⌛ Persi i guadagni 13% di ProPicks a maggio? Abbonati ora, prendi i titoli di giugno scelti dall'AI.Sblocca azioni

Asia in calo su tensioni Iran/Israele, ma Cina rimbalza grazie al sostegno del governo

Pubblicato 15.04.2024, 04:54
© Reuters
AXJO
-
NSEI
-
KS11
-
HSCE
-
SSEC
-
HSH35
-
CSI300
-
HSTECH
-

Investing.com-- La maggior parte dei titoli asiatici ha subito un forte ribasso lunedì, a causa della propensione al rischio, colpita dall'attacco iraniano contro Israele, mentre le persistenti preoccupazioni per un aumento dei tassi d'interesse statunitensi a lungo termine hanno pesato.

I titoli cinesi sono stati gli unici a sovraperformare la giornata, rimbalzando dai minimi di oltre un mese grazie al sostegno di Pechino.

I mercati regionali hanno subito la debolezza di Wall Street, che venerdì è crollata a causa della crescente ansia da taglio dei tassi e della debolezza degli utili delle principali banche. Ma i futures sugli indici azionari statunitensi sono saliti leggermente negli scambi asiatici.

I titoli asiatici affondano tra le tensioni Iran-Israele e i timori per i tassi di interesse

L'indice giapponese Nikkei 225 è stato tra i peggiori performer della giornata, perdendo l'1,2% mentre gli investitori hanno continuato a bloccare i profitti in prossimità dei recenti massimi storici.

I dati che mostrano un rimbalzo di ordini di macchinari di base a febbraio - che indica un miglioramento della spesa in conto capitale - non hanno contribuito a risollevare il sentiment. I dati di Indice dei prezzi al consumo per marzo - attesi in settimana - sono un punto chiave per i mercati giapponesi.

In Corea del Sud, KOSPI è sceso dello 0,8% in quanto i dati commerciali di marzo hanno mostrato un aumento limitato di esportazioni, mentre importazioni ha subito una contrazione.

L'australiano ASX 200 ha perso lo 0,5%, anche se l'aumento dei prezzi dei metalli ha favorito alcuni titoli minerari.

I futures sull'indice indiano Nifty 50 indicano un'apertura negativa dopo che l'indice è crollato dai massimi storici di venerdì.

In settimana sono previsti anche i dati sull'inflazione indiana.

I mercati regionali hanno dovuto fare i conti con la debolezza della propensione al rischio dopo che l'attacco iraniano a Israele nel fine settimana ha fatto crescere le preoccupazioni di una guerra più ampia in Medio Oriente. Ma l'impatto dell'attacco è stato limitato e Teheran ha anche segnalato una conclusione della sua offensiva contro Israele.

Anche i titoli asiatici hanno subito una debole spinta dalla chiusura di Wall Street di venerdì. Gli indici azionari statunitensi sono crollati dopo una serie di utili deboli da parte dei principali titoli bancari.

I dati sull'inflazione, più caldi del previsto, pubblicati la scorsa settimana, hanno visto i mercati ridimensionare le aspettative di un taglio anticipato dei tassi di interesse.

I titoli cinesi rimbalzano grazie al sostegno del governo

Gli indici cinesi Shanghai Shenzhen CSI 300 e Shanghai Composite sono saliti rispettivamente dell'1,8% e dell'1,2%, rimbalzando dai minimi di un mese e mezzo toccati la scorsa settimana.

Il sentimento verso i titoli locali è stato sostenuto anche dalle notizie riportate dai media locali, secondo cui il governo avrebbe promesso un maggiore sostegno ai mercati dei capitali locali.

I principali fondi statali hanno acquistato azioni di banche cinesi di peso elevato, il che ha rappresentato un punto di forza per gli indici azionari cinesi.

I mercati cinesi hanno risentito della debolezza dei dati economici della scorsa settimana, con le letture di inflazione e commercio per marzo che hanno entrambi mancato le aspettative.

I titoli di Hong Kong riflettono ancora il sentimento negativo nei confronti della Cina. Il Hang Seng è sceso dello 0,7% lunedì, appesantito dalle perdite dei titoli della Cina continentale.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.