Ricevi uno sconto del 40%
🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

La primavera in salita per i mercatiin salita per i

Pubblicato 22.04.2024, 08:55
NDX
-
US500
-
MSFT
-
GOOGL
-
AMZN
-
CRDI
-
BMPS
-
XOM
-
TSLA
-
GOOG
-
BTC/USD
-
DE10IT10=RR
-

«Gli elementi basilari del tennis sono quelli dell’esistenza quotidiana, perché ogni match è una vita in miniatura» (Andrea Agassi)

Il Nasdaq 100 ha chiuso la peggiore settimana ribasso in 17 mesi, -5,5%, trascinata al ribasso da Nvidia, Meta, Amazon (NASDAQ:AMZN) ed altri pezzi grossi del tech. Non è andata meglio all’S&P 500 che ha lasciato sul terreno oltre il 3%. Settimana difficile anche a livello mondale con l’MSCI World in ribasso del 2,9% e lo Stoxx 600 dell’1,2%. Si è invece salvata Piazza Affari, in rialzo dello 0,47%, grazie alla performance dei titoli bancari: Popolare di Sondrio +6,4%, Popolare di Milano +5%, MPS (BIT:BMPS) +4,5%, Unicredit (BIT:CRDI) +3,6%. Il ribasso è stato innescato dalle parole di Jerome Powell a inizio settimana ovvero “tassi più alti, più a lungo”, e ribadite da almeno un altro paio di componenti del board della Fed. La narrazione, dopo la diffusione dei dati sull’inflazione a marzo, che resta sopra il 3% e leggermente oltre le attese, è completamente cambiata. Resta valida l’indicazione del dot plot per 3 tagli nel 2024, ma probabilmente verso fine anno, ovvero da settembre. Ma se i dati dei prossimi mesi dovessero confermare la tonicità dell’economia statunitense e il perdurare del caro vita su livelli elevati, allora la prospettiva è che nell’anno in corso non ci sarà nessuna manovra monetaria. E questo evento il mercato sta iniziando a scontarlo soprattutto nei prezzi dei titoli più sensibili all’andamento dei tassi di interesse come il tech. Molta attenzione quindi al calendario macro di questa settimana e quello relativo alle trimestrali statunitensi con i big del tech: questa settimana i game changer sono il dato sul Pil statunitense nel primo trimestre 2024, in uscita giovedì, e l’indice Usa dei principali prezzi di spesa per consumi a marzo, atteso venerdì. Martedì riporta i conti Tesla (NASDAQ:TSLA), mercoledì Meta e IBM, giovedì Microsoft (NASDAQ:MSFT) e Alphabet (NASDAQ:GOOGL), venerdì Exxon Mobil (NYSE:XOM).

È arrivato l’halving!

Come le Olimpiadi ogni 4 anni, attirano l’attenzione di milioni di persone, altrettanto avviene per l’halving nel mondo cripto. La fiaccola si è accesa nel week-end, ma non parliamo dell’avvio di una grande manifestazione sportiva digitale, quanto più semplicemente di una riduzione del premio in bitcoin assegnato ai minatori per convalidare transazioni sulla blockchain. Da sabato si è passati da 6,25 bitcoin e 3,124, ai livelli attuali circa $200mila. Questo evento, intrinseco al codice di Bitcoin, avviene automaticamente e stabilmente, creando un asset digitale raro e prezioso. Con solo 21 milioni di bitcoin in totale (una quantità non modificabile), l'halving garantisce un'offerta controllata nel tempo. Si stima che l'ultimo bitcoin sarà estratto nel 2140. Bitcoin è progettato per resistere all'inflazione, al di là delle volontà umane o dei poteri politici, garantendo un meccanismo indipendente dalla politica. Questo può essere visto come una caratteristica rassicurante o preoccupante, poiché non ci sono margini per modifiche arbitrarie delle regole da parte di un'autorità centrale, come il presunto creatore di Bitcoin, Satoshi Nakamoto, il cui vero nome e stato attuale rimangono sconosciuti. La rarità del bitcoin unita alla sua crescente diffusione, grazie anche alle recente decisione della Security Exchange Commission statunitense (SEC) sugli ETF, (i primi 11 prodotti sul prezzo spot del bitcoin quotati solo in Usa hanno accumulato $59,2 miliardi di asset in gestione), hanno spinto questo strumento, a metà tra una moneta e uno strumento finanziario, su nuovi massimi storici.

Italia sotto la lente

S&P Global Ratings ha confermato il rating BBB per il debito italiano, mantenendo anche un outlook stabile, come da attese. Questo annuncio dà il via a una nuova serie di revisioni del rating sul debito nazionale nelle prossime settimane e potrebbero creare volatilità sia sul mercato azionario che obbligazionario. Il primo ostacolo è comunque stato superato. Nella sua comunicazione, S&P evidenzia un aumento prospettico del debito rispetto a ottobre: previsto ora crescere del 2,5% rispetto al PIL nei prossimi due anni, mentre negli ultimi tre anni è diminuito del 17,6% rispetto ai livelli massimi registrati nel 2020, grazie principalmente all’impatto positivo della crescita economica. L’agenzia ha sottolineato che €40 miliardi derivanti dai bonus edilizi hanno avuto un impatto significativo sulle finanze pubbliche italiane. Si prevede che la crescita per i prossimi anni rimanga intorno all'1%, anche se l'Italia potrebbe trarre vantaggio dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), ora in fase di implementazione e che da solo vale circa un +3% di crescita aggiuntiva di PIL nell'arco del Piano. La notizia è stata accolta con moderazione dal mercato: il rendimento del BTP a 10 anni è leggermente salito, 3,9%, mentre lo spread è calato a 137 punti. Valori nel range del 2024 che per ora non destano preoccupazioni. Tutto questo a pochi giorni dall’avvio della seconda tranche del BPT Valore, l’emissione di titoli di Stato a media scadenza riservata agli investitori retail.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.