🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

Il ritorno delle Magnifiche 7

Pubblicato 12.04.2024, 09:35
DJI
-
MSFT
-
BBVA
-
SAN
-
GOOGL
-
AAPL
-
AMZN
-
CRDI
-
TSLA
-
IXIC
-
GOOG
-


Se negli Stati Uniti il rinvio dei tagli ha scosso i mercati mercoledì, con le banche regionali (misurato dall’ETF SPDR® S&P Regional Banking ETF (NYSE:KRE) che traccia il settore delle banche regionali) tra le peggiori performer della giornata, il possibile primo taglio dei tassi in Europa ha causato un'agitazione simile, con le banche che hanno guidato il trend negativo della seduta.

Come sottolineato dalla stessa presidente della BCE Christine Lagarde, le dinamiche ed i risvolti economici in Europa non sono identici a quelli degli Stati Uniti, né tantomeno le risposte delle aziende. Mentre in America la strategia dell'"higher for longer" sta generando impatti significativi sul settore bancario regionale, come evidenziato dai passati fallimenti di Silicon Valley Bank, Signature Bank e Silvergate Bank, in Europa l'aumento dei tassi ha rappresentato un'opportunità per le istituzioni finanziarie, consentendo loro di godere di margini d'interesse più ampi e di bilanci record. Un possibile percorso al ribasso dei tassi non sembra essere stato pertanto ben accolto sui listini europei, a maggior peso bancario, con azioni come UniCredit (BIT:CRDI), BBVA (BME:BBVA) e Santander (BME:SAN) in calo di quasi il 3%, e listini come Milano e Madrid fanalini di coda nella sessione di ieri sui mercati europei.


Dopo un calo di quasi l'1% nell'S&P 500 mercoledì, causato da un'inflazione più alta del previsto nell'indice dei prezzi al consumo (CPI), i mercati sono risaliti giovedì in seguito a un'inflazione leggermente inferiore alle previsioni nell'indice dei prezzi alla produzione (PPI) di marzo. La tanto attesa rotazione settoriale, supportata dai possibili tagli dei tassi da parte della Fed, sembra essere nuovamente rimandata, come dimostrato dalla performance di ieri. Il Nasdaq ha superato sia l'S&P 500 che il Dow Jones, con il contesto di tassi d'interesse "più alti più a lungo" che ha pesato sui settori del mercato sensibili ai tassi, come l'immobiliare e i servizi di pubblica utilità, così come sui titoli a piccola capitalizzazione. Le parti del mercato con bilanci più grandi e riserve di liquidità, inclusi i giganti tecnologici, hanno invece ottenuto risultati migliori.


È stato evidente un forte ritorno di forza delle cosiddette "Magnifiche 7", con tutte le aziende in territorio positivo. NVIDIA Corporation (NASDAQ:NVDA) ha guidato il gruppo con un aumento del 4%, mentre Google (NASDAQ:GOOGL), Amazon (NASDAQ:AMZN), Microsoft (NASDAQ:MSFT) e Meta scambiano su nuovi massimi storici, o in loro prossimità. Dopo un calo del 10%, Nvidia ha poi recuperato e ha ripreso la sua corsa al rialzo. Apple (NASDAQ:AAPL) ha registrato un significativo aumento del prezzo, guidando i guadagni del Dow Jones con un aumento di oltre il 4%. L'annuncio dei piani per una revisione completa della linea di computer Mac, con l'implementazione di processori interni progettati per sfruttare l'intelligenza artificiale, ha suscitato interesse tra gli investitori. Le iniziative legate all'intelligenza artificiale e all'efficienza dei costi hanno anche contribuito a spingere Amazon, che ha concluso la sua seconda striscia più lunga di giorni di negoziazione senza raggiungere un nuovo massimo storico di chiusura, che era durata ben 693 sedute. Tuttavia, Tesla (NASDAQ:TSLA) rimane ancora significativamente indietro rispetto ai suoi massimi, registrando un drawdown del 40%.

È interessante notare che i titoli ciclici statunitensi abbiano guidato il rialzo, sovrapassando i titoli difensivi. Questo sottolinea l'importanza di mantenere cautela nell'essere eccessivamente negativi e difensivi, specialmente quando la crescita economica è robusta, nonostante le sfide legate all'inflazione.



Gabriel Debach
eToro Italian Market Analyst

Disclaimer: Il contenuto di questa newsletter è di natura informativa ed educativa e non può essere considerata come attività di consulenza finanziaria né come raccomandazione all’investimento.
Performance passate non sono indicative di performance future. Il trading è rischioso e si raccomanda di rischiare solo il capitale che si è disposti a perdere.
Dovresti chiedere consiglio a un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato e assicurarti di avere la propensione al rischio, l'esperienza e la conoscenza opportune prima di decidere di investire. In nessuna circostanza eToro si assumerà alcuna responsabilità nei confronti di persone fisiche o giuridiche per (a) qualsiasi perdita o danno, interamente o parzialmente causati da, dovuti a, o relativi a qualsiasi transazione legata ai CFD o (b) qualsiasi danno diretto, indiretto, speciale, consequenziale o incidentale.
I mercati delle criptovalute sono servizi non regolamentati e non sono controllati da nessun quadro normativo specifico europeo (incluso il MiFID) o nelle Seychelles. Pertanto, quando utilizzi il nostro Servizio di Trading di Criptovalute non potrai beneficiare delle protezioni disponibili per i clienti che ricevono servizi di investimento regolamentati (a seconda dei casi) dal MiFID, come l'accesso al Cyprus Investor Compensation Fund (ICF)/al Financial Services Compensation Scheme (FSCS) e al Financial Ombudsman Service per la risoluzione delle controversie, né delle protezioni disponibili ai sensi del quadro normativo delle Seychelles.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.