Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

POSSIBILE CAMBIO DI ROTTA PER WALL STREET?

Pubblicato 18.02.2024, 21:59
Aggiornato 18.01.2024, 11:22

La settimana di contrattazione appena trascorsa è stata caratterizzata dalle rilevazioni sull’inflazione negli U.S.A.
I dati in questione hanno deluso le attese, con l’indice dei Prezzi al Consumo (IPC) su base annuale al 3,1% contro il 2,9% atteso e un IPC su base mensile al 0,3% contro il 0,2% atteso.
I rendimenti obbligazionari, infatti, hanno nuovamente ripreso a salire, a causa un’inflazione che sembra non volere ad oggi abbassare la testa e che porterebbe la Federal Reserve a tenere i tassi ancora alti, con un possibile primo taglio solo nel periodo maggio/giugno.
La possibilità di una politica restrittiva ancora lunga da parte della FED ha portato, nella giornata di martedì 13 febbraio, i principali listini del mercato americano a una flessione del 1/2%.
A confermare questo leggero ribasso ci ha inoltre pensato anche l’Indice dei Prezzi di Produzione (IPP), in uscita venerdì 16 febbraio, anche esso superiore alle attese 0,3% su 0,1% atteso.
L’insieme di questi dati ha fatto sì che gli indici Statunitensi principali NASDAQ e SP500, dopo 5 settimane ampiamente positive, chiudessero l’ottava con un lieve ribasso.

SP500 e la sua stagionalità per i mesi di FEBBRAIO/MARZO




Da inizio 2024 il principale indice di Wall Street S&P 500 è oramai salito di oltre l’8%.
La domanda che dunque tanti investitori si pongono è: finirà mai questa salita che ci accompagna da ottobre 2023?
Il grafico sopra rappresenta la stagionalità del suddetto indice negli ultimi 20 anni.
Come si può facilmente notare, sembrerebbe che proprio nel periodo che stiamo per accingerci ad affrontare, il mercato statisticamente abbia una flessione che in modo preciso va dalla seconda metà di febbraio alla prima metà di marzo.
Come sappiamo il rialzo dell’ultimo anno è stato determinato dalle magnifiche 7 (TESLA, META, GOOGLE, AMAZON (NASDAQ:AMZN), APPLE (NASDAQ:AAPL), NVIDIA e MICROSOFT (NASDAQ:MSFT)). In settimana proprio la più ‘’prestante’’ di queste 7 aziende NVIDIA Corporation (NASDAQ:NVDA) presenterà la propria trimestrale. Potrebbero essere proprio queste rilevazioni a determinare l’andamento del mercato per le prossime settimane.

Buon trading a tutti!




Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.