🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

Il sentiment dei CEO è in lento miglioramento nel 2024

Pubblicato 26.03.2024, 08:59
BAC
-

Dopo un 2023 volatile, la fiducia dei CEO sembra in ripresa nel 2024. Varie letture sul sentiment dei CEO, compreso il nostro indice Late Earnings Report Index (LERI), sembrano indicare che i dirigenti si sentono più fiduciosi sulle prospettive di crescita aziendali. Anche il sentiment degli investitori è migliorato di recente. 

LERI al minimo di un anno

L’indice Late Earnings Report Index (LERI) replica i cambiamenti delle date delle trimestrali tra le compagnie quotate in borsa con market cap di 250 milioni di dollari o più. Il LERI ha una lettura base di 100. Un valore superiore a questo livello indica che le compagnie si sentono incerte sulle prospettive attuali e a breve termine. Una lettura del LERI sotto 100 suggerisce che le compagnie sentono di avere una buona sfera di cristallo per il breve periodo.

Il LERI ha chiuso la stagione delle trimestrali del Q4 2023 (dati raccolti nel Q1 2024) con una lettura post-picco di 99, il minimo da un anno, segnale che lo scetticismo che regnava nel 2023 comincia a dissiparsi. Il precedente minimo di 84 è stato raggiunto durante la stagione degli utili del Q4 2022 (dati raccolti nel Q1 2023).

Fonte: Wall Street Horizon, nota: si esclude il 2020 per via dei ritardi anormali.

Questo è in linea con altri indicatori del sentiment dei CEO, come l’indice CEO Economic Index pubblicato da Business Roundtable, da cui emerge che i leader delle aziende sono più fiduciosi nell’economia con aspettative di vendite e investimenti di capitali più forti. Allo stesso modo, anche l’indice trimestrale del Conference Board, noto come Measure of CEO Confidence™, ha mostrato un miglioramento nel Q1.

Il sondaggio dice che anche gli investitori si sentono più bullish

Non sono solo i dirigenti ad avere maggiore fiducia, ma anche l’attitudine degli investitori è positiva. Un recente sondaggio di Bank of America (NYSE:BAC) mostra che l’ottimismo di Wall Street è al massimo dal gennaio 2022. Dal suo sondaggio condotto su 226 gestori di fondi, emerge che il gruppo è anche il più bullish sui titoli azionari dal febbraio 2022. Il motivo di queste rosee prospettive? Oltre il 90% degli intervistati crede che la Fed abbia finito di alzare i tassi di interesse. Questa potrebbe essere una ragione per cui le aziende americane si sentono ottimiste.

Guardando al futuro

Mentre andiamo verso la stagione delle trimestrali del Q1 2024, monitoreremo questo trend per vedere se continuerà. La prossima lettura del LERI pre-picco sarà pubblicata il 14 aprile.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.