Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

Gennaio sui massimi, ma febbraio?

Pubblicato 01.02.2024, 08:40
Aggiornato 09.07.2023, 12:32

Anche se la finestra è la stessa, non tutti quelli che si affacciano vedono le stesse cose: la veduta dipende dallo sguardo” (Alda Merini)



Gli indici principali di Wall Street chiudono per il terzo mese consecutivo al rialzo. Gennaio mantiene quindi intatto il trend rialzista iniziato nel mese di novembre scorso. Febbraio inizia quindi sotto i migliori auspici sull’onda delle aspettative di un ribasso dei tassi di interesse. Perché il punto non è “se” ma “quando” avverrà l’inversione della politica monetaria che ha portato il costo del denaro ai massimi da 22 anni. Questa attesa muoverà quindi i listini nel corso dei prossimi mesi, sempre sotto la spinta da dati macro che potrebbero accelerare o rallentare l’inizio del nuovo corso. In questa prospettiva da considerare anche qualche “statistica” storica: se l’S&P 500 chiude gennaio al rialzo va così tutto l’anno, dal 1952 se l’S&P 500 chiude gennaio sopra il +2%, la performance dell’anno è positiva a doppia cifra. Altro elemento da considerare: sia il Dow Jones che il Nasdaq sono sui massimi storici, quest’ultimo trascinato ancora dai magnifici 7. A gennaio chiusura positiva anche per l’Europa sebbene in maniera più contenuta. Nel mese in cui la SEC ha dato il via libera all’ETF Spot sul Bitcoin la criptovaluta ha chiuso in rialzo del 2%. Infine l’FTSE Mib 40 che ha chiuso il mese in rialzo dell’1,5%, a un passo dai 15mila punti, livello che non tocca da 15 anni.


Gli investitori chiedono troppo


La reporting season Usa sta andando molto bene ma per gli investitori pare non sia abbastanza. Per i magnifici 7, che hanno battuto le attese, non sono mancate le vendite. Dopo la diffusione dei conti hanno sofferto Alphabet (NASDAQ:GOOGL), ed AMD (NASDAQ:AMD) i cui outlook hanno destato preoccupazioni per tassi di crescita non abbastanza elevati per gli operatori. L’attenzione sul comparto tecnologico resta elevato con i Ceo di Tik Tok, Snapchat e Facebook (NASDAQ:META) sotto accusa da parte del congresso Usa per la mancata sicurezza nei confronti degli utenti più piccoli nell’uso dei social network. Infine Tesla (NASDAQ:TSLA) con la decisione a sorpresa di un giudice del Delaware che ha deciso di congelare il maxi compenso di Elon Musk, ovvero $56 miliardi in forma di stock option. La storia inizia nel 2018 quando Musk ottenne un piano di stock option basato su una serie di target economico-finanziari che sembravano irraggiungibili ed invece sono stati centrati. Da qui il maxi premio che ora viene messo in discussione perché secondo il giudice quel premio sarebbe stato deciso da un comitato non indipendente. Ma la partita è solo all’inizio. A guadagnarci per ora, sono i soci di Tesla che in caso di conferma vedranno risparmiare alla propria società un importo consistente da destinare magari a investimenti i per esempio un buy back.


Inizia la reporting season europea



Se in Usa la stagione delle trimestrali volge al termine, in Europa è solo all’inizio. La spagnola Banco Santander (BME:SAN) ha registrato un utile record per l'ultimo trimestre del 2023, battendo le previsioni, il produttore danese di farmaci Novo Nordisk ha segnato un nuovo massimo storico, confermando di essere la più capitalizzata in Europa, prevedendo un altro anno di crescita a due cifre delle vendite e degli utili operativi grazie farmaco per la perdita di peso Wegovy. Male invece il produttore svizzero di farmaci Novartis (SIX:NOVN) che ha mancato le stime sull'utile netto del quarto trimestre, mentre la svedese H&M è crollata del 10% dopo avere annunciato un calo del margine nel quarto trimestre, portando alle dimissioni dell’Amministratore Delegato dopo 4 anni di mandato. A fine marzo riporteranno infine le società dell’Euronext Growth Milan, ovvero le PMI ad alto potenziale di crescita. Un evento che potrebbe riaccendere l’interesse per le small cap che nel mese di gennaio hanno sottoperformato rispetto alle blue chip. L’ufficio studi di Integrae SIM con una copertura su oltre 60 titoli quotati darà ampia visibilità ai risultati rappresentando un punto di osservazione privilegiato per tutti gli interessati a questo mercato.

Ultimi commenti

Kxkkxkxkxkkxkxkxkxkxkxkkxkxkxxkxkxk___Sei stato estremamente di aiuto per me; devo dire che hai differenziato i poveri dai ricchi, sono cresciuto dall'erba alla grazia, ricevo circa € 8.500 come pagamento settimanale con un avvio di € 800, quindi consiglio a tutti coloro che sono disposti a investire di lasciare un mandagli un messaggio su °Whats'app+'407⟱64727⟱2 25 per ricevere consigli su come iniziare.,kxkxkkxkxkxkxkkxkckxkxkkxkkxkxxkxkxxkxkkxxkxkxkxkxkxkxkxkxkkxxkkxxkkxkxkxkxkxkxkxkxkkkxkxkxkxkxkkxk
Solo Milano col fiato corto ??
Mib40 a 15000 punti?Non direi!
Ma ti pagano per scrivere questi articoli?
Euronext Growth Milan, ovvero le PMI ad alto potenziale di crescita….. si certo con performance media -35%
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.