la quale la norma violava il principio di capacità contributiva penalizzando tutte le imprese del settore, anche quelle che non si giovano degli aumenti.

Il danno per le entrate erariali dello Stato è pari al mancato gettito annuo dell'addizionale Ires di 6,5 punti, stimabile in circa un miliardo sulla base dei dati di Unico 2013, che riguarda però l'anno d'imposta 2012.

È possibile che il gettito sia sceso negli anni successivi a causa della crisi.

© Reuters. Italy's Prime Minister Berlusconi addresses a news conference with Italian Finance Minister Tremonti at the end of the G20 Summit in Cannes

La sentenza, pubblicata sul sito della Corte Costituzionale, è valida a decorrere dal giorno successivo alla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale e dunque non è retroattiva.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.