Ultime Notizie
Chiusura
Investing Pro 0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Fai l’upgrade ora

Borse europee in calo dopo annuncio Fed su aumento tassi

Mercato azionario27.01.2022 09:49
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
© Reuters.

Di Alessandro Albano

Investing.com - Borse europee in netto calo in scia a Wall Street, dopo la conferma di un imminente aumento dei tassi d'interesse da parte della Federal Reserve mercoledì sera, che sarà seguito subito dopo dalla riduzione del bilancio della banca.

Al momento, il FTSE MIB perde lo 0,6% (-164 punti) con UniCredit (MI:CRDI) in riunione per approvare i conti trimestrali, il Dax cede l'1,4%, il Cac cala al -0,9%, mentre l'Euro Stoxx 50 registra il -1,3%.

In Usa, lo S&P 500 ha invertito la rotta positiva e ha perso lo 0,2%, il Dow Jones ha perso lo 0,4%, mentre il Nasdaq ha chiuso sulla parità. Andamento negativo anche per le borse asiatiche, con Nikkei 225 in calo del 3,1%, ASX 200 in rosso dell'1,8%, Hang Seng al -2,4% e Shanghai Composite al -1,8%.

Si segnala il movimento del titolo decennale, attestatosi intorno all’1,85% dopo l'annuncio del Marriner S.Eccles Building, mentre lo spread tra i rendimenti dei titoli a cinque e 30 anni si è abbassato ai minimi dal 2019.

La banca centrale statunitense ha annunciato ieri sera di essere "pronta ad alzare i tassi" nel mese di marzo, e subito dopo, con la fine degli acquisti obbligazionari ad inizio mese, darà inizio al processo di riduzione del bilancio, un segnale della fine delle politiche ultra-espansive che hanno contraddistinto il biennio pandemico.

"Con un'inflazione ben al di sopra del 2 per cento e un mercato del lavoro forte, il Comitato (FOMC) prevede che presto sarà opportuno aumentare l'intervallo dei tassi sui fondi federali", si legge nella nota diffusa a margine della decisione. Il programma di acquisti verrà terminato "all'inizio di marzo", mentre la riduzione della dimensione del bilancio comincerà "dopo l'inizio del processo di aumento dei tassi d'interesse". Il roll-off, precisa la banca in uno statement separato, verrà attuato "in modo prevedibile" e "adeguato".

La parola più usata da Powell durante la conferenza stampa , afferma in una nota di ricerca Antonio Tognoli, head of research di Integrae SIM, "è stata flessibilità". "L’azione della FED nei prossimi mesi non è quindi preordinata, ma sarà guidata dal flusso di dati. In sostanza non è possibile prevedere quanti rialzi dei tassi ci saranno nel 2022", afferma l'esperto, ma la Fed "è consapevole di trovarsi tra l’incudine dell’inflazione e il martello della crescita economica".

Nel mercato FX, l'EUR/USD rompe il supporto di 1,12, GBP/USD perde lo 0,3% a 1,3415, mentre USD/JPY avanza al +0,3% una rea 115, con Indice del Dollaro in aumento dello 0,9% a 96,83 ai massimi di un anno e mezzo.

Tra le materie prime, il Brent arretra dello 0,1% a $88,63$ per barile, mentre il WTI è pressoché fermo a $87,60, con l'oro a $1.812 l'oncia dai $1.850 di due giorni fa.

"Non è il 2015, certo. Il debito degli stati è esploso e i debiti qualcuno li deve pagare Powell ha però tenuto a ribadire che l’andamento economico attuale è molto più forte rispetto a quello del 2015, il mercato del lavoro è più solido, ma l’inflazione è decisamente più alta. Grazie alla forza dei fondamentali economici, l’aumento dei tassi non dovrebbe tuttavia danneggiare in modo grave la crescita del PIL e il mercato del lavoro, anche se le differenze tra i due periodi avranno ovviamente un peso nelle decisioni", ha aggiunto Tognoli di Integrae SIM.

Borse europee in calo dopo annuncio Fed su aumento tassi
 

Articoli Correlati

SocGen, Ceo Oudea lascerà gruppo in 2023
SocGen, Ceo Oudea lascerà gruppo in 2023 Da Reuters - 17.05.2022

PARIGI (Reuters) - Societe Generale ha comunicato che Frederic Oudea, attuale Ceo, non si candiderà per un nuovo mandato alla prossima assemblea degli azionisti il 23 maggio...

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (5)
Roberto De Putti
Roberto De Putti 27.01.2022 17:17
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
......hahahahaha .......sembrava in calo.....
Emanuele Paris
Bigmème 27.01.2022 11:17
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
anni fa, in un paper molto carino, studiammo Paul Volker; lo shock petrolifero era alle spalle, l'inflazione era allo stesso livello benchè di intensità diversa: quando fu eletto governatore nel 1979 l'inflazione mostrava un tendenziale del 10%; all'inizio del 1981 Volker aumentò il tasso sui fed funds oltre il 20%; nel giro di 6 anni il tasso d'inflazione scese dal 13,5% del 1982 all'1,9% nel 1986. Il pil ballò molto in quegli anni: si passò da una media dello 0,7% ad un -8% nel secondo trimestre dell'1980 seguito da un +7,7% e +8,1%; nei due trimestri successivi ancora un -2,9%, poi un +4,9, ed ancora un -4,3%, -6,1% etc; solo nel secondo trimestre del 1983 il pil si stabilizzò e fino al 1986 mostrò una media di +6.9%. La disoccupazione aumentò al 9,6% per poi attestarsi ad una media del 7%. Ma quella stretta fu accompagnata da deficit spending di Regan. Molte cose sono cambiare a partire della dinamicità del sistema economico, e dal fatto che gli USA hanno un debito fuori controllo.
Emanuele Paris
Bigmème 27.01.2022 10:54
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
nulla di nuovo apparentemente, ma c'è qualcosa che al mercato non è piaciuto e non può piacere. Ho seguito la conferenza stampa e la parola usata da Powell non è flessibilità ma imprevedibilità, ed è questo il problema per i mercati. Il prevedibile ci sta, ma l'adeguato significa tutto e nulla. Secondo me hanno sbagliato portando il sistema in overshooting in modo irresponsabile, ma ormai la frittata è fatta; a questo punto apprezzo l'approccio di Powell: in questa fase non dare certezze al mercato è una specifica forma di forward guidance, e viene molto utile per tenersi le mani libere e portare il mercato in soft landing: perchè evidentemente non c'è unanimità in seno alla FED, e sopratutto si sono accorti che la situazione è molto stressata sotto il lato inflattivo. A questo punto meglio navigare a vista in modo da tutelare la propria credibilità. Per altro io a differenza delle teorie vigenti sono per dare meno informazioni al mercato come una precisa forma di forward guidance
Aldo Dalla
Aldo Dalla 27.01.2022 10:54
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
condivido, cmq il presidente è stato molto vago a mio parere
Emanuele Paris
Bigmème 27.01.2022 10:54
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Aldo Dalla  beh, aldo, non poteva essere altrimenti; sta facendo un gioco pericoloso, potrebbe passare alla storia come il presidente che portò il paese alla soglia dell'iperinflazione. Certo di errori di comunicazione ne ha fatti molti, ma almeno cosi si tiene le mani libere. In molte sale studi sono convinti che dovrà frenare molto più pesantemente di quello che ci si aspetta; io ho paura che cosi come ha portato gli USA in overshooting positivo, gli potrebbe tramere il ********e stringere più di quello che occorrerebbe. Vedremo, ma non dare riferimenti al mercato a questo punto a mio avviso è la scelta migliore.
Roberto De Putti
Roberto De Putti 27.01.2022 10:07
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
...in calo.....aspetta a dirlo, stanno recuperando, adesso è in  buy !
ws trader
ws trader 27.01.2022 9:58
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Perché dove era la novità?Si sa da Ottobre che aumenterà i tassi,quindi ?
Lorenzo Ghiselli
Lorenzo Ghiselli 27.01.2022 9:58
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Ha ragione chi ha scritto più sopra che il problema è l'imprevedibilità delle cose.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Le nostre Apps
Scarica l'AppApp store
Investing.com
© 2007-2022 Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
  • Iscriviti GRATIS e ricevi:
  • Allerte in tempo reale
  • Portafoglio avanzato
  • Grafici personalizzati
  • App completamente sincronizzata
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email