Sblocca dati premium: Fino al 50% di sconto InvestingProAPPROFITTA DELLO SCONTO

Il crollo epocale dei mercati è vicino

Pubblicato 02.03.2023, 10:22
NDX
-
US500
-
DE40
-
IXIC
-
VIX
-
BTC/USD
-


Clicca su “SEGUI” in alto per ricevere una notifica ogni volta che pubblico un nuovo articolo

E’ già svanito l’effetto Cina per le borse.

L'attività' manifatturiera cinese ha segnato a febbraio la più rapida espansione da aprile 2012, in scia alla ripartenza della produzione grazie alla revoca delle restrizioni draconiane anti-Covid dello scorso dicembre: l'indice dei responsabili degli acquisti manifatturieri (Pmi) ha avuto un balzo a 52,6 da 50,1 di gennaio, secondo i dati diffusi dall'Ufficio nazionale di statistica, posizionandosi oltre le stime a quota 50,5. 

L'economia cinese ha chiuso il 2022 come uno dei suoi peggiori anni in quasi mezzo secolo a causa della rigida applicazione della politica della 'tolleranza zero' al Covid che ha stroncato produzione e consumi.

Il Gennaio super delle borse alla fine si rivelerà una trappola per topi.

L’inflazione non accenna a fermarsi in Usa ed Europa, questo porterà a breve al collasso dei mercati, con le banche centrali costrette ad alzare i tassi per mettere fine a questo fenomeno.

Abbiamo già importanti segnali che testimoniano che il crollo epocale è in arrivo.

I segnali arrivano dal mondo obbligazionario, con i rendimenti dei bond governativi Usa e Ue su livelli record con i prezzi delle obbligazioni che continuano a crollare.


Siamo di fronte a un fatto anomalo, la cosiddetta curva invertita con i rendimenti di breve superiori a quelli di lungo che ha sempre preannunciato una recessione.

I mercati non prezzano ancora una recessione, quindi se arriverà sarà uno shock.

Il mercato che farà segnare il maggior crollo sarà quello americano che ha un Rapporto Prezzo Utili superiore ai mercati Europei e che una banca centrale aggressiva pronta ad alzare i tassi fino al 6% se necessario.



Dal punto di vista tecnico analizzando il Dax e il Nasdaq notiamo che il Nasdaq 100 è ormai costantemente sotto la Media Mobile veloce di 13380 e si candida a un veloce crollo.

Lo S&P 500 è in una situazione simile.

Il Dax è messo molto meglio grazie alla Bce più accomodante rispetto alla Fed al momento. 

Il Dax Scenderà, ma meno rispetto al NASDAQ.



C'è però da notare che il 24 febbraio c'è stato una discesa importante del Dax supportata da alti volumi, non è un buono segno.

Un altro strumento candidato a un grosso crollo è il Bitcoin.

Il Bitcoin nell’ultimo anno ha dimostrato di avere un ottima correlazione con il Nasdaq, mi aspetto quindi anche per la Criptovaluta più importante al mondo un crollo che lo porterà in Area 10.000

Il Mondo delle cripto si sta dimostrando inaffidabile, con continui default di exchange e società collegate.

Inoltre le banche centrali si stanno organizzando per creare le loro monete digitali che avranno lo scopo di distruggere il Bitcoin.

Per sfruttare al meglio il crollo in arrivo dei mercati ho deciso di puntare sul Vix.

Il VIX, noto anche come l’indice della paura, utilizza come sottostante le opzioni sull’indice S&P 500, con il quale presenta una correlazione negativa: se lo S&P 500 sale il VIX scende e viceversa.

Il mio Target è di 40.

Nasdaq

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.