Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

La sorpresa aumento dell'industria tedesca non basta agli indici europei

Pubblicato 08.10.2019, 10:43
Aggiornato 08.10.2019, 10:44
© Reuters.

Investing.com – Proseguono gli scambi in rosso in Europa nonostante l’inaspettato dato positivo arrivato dalla Germania sullo stato della sua industria.

La produzione industriale tedesca di agosto, infatti, ha visto una crescita dello 0,3%, superando così le aspettative degli analisti che si attendevano un calo dello 0,2%.

Secondo Andrew Kenningham di Capital Economics, "l'incremento dello 0,3% della produzione industriale tedesca ad agosto è un sollievo e un po' una sorpresa" ma, aggiunge l’esperto, "è probabile che la produzione industriale registri complessivamente un calo nel terzo trimestre dell'anno. Nonostante le notizie positive, la recessione del manifatturiero sembra destinata a protrarsi per molto tempo, a causa del debole contesto globale e del fatto che le imprese tedesche stanno perdendo quote di mercato”.

Il dato, dunque, non ferma le preoccupazioni per un possibile rallentamento dell’economia tedesca che potrebbe trascinare tutto il continente. "Nonostante la debole ripresa, l'industria rimane in recessione", ha spiegato il ministro dell'Economia, evidenziando come "la debolezza della domanda" continua a rappresentare un problema.

Prima del dato tedesco, la giornata di era aperta con il dato sui direttori degli acquisti del settore dei servizi di settembre in Cina, segnalando un calo a 51,3 punti, rispetto al precedente dato di 52,1.

Si tratta del dato più basso degli ultimi sette anni, sul quale certamente sta pesando la guerra commerciale e i dazi decisi dall’amministrazione Trump.

Inoltre, anche il debole dato italiano sulle vendite al dettaglio annuali del mese di agosto ha deluso le previsioni, scendendo a +0,7%, crescita inferiore sia a quella precedente (+2,4%) che alle aspettative degli esperti (+3,1%).

In Europa, dunque, le preoccupazioni per l’economia si riflettono sulle borse con il Ftse Mib, il Dax, il Cac 40 e l’Ibex 35 restano in calo dello 0,30%, mentre resiste intorno alla parità il britannico Ftse 100 in attesa di sviluppi ulteriori sulla vicenda Brexit.

Tra le blue chps di Milano, tracollo DiaSorin (MI:DIAS) che cede quasi il 4%, mentre il rosso generale risparmia pochi titoli tra cui Ubi Banca (MI:UBI). Cedono oltre l’1% Italgas (MI:IG), Ferragamo (MI:SFER), Nexi (MI:NEXII), CNH Industrial (MI:CNHI), Pirelli (MI:PIRC) e Leonardo (MI:LDOF).

Resta negativa, inoltre, BIO ON (MI:ON), sulle vicende giudiziarie che si aggiungono alle indagini della Consob su un possibile caso di market abuse.

Ultimi commenti

P.zza Affari con il passo del gambero....un passo avanti e tre indietro in barba agli analisti che si sprecano a parlare di fantomatici rialzi tanto per dichiarare qualcosa...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.