Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Tonfo di BASF, le svalutazioni in Russia causano perdita da 4,8 miliardi di euro

Pubblicato 24.02.2023, 11:08
© Reuters.
EUR/USD
-
BASFN
-

Di Geoffrey Smith

Investing.com - Il titolo BASF (ETR:BASFN) crolla ai minimi delle ultime otto settimane questo venerdì, il colosso chimico tedesco ha dato seguito alla minaccia di tagliare migliaia di posti di lavoro in risposta alle ingenti perdite causate dall’impennata degli energetici dello scorso anno.

La più grande azienda chimica europea ha annunciato che taglierà 2.600 posti di lavoro in tutto il mondo - di cui 700 presso la sede centrale di Ludwigshafen - dopo aver perso 4,85 miliardi di euro (1 euro = 1,0588 dollari) lo scorso anno, soprattutto a causa dell'impennata dei prezzi dell'energia e della svalutazione degli ingenti investimenti in Russia.

A dimostrazione dei danni causati dalla guerra alla base industriale europea, questo venerdì BASF ha dichiarato che chiuderà uno dei suoi due impianti di ammoniaca a Ludwigshafen, insieme alle relative attività di produzione di fertilizzanti. Smetterà inoltre di produrre carbonato di sodio, nonché cicloesanolo e cicloesanone, due elementi fondamentali per la produzione di tessuti artificiali, pitture e vernici.

L'anno scorso il conto per i combustibili di BASF è aumentato di 3,2 miliardi di euro, poiché l'azienda è stata costretta a cercare fonti alternative di gas a prezzi senza precedenti. Solo a Ludwigshafen, BASF ha finito per pagare 1,4 miliardi di euro in più per il gas nel 2022 rispetto al 2021, nonostante abbia ridotto i consumi del 35%.

Il gruppo aveva già avvertito che l'impennata dei prezzi dell'energia aveva danneggiato gravemente la competitività globale dei suoi impianti in Germania. Questi avevano beneficiato per anni di gas naturale a basso costo e affidabile proveniente dalla Russia, utilizzato sia come combustibile che come materia prima per le sue operazioni di chimica organica.

La perdita netta del gruppo è stata molto più consistente di quanto annunciato a gennaio, in parte a causa della decisione di svalutare le attività russe della sua controllata upstream Wintershall Dea, costata 6,5 miliardi di euro. Di questi, circa 4,7 miliardi di euro sono finiti nel conto economico del quarto trimestre.

Gli utili prima degli interessi e delle imposte si sono esauriti nel quarto trimestre, con un tonfo del 90% a 119 milioni di euro. Il fatturato è sceso del 2,3%, poiché il calo del 15% dei volumi di vendita è stato in parte compensato da un aumento del 9,2% dei prezzi medi. I risultati sono stati inoltre aiutati da un +4,5% derivante dai tassi di cambio, che riflette la debolezza dell’euro rispetto al dollaro.

Per l'anno in corso, BASF ha dichiarato di aspettarsi un calo delle vendite di circa il 2%, per un valore che si aggira intorno agli 85,5 miliardi di euro, mentre gli utili prima degli interessi e delle imposte dovrebbero scendere di oltre il 20% a circa 5,1 miliardi di euro.

Il gruppo era anche azionista dei consorzi che hanno costruito i due gasdotti Nord Stream, distrutti l'estate scorsa dopo che la Russia aveva interrotto unilateralmente le forniture di gas alla Germania nel tentativo di fare pressione sull'Europa affinché accettasse i suoi obiettivi in Ucraina.

Nonostante le svalutazioni, la società ha mantenuto la proposta di un dividendo a 3,40 euro per azione. Questo non ha impedito al titolo di crollare del 6,9% al momento della scrittura, ai minimi da inizio gennaio.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.