Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

C’è ancora Valore nel BTP?

Pubblicato 26.02.2024, 08:39
Aggiornato 09.07.2023, 12:32

Io non odio. È troppo faticoso ricordarsi giorno dopo giorno chi e perché” (Maurizio Costanzo)



È stata la settimana di NVIDIA Corporation (NASDAQ:NVDA). La società leader nel campo dei semiconduttori di nuova generazione, non ha deluso riportando risultati superiori alle attese che hanno spinto il titolo verso nuovi massimi storici, +8,5% nelle ultime 5 sedute. Anche Piazza Affari si è messa in luce con un guadagno del 3%, avvicinando la soglia dei 33mila punti. Ma sono tutte le Borse ad avere ben performato: l’indice MSCI World ha messo a segno un rialzo dell’1,4%, mentre l’S&P 500 dell’1,6%. Il riflesso da un lato dei buoni dati macro sullo stato di salute dell’economia Usa e dall’altro lo slittamento dell’inizio della fase di politica monetaria espansiva, che, in Europa, favorisce i titoli finanziari, il cui peso sugli indici è significativo soprattutto in Italia. La settimana si è chiusa invece in profondo rosso per l’Eua, ovvero il future sui diritti di inquinamento, il prezzo del gas e il petrolio. Il contratto TTF sulla Borsa di Amsterdam in particolare ha fatto segnare il nuovo minimo dal maggio 2021. Il segnale che, almeno in Europa, la recessione è alle porte sebbene con almeno un trimestre di ritardo rispetto alle previsioni. In calo anche la volatilità, tornata sui minimi storici, complice anche il venire meno delle tensioni geopolitiche a due anni dall’inizio del conflitto tra Ucraina e Russia. In particolare è dal Medio Oriente che arrivano le “buone” notizie, con la tregua tra Israele e Hamas che pare sempre più vicina. La settimana dei dati macro è molto ricca con il marker mover in calendario mercoledì alle 14:30 ovvero il dato sul Pil Usa nel quarto trimestre 2023: atteso un rialzo del 3,3%, rispetto al +4,9% del trimestre precedente. Giovedì alle 14:00 invece l’inflazione in Germania a febbraio, attesa in aumento del 2,6% su base annua e piatta su base sequenziale.

Triste anniversario

Sono passati due anni da quando è scoppiato il terremoto geopolitico che pare avere riportato indietro le lancette di oltre 70 anni. Ma questi sconvolgimenti non sembrano avere turbato le principali Borse. L’indice azionario mondiale ovvero l’MSCI World ha da poco fatto segnare il massimo storico e così anche l’S&P 500. Piazza Affari nel 2023 è stata la migliore piazza finanziaria d’Europa e da inizio anno è sul podio a livello internazionale. Superata di slancio la soglia dei 30mila punti, è tornata su livelli che non vedeva da oltre 16 anni. Siamo ancora lontano dai massimi storici posti poco sopra i 50mila punti, ma la strada sembra portare verso quella direzione. Le tensioni non si placano e quotidianamente gli operatori si devono confrontare con un flusso di notizie che spinge verso la volatilità, eppure l’indice della paura, ovvero il Vix sull’S&P 500, è ai minimi storici. A distanza di 2 anni dallo scoppio del conflitto tra Ucraina e Russia, è quindi ancora più significativo fare un bilancio di chi ha resistito, prendendo addirittura slancio, e chi invece ha sofferto e guarda con grande speranza a un cambio di scenario. Il protagonismo dell’industria militare ha senza dubbio favorito Leonardo, tornata sui prezzi del 2007, meno scontato il rialzo di Brunello Cucinelli (BIT:BCU) e Ferrari (BIT:RACE). L’aumento dell’inflazione ha spinto al rialzo i tassi e di conseguenza i profitti delle banche, vere trascinatrici del rialzo di Piazza Affari, me nello stesso tempo frenato i consumi e penalizzando le aziende industriali. Per questo tra i meno brillanti in questi due anni di tensione geopolitica troviamo Campari (LON:0ROY), Interpump (BIT:ITPG) e Pirelli (BIT:PIRC) &C.

C’è Valore nel BTP?

Inizia oggi, per concludersi il 1° marzo il collocamento della prima tranche 2024 del Btp Valore. Il titolo è dedicato esclusivamente al pubblico retail, con una durata di sei anni e un premio fedeltà pari allo 0,7% per chi lo acquisterà durante il collocamento e lo terrà fino alla scadenza. Per questa edizione il Tesoro ha previsto un rendimento minimo garantito (lordo) del 3,25% per i primi tre anni che sale al 4% per il quarto, quinto e sesto anno. Al termine del collocamento, verranno annunciati i tassi cedolari definitivi che potranno essere confermati o rivisti al rialzo, in base alle condizioni di mercato del giorno di chiusura dell’emissione. “Il Btp Valore è uno strumento interessante, ma non bisogna dimenticare che risponde a specifici obiettivi di investimento: protezione del capitale con garanzia dello Stato italiano e generazione di una cedola annua. Non è una soluzione adatta a raggiungere qualsiasi obiettivo, ad esempio chi cercasse la crescita del capitale investito dovrebbe esplorare soluzioni alternative”, ha dichiarato Vincenzo Cuscito, head of investment consultants Italy di Moneyfarm. Una posizione che condividiamo, ritenendo che nel lungo periodo i rendimenti migliori siano quelli generati dagli investimenti in economia reale. Lo dimostra il fatto che dal 2001 a fine 2023 i migliori investimenti al mondo siano stati rispettivamente l’azionario nei Paesi emergenti e l’azionario americano (al lordo dell’effetto cambio) con un rendimento medio annuo rispettivamente del 6,75% e del 6,40%. Nello stesso periodo i bond governativi hanno reso il 3,35% l’anno.

Ultimi commenti

il miglior investimento degli ultimi secoli è stato Bitcoin, piaccia o non piaccia come asset ma numeri parlano chiaro.
Bravo Fabrizio ottimo articolo! ….. torniamo sempre allo stesso punto i grafici non mentono… a buon intenditor (con ampia e diversificata esposizione sull’azionario) poche parole….
Più valore nel BTP che in un titolo del Tesoro statunitense. Quello senza dubbio. A prescindere dalla cedola.
C e la nuova emissione Ungheria 2029 4% sotto la pari
Avanti popolo urliamo tutti insieme W I BTP!!!
L ITALIA NON FALLIRÀ MAI, PIUTTOSTO CI FANNO PIANGERE SANGUE
non condivido l'analisi dei BTP, considerato che è un prodotto per famiglie e non per investitori di borsa. Forse ha sbagliato la lettura del contesto in cui si colloca
investitori di borsa sono top player
E chi lo dice che le famiglie non possano investire in borsa? Il problema è proprio quello.....dovrebbero farlo invece di ridursi ad elemosinare qualche decimale in più sui btp!
Anche l’italia è sui massimi storici. Leggete gli indici
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.