Ricevi uno sconto del 40%
💰 Buffett rivela una partecipazione di 6,7 miliardi di dollari in Chubb.
Copia GRATIS l'intero portafoglio con lo strumento Stock Ideas di InvestingPro
Copia portafoglio

Ci Dobbiamo Spaventare della Correzione del Mercato?

Pubblicato 17.04.2024, 10:00
NDX
-
US500
-
MS
-

Nelle ultime sessioni, i mercati azionari hanno manifestato un'attitudine cautelativa, con i titoli statunitensi che hanno subito un leggero ribasso, aggiungendosi al precedente calo dell'1,2% di lunedì. L'ombra delle tensioni geopolitiche in Medio Oriente aleggia ancora, mentre gli investitori rimettono in discussione il timing dei futuri tagli dei tassi da parte della Fed. Queste, però, potrebbero non essere le vere preoccupazioni di lungo termine dei mercati. Potrebbe trattarsi invece di giustificazioni per una salutare presa di profitto in seguito a un rally prolungato che ha visto ben 24 nuovi massimi storici senza significative correzioni.

Attualmente, l' S&P 500 ha subito un drawdown inferiore al 4%, un ritracciamento ancora modesto se confrontato con il drawdown medio intra-annuale del -16% registrato dal 1928. Il proverbio "Aprile, dolce dormire" non sembra calzare quest'anno, con le ultime tre sessioni e otto delle dodici di aprile in territorio negativo. La volatilità, a lungo sopita, sta risvegliandosi su più fronti: il VIX ha registrato un'impennata del 41% solo ad aprile, il MOVE del 38%, il VXM, il "Vix del Nasdaq 100", del 32% e quella sullo Stoxx europeo del 33%.
Tuttavia, la storia ci insegna che i rischi geopolitici raramente hanno un impatto di lungo termine sui mercati. Il conflitto russo-ucraino ne è un esempio. Inoltre, gli Stati Uniti, con la loro minore dipendenza energetica dalla regione, potrebbero rimanere relativamente isolati da un'eventuale escalation militare. La situazione è differente per l'Europa, dove un blocco sullo Stretto di Hormuz potrebbe incidere notevolmente, influenzando anche le forniture di gas naturale, come evidenziato dal contributo del rigassificatore di Cavarzere. Gli ultimi dati del Ministero dell'ambiente e della sicurezza energetica riportano come il rigassificatore di Cavarzere a gennaio abbia rappresentato il 3% dell’importazioni nazionali, sebbene abbia oscillato su maggiori percentuali in passato (meno del 20%).

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .


Gli investitori, inizialmente indifferenti al ritmo rallentato dei tagli dei tassi previsti per l'anno, ora sembrano turbati dal passaggio a soli 2 o forse 1 taglio (in questo momento nuovamente presente) dei tassi registrati ad aprile. Le recenti affermazioni di Jerome Powell al Wilson Center di Washington hanno gettato ulteriore incertezza: il mercato del lavoro mostra segnali solidi, ma il ritorno all'obiettivo di inflazione del 2% non ha fatto ulteriori progressi. Powell ha evidenziato che senza una chiara direzione verso l'obiettivo di inflazione, non c'è spazio per la Fed per iniziare a ridurre i tassi di interesse. Se l'inflazione elevata dovesse persistere, il livello attuale di restrizione potrebbe rimanere in vigore più a lungo del previsto, consolidando la narrazione che i tassi potrebbero rimanere "più alti per più tempo".

In Europa, invece, sembra soffiare un vento differente. Mentre la Fed assume una posizione cauta, la BCE sembra incline a un allentamento delle politiche, con Villeroy della Banca di Francia che anticipa una possibile riduzione dei tassi già a giugno.
Riflettendo sull'economia statunitense, l'inflazione resta un nodo cruciale. Tuttavia, la resilienza economica e la solidità dei consumi statunitensi offrono un'ancora di salvezza alle imprese, nonostante i venti di incertezza. Ieri il FMI ha rivisto al rialzo le aspettative di crescita per gli USA, con un incremento dello 0.6% - il più alto tra le principali economie globali - portando la proiezione per il 2024 al 2.7%. Al contrario, l'Italia vede la più significativa revisione al ribasso per il 2025, ora al 0.7%, scendendo di 0.4% rispetto alle previsioni precedenti. Si profila a livello globale un 'atterraggio morbido' come scenario più probabile.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .


Nel frattempo, dal fronte aziendale, UnitedHealth Group Incorporated (NYSE:UNH) e Morgan Stanley (NYSE:MS) hanno dato una scossa agli indici con i loro recenti report sugli utili, superando le attese degli analisti. I settori quali la sanità, i beni di consumo di base e la tecnologia, con giganti come Nvidia a guidare il settore dei semiconduttori, sono stati tra i leader della sessione di ieri, insieme a un notevole aumento dei prezzi dell'oro, riflettendo un elemento difensivo rispetto ai movimenti della giornata


In questi giorni, i mercati finanziari cavalcano l'onda di una volatilità rinnovata. Mentre ci si attende che la Federal Reserve possa effettuare un solo taglio (o due) dei tassi, è facile che l'attenzione degli investitori si disperda tra i report finanziari trimestrali. In questo scenario in costante evoluzione, è importante restare vigili: un mercato in correzione non segnala necessariamente un'inversione di tendenza. La distinzione è sottile ma cruciale. La stagione delle trimestrali potrebbe offrire una pausa dalle riflessioni macroeconomiche, attirando gli sguardi sui risultati concreti delle aziende. Questo focus sui fondamentali aziendali potrebbe fungere da contrappeso alle preoccupazioni legate ai tassi e potenzialmente moderare la reazione dei mercati a una politica monetaria più restrittiva. Tuttavia, non scordiamo che una correzione – un normale respiro nel ritmo incessante dei mercati – è un fenomeno salutare e atteso, soprattutto dopo i prolungati periodi di guadagni.
Mentre navigano tra le onde della volatilità e scrutano l'orizzonte delle trimestrali, gli investitori farebbero bene a tenere il timone fermo, senza lasciarsi sconcertare dalle normali fluttuazioni di un mercato che, in fondo, non dorme mai.

Gabriel Debach
eToro Italian Market Analyst

Disclaimer: Il contenuto di questa newsletter è di natura informativa ed educativa e non può essere considerata come attività di consulenza finanziaria né come raccomandazione all’investimento.
Performance passate non sono indicative di performance future. Il trading è rischioso e si raccomanda di rischiare solo il capitale che si è disposti a perdere.
Dovresti chiedere consiglio a un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato e assicurarti di avere la propensione al rischio, l'esperienza e la conoscenza opportune prima di decidere di investire. In nessuna circostanza eToro si assumerà alcuna responsabilità nei confronti di persone fisiche o giuridiche per (a) qualsiasi perdita o danno, interamente o parzialmente causati da, dovuti a, o relativi a qualsiasi transazione legata ai CFD o (b) qualsiasi danno diretto, indiretto, speciale, consequenziale o incidentale.
I mercati delle criptovalute sono servizi non regolamentati e non sono controllati da nessun quadro normativo specifico europeo (incluso il MiFID) o nelle Seychelles. Pertanto, quando utilizzi il nostro Servizio di Trading di Criptovalute non potrai beneficiare delle protezioni disponibili per i clienti che ricevono servizi di investimento regolamentati (a seconda dei casi) dal MiFID, come l'accesso al Cyprus Investor Compensation Fund (ICF)/al Financial Services Compensation Scheme (FSCS) e al Financial Ombudsman Service per la risoluzione delle controversie, né delle protezioni disponibili ai sensi del quadro normativo delle Seychelles.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.