⌛ Persi i guadagni 13% di ProPicks a maggio? Abbonati ora, prendi i titoli di giugno scelti dall'AI.Sblocca azioni

L’S&P 500 continuerà a brillare? Questi pattern di marzo lasciano presagire altri ritorni positivi

Pubblicato 05.03.2024, 13:55
UK100
-
FCHI
-
DJI
-
US2000
-
DE40
-
ES35
-
STOXX50
-
IT40
-
JP225
-
BA
-
CVX
-
MSFT
-
GS
-
MCD
-
JBLU
-
AMZN
-
AMGN
-
XOM
-
CRM
-
WBA
-
UNH
-
IXIC
-
8031
-
8053
-
8058
-
ITOCY
-
MARUY
-
UBER
-
  • In questo articolo, parleremo di due indicatori storicamente affidabili per l’S&P 500, che prospettano una performance positiva.
  • Inoltre, vedremo come i recenti sviluppi del Dow Jones stiano mettendo alla prova una convinzione degli investitori.
  • E poi, scopriremo i titoli con il maggiore potenziale di trainare al rialzo il Dow Jones quest’anno.
  • Abbonatevi ora e approfittate di uno sconto fino al 38% per un periodo limitato per il piano annuale!
  • Marzo potrebbe vedere l’S&P 500 continuare a registrare rialzi, secondo i pattern storici. Questi trend si sono dimostrati corretti molte volte in passato, ma solo il tempo dirà se continueranno ad essere indicatori affidabili.

    I due pattern storici sono i seguenti:

    • Innanzitutto, quando l’S&P 500 è salito a novembre, dicembre, gennaio e febbraio, non è mai sceso nei 12 mesi successivi. A marzo, il ritorno medio è stato del 2,1%. Nei 10 mesi seguenti, il ritorno medio è stato +14,9%, mentre per i 12 mesi successivi è stato +17,4%.
    • Inoltre, quando l’S&P 500 è salito a gennaio e febbraio, è salito 27 volte su 28 dal 1950 nei 12 mesi seguenti. A marzo, il ritorno medio è stato +1,40%. Nei 10 mesi seguenti, il ritorno medio è stato +12,2%, mentre per i 12 mesi successivi è stato +14,80%.

    Intanto, il Dow Jones apporta dei cambiamenti

    Il Dow Jones sta apportando dei cambiamenti. Amazon (NASDAQ:AMZN) sostituisce Walgreens (NASDAQ:WBA) e Uber (NYSE:UBER) prende il posto di JetBlue (NASDAQ:JBLU).

    Evolution

    Walgreens viene silurato per la deludente redditività, essendo crollato del 58,22% da quando è entrato nell’indice. Al contrario, Amazon è schizzato del 178.602% dal debutto sul mercato e dall’inclusione nell’indice.

    Si crede che entrare in un indice avvantaggi i titoli, mentre uscirne li danneggi. L’idea è che quando un titolo entra in un indice importante, i fondi a gestione passiva che replicano l’indice devono comprarne le azioni per mantenere un’accurata replica della performance. Al contrario, quando un titolo esce, i fondi non sono più obbligati a comprare le azioni.

    Tuttavia, questo ragionamento non sempre si è dimostrato corretto. Ad esempio, l’ultima volta che il Dow Jones ha visto dei cambiamenti è stato quattro anni fa, con Salesforce (NYSE:CRM) che ha rimpiazzato Exxon Mobil (NYSE:XOM). Da allora, le azioni di Exxon Mobil hanno visto un ritorno annuale di +36%, rispetto a +9% di Salesforce.

    Esaminando uno studio di Jeremy Siegel e Jeremy Schwartz, le compagnie che sono uscite dall’S&P 500 (1957-2003) hanno avuto una performance superiore, in media, a quelle che sono entrate. Trend simili si osservano nei titoli usciti dall’indice Russell 2000 (1979-2004) rispetto a quelli entrati.

    In realtà, la logica dietro ai cambi degli indici non è sempre valida. Quindi, bisogna essere cauti ad ipotizzare che questa regola valga sempre.

    Quali titoli del Dow Jones possono trainare i guadagni quest’anno?

    Wall Street ha una lista di titoli che potrebbero far salire il Dow Jones quest’anno.

    Ecco i titoli che contribuiranno di più al rialzo del Dow Jones quest’anno insieme al peso nell’indice:

    • UnitedHealth (NYSE:UNH) +16%
    • Microsoft (NASDAQ:MSFT) +14%
    • Boeing (NYSE:BA) +28%
    • McDonald’s (NYSE:MCD) +11%
    • Amazon +17,5%
    • Chevron (NYSE: Chevron) (NYSE:CVX) +17%
    • Goldman Sachs (NYSE:GS) +6,5%
    • Amgen (NASDAQ:AMGN) +9%

    Nikkei 225: l’indice può continuare il rialzo storico?

    Ci sono voluti più di tre decenni, ma il Nikkei 225 è finalmente riuscito a segnare massimi storici e infrangere i record segnati nel dicembre 1989. L’indice ha superato il livello di 40.000 per la prima volta nella storia.

    Nikkei 225 Price Chart

    Notiamo che al suo picco nel 1989, il Giappone aveva un indice CAPE di 78, che lo rendeva una bolla, rispetto a un CAPE di 18 per il mercato azionario statunitense all’epoca.

    Mesi fa, Warren Buffett aveva già espresso il suo interesse nel mercato azionario nipponico aumentando la sua partecipazione del 5% in queste cinque compagnie:

    Performance del mercato azionario finora nel 2024:

    Ecco come si piazzano i principali indici azionari mondiali finora nel 2024:

    Sentiment degli investitori (AAII)

    Il sentiment bullish, ossia le aspettative che i prezzi dei titoli azionari saliranno nei prossimi sei mesi, è salito al 46,5% e resta sopra la sua media storica del 37,5%.

    Il sentiment bearish, ossia le aspettative che i prezzi dei titoli azionari scenderanno nei prossimi sei mesi, è sceso al 21,3% e resta sotto la sua media storica del 31%.

    ***

    Investi sul mercato azionario? Organizza il tuo portafoglio più redditizio QUI con InvestingPro!

    Approfittane ORA! Usa il codice INVESTINGPRO1 e ottieni uno sconto del 40% sull’abbonamento biennale. E avrai anche:

    • ProPicks: Portafogli di titoli gestiti dall’IA con performance comprovata.
    • ProTips: Informazioni assimilabili per sintetizzare un sacco di complessi dati finanziari in poche parole.
    • Filtro titoli avanzato: Cerca i titoli migliori in base alle tue aspettative, prendendo in considerazione centinaia di indicatori finanziari.
    • Dati finanziari storici per migliaia di titoli: In modo che i professionisti dell’analisi fondamentale possano approfondire da soli tutti i dettagli.
    • E molti altri servizi, compresi quelli che lanceremo a breve.

    Fai in fretta e unisciti alla rivoluzione degli investimenti: approfitta dell’offerta QUI!

    Subscribe Today!

    Nota: L’autore non possiede nessuna di questi asset. Questo contenuto ha uno scopo puramente educativo e non può essere considerato un consiglio di investimento.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.