Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Le small cap potrebbero essere duramente colpite dalla tassa di Biden sugli asset non venduti

Pubblicato 30.04.2024, 11:00
US2000
-

In caso ve lo foste perso, su famiglie e imprese americane incombe un aumento delle tasse da 5 mila miliardi di dollari con l’ultima proposta di bilancio del Presidente Joe Biden, che includerebbe una tassa annua minima del 25% sulle plusvalenze non realizzate per chi ha entrate e asset superiori a 100 milioni di dollari.

Se dovesse essere approvata, l’aliquota marginale massima sui guadagni a lungo termine e sui dividendi salirebbe a ben il 44,6%, la più alta di questo tipo nella storia degli Stati Uniti.

Capital Gains Tax

Il piano di Biden propone altri cambiamenti alle norme fiscali, ma concentriamoci sulla parte che riguarda i guadagni non realizzati, perché potrebbe avere conseguenze indesiderate per l’economia statunitense, la libertà personale e il tessuto stesso dell’innovazione americana.

In realtà, non credo che un Congresso profondamente diviso sarebbe in grado di trovare i voti necessari per approvare questa politica, ma è importante che la gente sia almeno consapevole delle possibili conseguenze.

Quando i guadagni non sono guadagni

L’idea di tassare le plusvalenze non realizzate - l’aumento di valore di un bene, come una proprietà o titoli, che non è ancora stato venduto - non solo non ha precedenti, ma è fondamentalmente sbagliata.

Immaginate di comprare le azioni di una compagnia per un milione di dollari e che, l’anno dopo, queste azioni si apprezzino a 1,5 milioni. Con il piano di Biden, dovreste pagare le tasse su questi 500.000 dollari, pur non avendo venduto le azioni né realizzato alcun profitto.

Ora, immaginate che il valore del titolo torni a 1 milione di dollari l’anno dopo. Avete già pagato il 25% su un guadagno che esisteva solo sulla carta, e ora vi ritrovate a dover sostenere un onere finanziario senza alcun beneficio economico effettivo.

Si può capire come questa politica possa non andare a genio alla comunità degli investitori. Come ha twittato la scorsa settimana l’imprenditore Anthony Pompliano: “Se vogliono riscuotere i guadagni non realizzati, avremo bisogno di rimborsi sulle perdite non realizzate”.

Scott Melker, conduttore del popolare podcast Wolf of All Streets, ha commentato che gli investitori facoltosi impiegheranno semplicemente una strategia speciale per minimizzare l’impatto di questo ulteriore onere fiscale.

Se le tasse passano al 44% sulle plusvalenze, i ricchi si limiteranno ad accendere altri prestiti contro i loro portafogli e non venderanno mai.

E l’interesse su questi prestiti è… DEDUCIBILE DALLE TASSE!

Il governo guadagnerà di meno.

Noioso.

— The Wolf Of All Streets (@scottmelker) 26 aprile 2024

Impatto su small cap e startup

Questa politica potrebbe drasticamente distorcere il comportamento di investimento, soprattutto per quanto riguarda le small cap, le start-up e le compagnie agli inizi.

Sapendo che i loro guadagni non realizzati saranno tassati, gli investitori sarebbero meno propensi a investire in aziende orientate alla crescita, che tendono a subire maggiori oscillazioni di valutazione su base annua rispetto a società più grandi e consolidate.

La conseguenza? Un tasso di innovazione più lento e una crescita ridotta della produttività.

Ampia opposizione alle nuove misure fiscali

Probabilmente non sarete sorpresi di sapere che gli americani sono contrari alla tassazione dei guadagni non realizzati.

L’opposizione a queste politiche fiscali non è solo finanziaria ma profondamente psicologica, radicata negli ideali americani di giustizia e diritto di godersi il frutto del proprio lavoro senza interferenze del governo.

Come le politiche fiscali influenzano i cambiamenti demografici

Tasse più alte influenzano anche i cambiamenti demografici.

I dati del Census Bureau lo mostrano chiaramente: si verifica una significativa migrazione netta verso gli stati in cui le tasse sono al di sotto della media nazionale. Guardiamo il grafico sotto. New York, Illinois e California, che applicano pesanti tasse ai loro residenti, hanno visto le maggiori percentuali di persone andarsene tra il 2020 e il 2023, mentre Texas, Florida e South Carolina hanno registrato la crescita più veloce della popolazione.

Change in State Populations

Le small cap avvertono la pressione

Tutto questo in un contesto di aumento dei rendimenti dei Treasury mentre persistono i timori per l’inflazione e aumentano i dubbi che la Federal Reserve riuscirà ad abbassare i tassi quest’anno. Gli alti costi di prestito hanno colpito tutti noi, ma sono un problema soprattutto per le small cap, generalmente più sensibili ai cambiamenti economici a causa dei debiti elevati e dei minori cuscinetti finanziari.

Il grafico sotto mostra la relazione inversa tra il rendimento decennale e il Russell 2000. Quando il rendimento dei bond è scambiato sopra la media mobile su 50 giorni, il sell-off dei titoli small cap accelera.

Yields vs. Small Caps

I titoli small cap potrebbero continuare a incontrare ostacoli significativi, soprattutto se i tassi resteranno alti e se Biden riuscirà a tassare i guadagni non realizzati. Rispetto all’S&P 500, le small cap sono scambiate ai minimi dalla bolla delle dotcom, il che le rende un’interessante potenziale opportunità di investimento.

***

La performance passata non è garanzia dei risultati futuri. Tutte le opinioni espresse e i dati forniti sono soggetti a modifiche senza preavviso. Alcune di queste opinioni potrebbero non essere adatte a tutti gli investitori. Facendo clic sui link sopra indicati, si viene indirizzati a siti web di terzi. U.S. Global Investors non approva tutte le informazioni fornite da questi siti web e non è responsabile del loro contenuto.

L’indice Russell 2000 è composto dalle 2000 compagnie più piccole dell’indice Russell 3000, che rappresentano circa l’8% della market cap totale del Russell 3000.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.