L'aumento di oltre il 45% di Pirelli era prevedibile? ecco come fare!Leggi altro

2 Statistiche interessanti sul mercato azionario 2023

Pubblicato 17.02.2023, 09:03
US500
-
KO
-
WMT
-
GOOG
-

Ieri sono usciti i dati sul mercato del lavoro USA, con i sussidi di disoccupazione cresciuti meno del previsto (194 mila rispetto ai 200 mila attesi), ed il dato sull’indice dei prezzi alla produzione (il “cugino” del dato sui prezzi al consumo) in salita del +0.7% rispetto al +0.4% atteso.

I mercati hanno reagito quindi come sempre, con un approccio negativo spaventati sempre che una combinazione di mercato del lavoro robusto ed inflazione in salita possa indurire ulteriormente la Fed.

Come sempre tuttavia si è trattato di una reazione di 1 giorno, che va sempre approfondita all’interno di un contesto che vede da inizio anno (per ora) mercati in ripresa.

Ho quindi preso due dati molto interessanti che vorrei mostrarvi oggi…

Fonte: sentmentrader

Il dato numero 1, è che dal superamento della Media Mobile a 200 giorni (parliamo di indice S&P 500 sempre) i prezzi si sono mantenuti sopra (al 14.2) per 18 giorni consecutivi, dopo un calo superiore al 20% nell’anno precedente.

Abbiamo avuto 11 casi di anni simili, e nel 100% dei casi, come vedete dalle ultime 3 colonne, a distanza di 3,6 e 12 mesi, il mercato ha sempre registrato performance positive, a 6 e 12 mesi addirittura in doppia cifra. Questo fa rima un po' con un’altra statistica di cui vi avevo parlato qualche tempo fa, ovvero quando gennaio ha chiuso con un risultato superiore al 5%, storicamente l’anno è sempre andato bene ed in doppia cifra.

Ancora una volta ci tengo a dire che queste non sono certezze, ma dati storici per cui dobbiamo investire cercando per quanto possibile di mettere le probabilità dalla nostra parte.

Anche perché ho già mostrato in un’analisi precedente, che anche il dato sull’inflazione (IPC) dovrebbe calare nei prossimi 2 mesi per via dell’effetto base.

La seconda statistica, molto curiosa riguarda le valutazioni.

Fonte: Charliebilello

Infatti vediamo come sia il crollo dei titoli tech nel 2022, che la rotazione growth/value abbia portato paradossalmente ad un cambio di prospettiva che forse non molti hanno notato. Ovvero per la prima volta dopo molti anni, le big tech sono più a sconto rispetto alle big normali. Il P/E di Google (NASDAQ:GOOGL) infatti è pari a 21 volte gli utili contro ad esempio i 26 di una Coca-Cola Co (NYSE:KO) o i 45 di una Walmart Inc (NYSE:WMT).

Ragionando in prospettiva (io ho comprato Google recentemente nei cali peraltro) le trimestrali dovrebbero migliorare dopo qualche mese di rallentamento, ed anche ragionando in ottica recessiva (ammesso che una recessione di qualche tipo ci sarà), solitamente i tech sono un settore che ben si presta in queste fasi.

Come sempre nessuno ha la sfera di cristallo, ma alcune considerazioni a riguardo vanno fatte.

Vi ricordo che martedì alle 17 terrò il webinar “Investire con gli ETF: come scegliere i migliori”(potete iscrivervi gratuitamente a questo link) che sarà molto utile anche ai fini della nuova rubrica 60/40 che partirà sempre la prossima settimana.

Alla prossima!

"Quest'articolo è stato scritto a titolo esclusivamente informativo; non costituisce sollecitazione, offerta, consigli, consulenza o raccomandazione all'investimento in quanto tale non vuole incentivare in nessun modo l'acquisto di assets. Ricordo che qualsiasi tipo di assets, viene valutato da più punti di vista ed è altamente rischioso e pertanto, ogni decisione di investimento e il relativo rischio rimangono a carico dell'investitore"

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.