Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Ecco perchè il trend del mercato non è ribassista

Pubblicato 23.04.2024, 06:09
US500
-
MSFT
-
GOOGL
-
IXIC
-
GOOG
-

 

Serie di PMI di aprile dell’Europa in uscita oggi alle 10:00: manifatturiero (stima 46,5 punti contro 46,1 di marzo), servizi (stima 51,8 punti contro 51,5 di marzo) e composito (stima 50,8 punti contro 50,3 di marzo). Se le stime fossero corrette, confermerebbero la leggera ripresa in atto. Alle 15:45 sono invece previsti i PMI di aprile degli USA: manifatturiero (stima 52 punti contro 51,9 di marzo), servizi (stima 52 punti contro 51,7 di marzo). Vendita di nuove abitazioni USA di marzo alle 16:00 (stima 668k contro 662k di febbraio).
 
Dopo un rialzo del 25% dell’S&P 500 negli ultimi sei mesi, il tono dei mercati nelle ultime settimane sembra essere cambiato, con l’indice S&P 500 sceso per la terza settimana consecutiva. L’entità della flessione è stata relativamente contenuta e pari al 5,5% rispetto ai massimi. Il Nasdaq, ad alto tasso di tecnologia, è sceso di circa il 7%.
 
Tuttavia, i segmenti del mercato sensibili ai tassi di interesse, compresi i titoli a piccola capitalizzazione e il settore immobiliare, hanno subìto una flessione maggiore, e l’indice di volatilità VIX, a volte definito “indice della paura”, è salito verso i massimi dell’anno come era nelle nostre attese.
 
Secondo la nostra elaborazione, la performance media (dal 1930 al 2023) dell’S&P 500, in un’economia non in recessione è pari al 9.7%, mentre la flessione massima è stato pari al 12,8%.
   

Fonte: Morningstar Direct. Periodi di recessione USA come definiti da MBER
 
A nostro avviso, la volatilità è stata innescata da una triplice serie di dati e notizie:
·        il mercato ha rivalutato i tagli dei tassi della Fed aspettandosi ora un solo taglio dei tassi nel 2024 mentre sti sta adattando a questo nuovo regime di tassi di interesse più alti per più tempo;
·        le tensioni geopolitiche sono aumentate, in particolare in Medio Oriente, e nelle ultime settimane hanno esercitato pressioni al rialzo sui prezzi del petrolio e delle materie prime;
·        la stagione degli utili del 1Q24 dell’S&P 500 in corso che, sebbene per molte aziende sia migliore delle attese, sta offrendo aspettative per i prossimi mesi e per il 2025 più deboli del previsto. Le aziende tecnologiche a mega capitalizzazione, tra cui Microsoft (NASDAQ:MSFT), Google (NASDAQ:GOOGL) e Meta, pubblicheranno tutte gli utili questa settimana, con gli investitori che monitoreranno attentamente eventuali segnali di debolezza.
 
La volatilità del mercato dopo una forte corsa non è totalmente inaspettata. Anche se individuare il fondo di un pullback è notoriamente difficile, sappiamo che le correzioni nell’intervallo tra il 5% e il 15% sono tipiche di ogni anno. A nostro avviso, la considerazione più importante è se un pullback possa trasformarsi in un contesto di mercato ribassista profondo o prolungato (tipicamente con perdite del 20% o superiori). Non riteniamo che questo sia un risultato altamente probabile, soprattutto considerando che l’economia statunitense rimane abbastanza solida, supportata da una domanda dei consumatori resiliente e da un mercato del lavoro sano. In particolare:
 
·        i mercati ribassisti tendono a verificarsi quando l’economia è in recessione o entra in recessione. E non vediamo oggi alcuna di queste condizioni. Anzi, gli ultimi dati delle vendite al dettaglio che hanno raddoppiato le aspettative, sottolineano un consumatore ancora in buona salute;
 
·        i mercati ribassisti tendono a verificarsi quando le banche centrali aumentano i tassi. A nostro avviso, l'asticella per un rialzo dei tassi rimane elevata per la Fed e, sebbene l'inflazione sia persistente, non vediamo ancora le condizioni per riaccenderla in modo sostenibile. Riteniamo che la prossima mossa sui tassi di interesse della Fed sarà quindi un taglio dei tassi.
 
Pertanto, anche se la durata e l’entità di qualsiasi correzione sono difficili da prevedere, riteniamo che gli investitori possano prendere in considerazione l’utilizzo di questo periodo di volatilità per riequilibrare, diversificare e utilizzare la media del costo in dollari per aggiungere gradualmente investimenti di qualità ai portafogli a prezzi migliori, prima di un potenziale periodo di ripresa in parte guidato da tassi più bassi nel prossimo anno.
 
 
 
 
 
 

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.