La stagione degli utili del Q3 sarà il prossimo test per l’S&P 500

Pubblicato 07.10.2022, 16:48
US500
-
DJI
-
CVX
-
C
-
INTC
-
F
-
FDX
-
JPM
-
NVDA
-
CCL
-
NOC
-
LMT
-
XOM
-
LUV
-
COP
-
OXY
-
RTX
-
CL
-
DAL
-
UAL
-
NFLX
-
KMX
-
XLB
-
IXIC
-
TMUS
-
CCL
-
META
-
RCL
-
NCLH
-
XLY
-
XLE
-
XLF
-
XLI
-
XLK
-
DXY
-
XLC
-
TFMBMc1
-
  • La stagione degli utili del Q3 sarà un importante test per il mercato
  • S&P 500: per il Q3 attesa crescita utili del 2,9% e crescita dei ricavi dell’8,7%
  • Emergeranno energetici ed industriali
  • Finanziari e servizi di comunicazione probabilmente saranno in difficoltà
  • La stagione degli utili del terzo trimestre a Wall Street si aprirà la prossima settimana e gli investitori si preparano a quella che potrebbe essere la peggiore stagione in due anni.

    Gli analisti prevedono una crescita degli utili per l’S&P 500 di appena il 2,9%, la più lenta su base annua (yoy) dal Q3 2020, secondo FactSet.

    Il +8,7% yoy di crescita dei ricavi stimato sarebbe il primo sotto il 10% dal Q4 2020, dice FactSet.

    L’S&P 500 è sceso del 21,4% sull’anno in corso (ytd) ed è circa il 23% al di sotto della chiusura record del 3 gennaio. Intanto, l’indice Nasdaq è sceso del 29,2% ytd e si trova a circa il 31,7% al di sotto del suo record del 19 novembre 2021. L’indice Dow segna -17,6% ytd e si è staccato del 19% dal suo massimo di inizio anno.

    Stime Q3 per settore: vincitori e sconfitti

    Il settore energetico dovrebbe riportare l’aumento yoy degli utili maggiore, con ben +115,7% per gli EPS nel terzo trimestre, secondo FactSet. I ricavi del settore dovrebbero salire del 35,6% yoy grazie ai prezzi alti di petrolio e gas naturale.

    Q3 EPS Sector Estimates

    Gli industriali dovrebbero riportare il secondo maggiore aumento yoy degli utili, con +24,2% per gli EPS del Q3, con in testa compagnie aeree ed il settore aerospazio e difesa. E dovrebbe registrare il quarto maggiore aumento yoy del fatturato, con le vendite del Q3 su del 12,7%.

    Al contrario, il settore dei servizi di comunicazione dovrebbe registrare un tonfo del 13,2% degli utili yoy.

    Q3 Revenue Sector Estimates

    I finanziari dovrebbero registrare un mero aumento del 2,6% yoy dei ricavi ed un tonfo dell’11,8% yoy degli EPS del Q3.

    Le maggiori revisioni al rialzo delle stime degli EPS nel Q3

    ExxonMobil (NYSE:XOM) e Chevron (NYSE:CVX) dovrebbero dare il contributo maggiore all’impennata degli utili del settore energetico, dice FactSet, con una crescita a tre cifre dei profitti e a due cifre delle vendite.

    Altri nomi che vedranno un miglioramento dei risultati finanziari del Q3 sono Occidental Petroleum (NYSE:OXY), che registrerà EPS di 2,68 dollari, con +208% rispetto all’anno prima, e ConocoPhillips (NYSE:COP), che segnerà +117% yoy negli EPS.

    Nel settore industriale, sono da seguire Delta Air Lines (NYSE:DAL), Southwest Airlines (NYSE:LUV), e United Airlines (NASDAQ:UAL).

    Raytheon Technologies (NYSE:RTX), Lockheed Martin (NYSE:LMT) e Northrop Grumman (NYSE:NOC) sono nomi del settore industriale che avranno revisioni al rialzo delle stime sugli EPS del Q3.

    Titoli che vedranno i maggiori tagli delle stime sugli EPS del Q3

    Meta Platforms (NASDAQ:META) e Netflix (NASDAQ:NFLX) danno il maggiore contributo al calo degli utili previsti per il settore dei servizi di comunicazione nel Q3. META dovrebbe vedere gli EPS crollare del 40% a 1,93 dollari, mentre Netflix del 31,7% a 2,18 dollari.

    Nel settore tecnologico il calo degli utili viene trainato da Intel (NASDAQ:INTC), che riporterà EPS di 0,35 dollari, con -79,5% rispetto ad un anno fa. NVIDIA (NASDAQ:NVDA) dovrebbe riportare -40% yoy negli EPS.

    Nel settore dei consumi discrezionali, società come Carnival (LON:CCL) (NYSE:CCL), Royal Caribbean (NYSE:RCL), e Norwegian Cruise Line (NYSE:NCLH) hanno tutte visto le loro stime tagliate nell’attuale contesto economico.

    Altri nomi da cui sarebbe meglio stare alla larga in vista dei report del Q3 sono CarMax (NYSE:KMX), FedEx (NYSE:FDX), T-Mobile (NASDAQ:TMUS), e Ford (NYSE:F).

    Biggest Q3 Downward Revisions

    È tutta questione di stime

    Gli investitori presteranno attenzione alle previsioni ed alle prospettive aggiornate per i prossimi mesi, tra aumenti di tassi di interesse, timori di una recessione e inflazione alle stelle.

    La forza del dollaro crea inoltre un ulteriore ostacolo per le compagnie con esposizione internazionale, soprattutto nei settori IT e dei materiali.

    Global Exposure By Sectors

    Altre questioni chiave probabilmente saranno i problemi delle filiere, lo stato di salute dei consumi USA e i piani futuri di assunzione.

    Considerate tutte queste preoccupazioni, mi aspetto di vedere una maggiore percentuale di compagnie abbassare le stime su utili e vendite per il Q4 2022 ed inizio 2023, nonché ritirare le previsioni.

    La stagione degli utili sarà aperta da JPMorgan Chase (NYSE:JPM) venerdì 14 ottobre, e Citigroup (NYSE:C).

    Prepariamoci alla volatilità.

    Nota: Al momento della scrittura, Jesse è long su Exxon, Chevron e Occidental Petroleum. È short su S&P 500 e Nasdaq 100 tramite il ProShares Short S&P 500 ETF (SH) ed il ProShares Short QQQ ETF (PSQ). Le opinioni presentate in questo articolo sono unicamente l’idea dell’autore e non devono essere considerate un consiglio di investimento.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.