Ricevi uno sconto del 40%
🚨 Mercati volatili? Trovare le gemme nascoste per ottenere una seria sovraperformanceTrova subito azioni

1 titolo da comprare, 1 da vendere all’apertura: Tesla, PayPal

Pubblicato 25.04.2022, 11:12
Aggiornato 02.09.2020, 08:05

Le borse statunitensi hanno chiuso in calo questo venerdì, con l’indice Dow Jones Industrial Average che ha registrato il calo giornaliero maggiore da ottobre 2020, nei timori per una Federal Reserve più aggressiva negli aumenti dei tassi.

Si prospetta un’altra settimana calda sul fronte degli utili, in attesa dei report dei colossi tech come Apple (NASDAQ:AAPL), Microsoft (NASDAQ:MSFT), Amazon (NASDAQ:AMZN), Alphabet (NASDAQ:GOOGL), Meta Platforms (NASDAQ:FB), Twitter (NYSE:TWTR), Intel (NASDAQ:INTC), Qualcomm (NASDAQ:QCOM), Spotify (NYSE:SPOT), Pinterest (NYSE:PINS) e Robinhood (NASDAQ:HOOD).

In agenda gli utili di altre aziende di profilo elevato come Exxon Mobil (NYSE:XOM), Chevron (NYSE:CVX), McDonald’s (NYSE:MCD), Boeing (NYSE:BA), Caterpillar (NYSE:CAT), Ford Motor (NYSE:F), General Motors (NYSE:GM), United Parcel Service (NYSE:UPS), Coca-Cola (NYSE:KO), Visa (NYSE:V), Mastercard (NYSE:MA) e General Electric (NYSE:GE).

Aggiungiamo al calendario anche il rilascio di alcuni dati economici, tra cui report sull’inflazione PCE e la settimana si fa ancora più interessante.

A prescindere dalla direzione in cui andrà il mercato, di seguito abbiamo selezionato due titoli hi-tech: uno che probabilmente sarà richiesto e l’altro che sta perdendo appeal.

Ricordiamoci che ci riferiamo solo alla prossima settimana

Da comprare: Tesla

In una situazione generale complicata per i mercati, il titolo Tesla (NASDAQ:TSLA) si è difeso bene, soprattutto se comparato alle altre aziende a crescita elevata con valutazione stratosferiche.

Ci aspettiamo che il trend continui nei prossimi giorni, mentre gli investitori reagiscono ad una serie di sviluppi che riguardano la casa produttrice di auto elettriche guidata da Elon Musk.

Tesla ha riportato degli utili entusiasmanti la scorsa settimana, superando di gran lunga le stime degli analisti nel Q1 del 2022.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

Per il periodo terminato il 31 marzo, Tesla ha dichiarato di aver guadagnato 3,22 dollari l’azione con un fatturato di 18,76 miliardi. Entrambe le letture sono state dei nuovi record per l’azienda, grazie ad un aumento delle consegne, dei prezzi medi di vendita e di altri progressi in altre aree importanti.

Ancora più impressionanti i margini, che per Tesla sono stati del 32,9%, più del doppio rispetto alle storiche Ford (NYSE:F) e General Motors (NYSE:GM).

Elon Musk ha dichiarato che Tesla resta fiduciosa verso una crescita del 50% rispetto ai dati del 2021.

Intanto, Musk ha dichiarato su Twitter durante il weekend di essersi confrontato con il co-fondatore di Microsoft Bill Gates che possiede una posizione short su Tesla da 500 milioni di dollari.


Musk Tweet

Questo potrebbe potenzialmente innescare una short squeeze su Gates e spingere le azioni Tesla.

TSLA Daily Chart

TSLA è scesa del 4,9% dall’inizio dell’anno, terminando la seduta di venerdì a 1.005,05. Alla valutazione attuale Tesla ha una capitalizzazione di mercato di 1,04 mila miliardi di dollari e questo la rende la casa automobilistica maggiore del mondo, superiore a Toyota (NYSE:TM), Daimler (OTC:DDAIF), GM, Honda (NYSE:HMC) e Ford.

Da vendere: PayPal

PayPal Holdings (NASDAQ:PYPL), che ha visto il titolo collassare ai recenti minimi, dovrebbe vivere un’altra settimana volatile, in quanto il mercato si aspetta dati finanziari deludenti dal fornitore di servizi digitali.

Le azioni dell’azienda californiana con sede a San José hanno perso uno sconvolgente 54% quest’anno, dopo una valanga di notizie negative, un rallentamento nel suo core business, un aumento della competizione nel settore dei pagamenti ed il selloff nei titoli tecnologici.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

Il sentimento sull’azienda, che nella prima settimana di marzo ha sospeso i servizi in Russia, ha subito un altro duro colpo dopo che il Direttore Finanziario John Rainey ha lasciato la compagnie per Walmart (NYSE:WMT).

PYPL ha chiuso a 86,03 venerdì, un livello che non si registrava da marzo 2020. Alla valutazione attuale, PayPal, che è il 72% al di sotto del massimo storico di 310,16 dollari toccato a luglio 2021, ha una capitalizzazione di mercato di 99,9 miliardi di dollari.

PYPL Daily Chart

La crescita delle vendite e degli utili, che hao subito già una grande battuta d’arresto, dovrebbe ulteriormente rallentare quando verranno riportati i dati delle Q1, il prossimo mercoledì 27 aprile.

Si prevedono utili per azione di 0,87 dollari, con un calo di quasi il 29% dagli utili per azione da 1,22 dollari dello scorso anno. Per le entrate si prevede un aumento del 6% su base annua a 6,4 miliardi di dollari.

Gli investitori seguiranno con attenzione anche l’aggiunta di nuovi account attivi e la crescita del volume totale dei pagamenti, vale a dire il valore totale delle transazioni operate sulla piattaforma.

Anche le previsioni saranno molto attese. Crediamo che Paypal possa tagliare le previsioni su profitti e crescita nei prossimi mesi, mentre continuerà a combattere con condizioni sfavorevoli in termini di spesa dei consumatori e domanda dai clienti.

Ultimi commenti

Ha sbagliato su Paypal?
Oggi Tesla è andata bene...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.