Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

S&P 500, Euro Stoxx 50 o FTSE 100: quale andrà meglio nel 2023?

Pubblicato 17.02.2023, 12:58
NDX
-
UK100
-
DJI
-
DE40
-
ES35
-
STOXX50
-
JP225
-
US10YT=X
-
  • Il FTSE 100 è il meno colpito dalla guerra in Ucraina, mentre il tedesco DAX è stato il più colpito
  • L’S&P 500 ha registrato molta volatilità nel 2023. Tuttavia, gli indicatori tecnici suggeriscono che resta in un canale bullish
  • L’Euro Stoxx 50, invece, ha una performance superiore all’S&P 500 finora nel 2023, per via della minore esposizione al settore tech
  •  S&P 500

    Tecnicamente, l’indice mantiene lo slancio rialzista da quando ha formato un bottom a metà ottobre e resta all’interno del suo canale bullish.

    La rottura sopra la media mobile su 200 giorni alla fine di gennaio conferma la forza.

    Ma perché non ha continuato a salire da inizio febbraio? Se guardiamo il grafico, possiamo vedere che, tracciando i livelli di Fibonacci, otteniamo una serie di livelli che fanno da obiettivi di rialzo. Il primo obiettivo è stato raggiunto a novembre, e il secondo a inizio febbraio.

    I livelli di Fibonacci non fanno solo da possibili obiettivi. Tendono anche a fare da supporto o resistenza. È successo quando è stato raggiunto il primo obiettivo, difficile da infrangere, e ora sta avvenendo lo stesso col secondo obiettivo.

    Il terzo è estremamente interessante, non solo perché è un livello di Fibonacci, ma anche perché è una resistenza. Quindi, il giorno in cui raggiungerà 4305, probabilmente si fermerà ad ossigenarsi e scenderà.

    Euro Stoxx 50

    Euro Stoxx 50 Daily Chart

    Avevo previsto che i titoli europei avrebbero battuto quelli statunitensi entro il 2023 il 9 gennaio. Finora, l’S&P 500 segna +8,02%. L’Euro Stoxx 50, +13,54%.

    È vero che le banche stanno beneficiando dell’aumento dei tassi, e che sia la Federal Reserve che la Banca Central Europea stanno continuando ad alzarli. Tuttavia, questo è un aspetto positivo per l’azionario europeo in quanto l’esposizione alle banche è maggiore in Europa, soprattutto per indici come l’IBEX 35.

    Inoltre, il settore tech è quello che soffre di più per l’aumento dei tassi di interesse, e i mercati azionari europei vi hanno meno esposizione rispetto a Wall Street.

    Come se non bastasse, ci sono anche dei mercati europei con maggiore esposizione alle materie prime, come il britannico FTSE e il settore energetico.

    Da un punto di vista tecnico, l’Euro Stoxx 50 continua a salire dai minimi di ottobre.

    Dobbiamo stare attenti perché si avvicina ad una forte resistenza a 4400-4402, formata nel novembre 2021 e che senza successo aveva provato ad infrangere nel gennaio 2022.

    Quindi, quando raggiungerà questo livello, è probabile che lo romperà nei primi tentativi e si sposterà verso il basso.

    FTSE 100

    FTSE 100 Daily Chart

    Non si parla spesso del britannico FTSE, o almeno non quanto si dovrebbe.

    L’indice è stato creato nel 1984. È il principale indice del Regno Unito e comprende 100 compagnie con la market cap più alta.

    Viene rivisto ogni tre mesi, il primo venerdì di marzo, giugno, settembre e dicembre.

    Qualche giorno fa, ha raggiunto nuovi massimi storici. La sua composizione lo rende in un certo senso differente dagli altri. Tra le 100 compagnie che compongono l’indice, c’è sempre un peso alto di compagnie appartenenti al settore delle materie prime.

    Ciò significa che, quando le materie prime sono in bull market, il FTSE 100 tende ad essere il mercato azionario con la performance migliore in Europa.

    Ed è proprio per questa inclinazione maggiore verso le materie prime e la minore esposizione al settore tech che il FTSE 100 ha battuto la maggior parte dei rivali nel 2022.

    È salito dello 0,91% rispetto al -8,78% del Dow Jones Industrial Average, -33% del Nasdaq 100, -5,56% dell’IBEX 35, -11,74% dell’Euro Stoxx, -12,35% del DAX e -9,37% del Nikkei 225.

    Portafoglio 60/40

    Consiste nell’investire il 60% del capitale in azioni, che hanno un potenziale di rischio più alto ed un maggiore potenziale di ritorno, e il 40% nei bond.

    Ma il 2022 ha cambiato tutto. Sulla base dei ritorni totali, l’S&P 500 è sceso del 18,1%, i Treasury decennali del 17,8% e il portafoglio 60/40 del 18%.

    Ma, nonostante la debole performance dell’anno scorso, il portafoglio 60/40 storicamente è andato bene. In effetti, se guardiamo agli ultimi 95 anni, vediamo che ha avuto ritorni positivi in 73 anni e perdite solo in 22.

    Gli anni peggiori sono stati:

    • 1931: -27,3%.
    • 1937: -20,7%.
    • 2022: -18%.
    • 1974: -14,7%.
    • 2008: -13,9%.

    Gli anni migliori sono stati:

    • 1954: +32,9%.
    • 1995: +31,7%.
    • 1933: +30,7%.
    • 1935: +29,8%.
    • 1985: +29%.

    Nota: L’autore non possiede nessuno degli asset menzionati.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.